lunedì 28 agosto 2017

Summer Minitrail: di corsa sul monte Canto con le luci frontali. Venerdì sera appuntamento estivo della Carvico Skyrunning

Count down azionato per l’evento estivo targato Carvico Skyrunning. La sera di venerdì primo settembre si corre il Summer Minitrail, una corsa non competitiva aperta a tutti. Iscrizioni super economiche da effettuarsi il giorno stesso presso il negozio Campo Base di Alessandro Chiappa a Carvico (Bg). Cena inclusa nel pacco gara. 

Lo spirito di squadra dell’asd Carvico Skyrunning riesce a trascinare e avvicinare, oltre ai campioni che si danno battaglia alla Sky del Canto, gli appassionati del trail running e della corsa in montagna. Il team di Alessandro Chiappa offre infatti eventi su misura per tutti, anche per i semplici ‘tapascioni’ che affollano le non competitive.

La stagione di Carvico è partita prestissimo, già a febbraio il monte Canto si è infiammato con la Scaldagambe Winter Trail. Ad aprile è stata la volta della Sky del Cantoche è andata rapidamente sold out con 700 atleti alla partenza e top runner di caratura mondiale a lottare per il podio. Anche in estate ci si può divertire sul monte Canto. Si avvicina infatti il terzo appuntamento dell’anno firmato Carvico Skyrunning, il Summer Minitrail.

Una corsa sul monte Canto in versione small, adatta a tutti, con un chilometraggio ridotto su un percorso perfettamente segnato dalle balise. Segni particolari? La gara è in notturna! Obbligatorio per i concorrenti l’uso della pila frontale, la cui luce farà risplendere il colle – ormai noto dai runner di tutta Italia e frequentato 365 giorni l’anno – che emerge dalla pianura bergamasca.

Il Summer Minitrail avrà luogo venerdì 1 settembre 2017 a Carvico (Bg). La sede di partenza e arrivo (come ogni estate) è fissata presso l’oratorio in via San Martino. Come ci si iscrive? Recandosi, il giorno stesso, presso lo store nuovo di zecca, dedicato al mondo outdoor, aperto dal presidentissimo Alessandro Chiappa. Il negozio, Campo Base, si trova a Carvico in via don Bolgeni 3. Il servizio di iscrizione e ritiro pettorali è disponibile dalle ore 15.30 alle ore 19.00.

Al modico prezzo di 10 euro la quota comprende il tesserino giornaliero Fiasp, un gadget, il buono pasto (da consumare presso la tensostruttura ove sarà in corso di svolgimento la festa del paese), i ristori, il servizio docce e deposito borse. Il via della gara alle ore 19.30: dal centro di Carvico si andrà a compiere un giro ad anello con uno sviluppo di 10 km e un dislivello positivo di circa 500 metri.

Pile accese, scarpe allacciate, riserva d’acqua a portata di mano… il Summer Minitrail vi aspetta la sera di venerdì 1 settembre a Carvico… l’ombelico del mondo dei trail runner 

​.​


Ulteriori informazioni su www.carvicoskyrunning.it


Ufficio stampa asd Carvico Skyrunning
Enula Bassanelli | Montagna Express

Foto credit Cinzia Corona

lunedì 7 agosto 2017

Tutti pazzi per la Magut Race: spettacolo e divertimento alla seconda edizione della corsa dei muratori

Tutto esaurito sugli spalti naturali della pineta di Songavazzo: due ali di folla hanno incitato gli atleti sulle ripidissime e scivolose rampe della goliardica gara. Visini, Tomasoni e Ferrari: tre classici cognomi bergamaschi sul podio della Magut Race 2017. Promossa a pieni voti la manifestazione proposta e ideata dalla Fly-Up Sport di Mario Poletti.
 Una cinquantina gli atleti provenienti da tutta la Lombardia che si sono sfidati nella seconda edizione della Magut Race sul percorso di 50 metri di dislivello e 150 metri di sviluppo da salire tutti d’un fiato, portando sulle spalle un sacco di cemento da 25 kg messo a disposizione da Italcementi. La pazza corsa dei muratori è andata in scena nella pineta di Songavazzo, tra due ali di folla disposte ai lati del tracciato verticale.

La vittoria finale è andata a Paolo Visini che ha completato il tracciato fermando le lancette su 1’57”. Sul podio anche Federico Tomasoni, secondo classificato in 2’08”, e Diego Ferrari, terzo classificato in 2’10”. Gli ultimi a partire sono stati il ciclista vincitore di due Giri d’Italia Paolo Savoldelli e gli skyrunner del team Scott Guido Barbuscio e Mario Poletti. Nota di merito per Alice Balicco, prima e unica partecipante femminile, che ha egregiamente portato a termine la prova, aprendo la manifestazione a “nuovi orizzonti”. I vincitori hanno messo al collo la medaglia che celebra l’argento di Lara Magoni ai Mondiali al Sestriere del ’97.

Madrina dell’evento è stata proprio Lara Magoni, consigliere regionale e delegata Coni per la provincia di Bergamo. “Una bellissima e simpatica manifestazione che unisce sport e tradizione bergamasca nel mondo delle costruzioni, in grado di portare nella nostra provincia appassionati da tutta la Regione”.

Mario Poletti: “Quest’anno le iscrizioni sono raddoppiate e il pubblico si è dimostrato calorosissimo, segno che la manifestazione sta prendendo sempre più piede. Ho sentito i campanacci e gli incitamenti come nelle più sentite gare di sci, ciclismo e skyrunning. Un ringraziamento agli sponsor che hanno sostenuto la Magut Race, a tutti i collaboratori, allo staff Fly-Up Sport e a tutti coloro che hanno contribuito alla perfetta riuscita della manifestazione”.

Paolo Savoldelli: “Non ho voluto mancare all’evento del mio amico Mario; bisogna andare a tutta - per usare un’espressione ciclistica - dall’inizio alla fine. In una prova del genere fa la differenza non solo chi è preparato ma anche chi sa gestire adeguatamente, da vero atleta, uno sforzo così intenso e breve”.

Al termine della competizione cena per tutti a base di polenta, salsiccia e cotechino, un vero e proprio terzo tempo bergamasco.

La Magut Race è organizzata dalla Fly-Up Sport di Mario Poletti in collaborazione con il ristorante La Baitella e il patrocinio del Comune di Songavazzo. Main sponsor Scott, Autotorino, ElleErre e Italcementi.

Il guanto di sfida è già stato lanciato per la prossima edizione: appuntamento all’estate 2018.

Per ulteriori informazioni consultare il sito web www.fly-up.it.

Ufficio stampa Fly-Up Sport
Enula Bassanelli | Montagna Express

Tel 348.7746556

mercoledì 28 giugno 2017

Iscrizioni aperte alla 20ª edizione della Maratonina di Castel Rozzone. C’è anche il Diecimila

La macchina organizzativa della Maratonina di Castel Rozzone è scesa in pista ed è notizia di questi giorni l’apertura delle iscrizioni. Il menu della giornata del 3 settembre comprende due diverse gare, half marathon e diecimila, entrambe approvate dalla Fidal. La maratonina ha carattere nazionale ed è valida come campionato provinciale individuale per tutte le categorie. La 10 km, sempre a carattere nazionale, assegna i titoli del campionato regionale individuale per le categorie juniores, promesse e assoluti.

Il percorso, interamente pianeggiante e omologato Fidal, si snoda fra le vie del paese di Castel Rozzone e dei comuni limitrofi. Partenza e arrivo sono posti in prossimità del castello, nel centro del borgo; l’antica corte sarà adibita a zona di ritrovo. Un luogo la cui storia architettonica inizia in epoca medievale. È ancora possibile scorgere le tracce riconducibili all’edificio costruito a scopo difensivo nel XXIII secolo; uno sguardo attento rivela la presenza di strutture murarie in pietra del basamento e del portale d’ingresso. Il castello fu edificato a poca distanza dal confine fra le diverse dominazioni di quel periodo, confine contrassegnato dal Fosso Bergamasco.

Le iscrizioni sono aperte e si effettuano 

​online ​
 sul sito www.otc-srl.it; 25 euro la tariffa in vigore per la maratonina e 15 euro la quota per il diecimila. I servizi includono pacco gara, docce e spogliatoi, soccorso, ristori sul percorso e all’arrivo. Gli organizzatori aggiungono la possibilità di iscriversi presso punti selezionati: il negozio Scaini Sport ad Arcene (Bg) e lo Sport Club di Martinengo (Bg). Numerosi premi anche per le categorie e per le società più rappresentate.

Perché iscriversi in anticipo? Per fissare un obiettivo e tenerlo nel mirino tutta l’estate, tenendosi allenati senza cedere troppo al relax delle ferie. Il tracciato, a giro unico, veloce e privo di dislivello, permette di puntare dritti al personal best. Non solo. Partecipare alle due competizioni quest’anno si rivelerà importante per alcuni motivi aggiuntivi. Vediamo quali.

La Maratonina di Castel Rozzone è l’opzione che consigliamo a tutti coloro che fossero intenzionati a partecipare al Campionato Italiano Master in programma il mese seguente in Valle Camonica: un test fatto il 3 settembre fornirà indicazioni fondamentali sul vostro stato di forma. Il Diecimila del Castello 

​ ​
 è indicato in ottica Campionato Italiano di specialità, che si disputerà a distanza di una settimana: un suggerimento, quest’ultimo, valido per gli atleti più giovani e, in generale, per chi sia dotato di un buon recupero.

Il programma della prima domenica di settembre prevede alle ore 7.30 il ritrovo in piazza Castello e alle ore 9.00 le due partenze, a 300 metri di distanza l’una dall’altra (in pole position gli atleti del Diecimila, la mezza più arretrata). Gli eventi sono confezionati dall’Asd Castel Rozzone in collaborazione con l’Aido Castel Rozzone e con il patrocinio del comune di Castel Rozzone.

Ulteriori informazioni sul sito www.atleticacastelrozzone.it e sulla pagina facebook 

​ ​
 www.facebook.com/atleticacastelrozzone/.
​ufficio stampa 


 Enula Bassanelli 
​ | Montagna Express​


lunedì 19 giugno 2017

15° RALLY ESTIVO DELLA VALTARTANO TARTANO – 18 GIUGNO 2017


Una bellissima giornata di sole ha accolto i 222 concorrenti giunti in Valtartano per la 15esima edizione del Rally Estivo.
Alla partenza della gara il pronostico per la vittoria risultava molto incerto, vista la presenza di alcune coppie allo stesso livello. Aspettative rispettate subito dopo il via, con quattro squadre compatte fin da subito: i fratelli Mattia e Erik Gianola, Marco Leoni
Stefano Sansi, Guido Rovedatti Alessandro Gusmeroli e Daniele Bertolini Tommaso Caneva passavano insieme al rilevamento in Arale. Stesso copione alla Casera e ai Laghi di Porcile, al Canalino dei Tufi e al Passo Lemma. I primi a rompere gli indugi sulla cresta che conducevano al Gpm di giornata, posto in Cima Lemma, i Fratelli Gianola, che transitavano davanti a tutti in 1h 41’10”, seguiti da Leoni-Sansi e Rovedatti-Gusmeroli a pochi secondi.
Margine che nella lunga discesa con passaggio dal Passo Tartano e Alpe Gavedo andava a dilatarsi. Si presentava quindi sul traguardo di Tartano con il tempo di 2h28’40” la coppia composta da Mattia e Erik Gianola del Team Erpu. Alle loro spalle bagarre in casa Team Valtellina per il secondo gradino del podio, ad avere la meglio era il duo Guido Rovedatti e Alessandro Gusmeroli con il tempo di 2h31’11”, che precedevano Marco Leoni e Stefano Sansi terzi in 2h 34’22”.
Quarta piazza finale per Daniele Bertolini (Team Valtellina) e Tommaso Caneva (Gp Talamona) con il crono di 2h 34’54”, mentre chiudevano al quinto posto Mattia Bonesi (Team Alto Lario) e Valentino Speziali (Team Valtellina) in 2h 42’30”, che risulteranno anche la prima coppia Under 50.
Seguono
sull’arrivo di Tartano in 6^ posizione la coppia Sergio e Fabio Bongio (Team Valtellina), succeduti in 7^ posizione da Davide Della Mina-Paolo Gusmeroli (Team Valtellina), 8^ Matteo Bolis-Alex Viciani (Altitude Race), 9^ Diego Martinoli-Franco Del Bondio (Gp Valchiavenna) e 10^ Marino Fiorentini-Massimiliano De Bernardi (Centro Lario).
La bagarre non è mancata neanche al femminile, con il duo Paola Pezzoli e Lucia Moraschinelli a condurre nella prima parte di gara fino alla casera di Porcile. La leadership veniva poi guadagnata delle sorelle Sara e Fabiana Rapezzi, che si portavano in testa alla corsa e non la mollavano fino al traguardo.
Successo finale quindi
sulla finish line di Tartano con il tempo di 3h 06’33” di Sara e Fabiana Rapezzi (Osa Valmadrera), secondo posto per le skialper Paola Pezzoli e Lucia Moraschinelli (Carvico e Pt Skyrunning) a 16’13”, terza piazza finale per le amiche del Team Valtellina Laura Tacchini e Francesca Galli a 31’18”. Successo finale nella speciale classifica delle coppie miste per Francesca Rusconi e Andrea Maggi (Team Zenithal-Gsa Cometa).
COMMENTI POST GARA:
Erik Gianola: ho corso molto volte al Rally Estivo della Valtartano, ma non ero mai riuscito a salire sul gradino più alto del podio, vincere con mio fratello Mattia ha un sapore ancora più speciale. E’ sempre bello correre qui, complimenti all’organizzazione che anche quest’anno ha allestito una grande manifestazione. Sara e Fabiana Rapezzi: era la nostra prima volta a Tartano e la prima esperienza in gara di coppia, ci siamo trovate fin da subito molto bene facendo un ritmo regolare. Siamo rimaste molto colpite dalla spettacolarità del tracciato e dall’ottima organizzazione. Dedichiamo questa vittoria a Clemente Berlinghieri che ci ha spronate ad iniziare a correre in montagna.
Arnado Spini (Presidente Sc Valtartano): voglio ringraziare tutti gli atleti presenti oggi, visto che hanno scelto di partecipare alla nostra gara, nonostante la presenza di numerose altre gare concomitanti. Un ringraziamento va inoltre a tutti i miei ragazzi, volontari, enti e sponsor che ci hanno sostenuto. Un plauso finale lo voglio fare anche ai tre senatori, che hanno corso tutte le 15 edizioni del Rally Estivo della Valtartano: Giambattista, Mario e Vitale. 
                                                                CLASSIFICA

martedì 30 maggio 2017

Giugno a tutto sport tra Sondrio e Valmalenco

Per i turisti amanti delle vacanze sportive arriva un mese pieno zeppo di corse, competizioni di grande livello e camp. Eventi legati da un unico filo conduttore: fare sì sport, ma a stretto contatto con la natura che, in estate, solo la montagna valtellinese sa offrirti.
Partendo da domani a Chiuro con “La Corta delle Corti”: una corsa che toccherà alcune delle corti più caratteristiche del paese (www.sportiness.it).
Doppio appuntamento per i podisti la festa del 2 giugno. A Sondrio con “10 K e Camminata della Repubblica” (www.idolcissimi.it), con partenza dal centro cittadino. A Piateda invece vi attendono 1200 metri di dislivello per skiroll, Mtb o runnig con La Tre Corta”: “staffetta non competitiva per squadre a 3 elementi o individuale (www.polalbosaggia.com).
Nemmeno un giorno di pausa e arriva, nel fine settimana, l'evento clou: i campionati italiani di corsa in montagna di Lanzada.
Spazio anche alla cultura nel weekend del 3 e 4 giugno. Sabato imperdibile visita serale all'interno della Miniera della Bagnada di Lanzada, seguita da cena tipica. Domenica apre al pubblico la Torre di Castionetto, abbinata ad una camminata (http://ilvialedellaformica.blogspot.it). Ad Albosaggia invece torna il 4° “Festival della Letteratura”. Nella suggestiva cornice del Castello Paribelli autori di prestigio nazionale e scrittori locali presenteranno i loro libri (www.fondazionealbosaggia.it).
Grande novità per il camp ufficiale della Pallacanestro Cantù (25 giugno - 1° luglio). Ospite speciale e parte integrante dello staff l'ex stella NBA Thurl Bailey. In entrambe le settimane del camp a Caspoggio e Chiesa in Valmalenco il protagonista di 12 stagioni al di là dell'oceano fornirà preziosi consigli a tutti i ragazzi, sia dentro che fuori dai campi di gioco. E gadget firmati Utah Jazz per tutti i partecipanti  (www.cantubasketcamp.com).
A fine giugno appuntamento imperdibile a Ponte in Valtellina per i ragazzi che sognano di diventare calciatori. Dal 26 al 30 giugno torna il Milan Junior Camp con gli istruttori di Milan Academy per apprendere e migliorare la tecnica. Il camp, giunto alla terza edizione, è organizzato dall'Usd Pontese (usdpontesecalcio@gmail.com).
Ricordiamo che dal 10 giugno, presso gli uffici turistici di Sondrio e Valmalenco, apre i battenti “Rent Bike Palù”, il noleggio biciclette pensato per percorrere panorami mozzafiato attraverso i sentieri della Valmalenco, il sentiero Rusca, la Via dei Terrazzamenti, le piste ciclabili di Chiesa in Valmalenco e Lanzada, il pump track di Caspoggio e, sul fondovalle, il sentiero Valtellina.
va apertura

Per ulteriori informazioni: www.sondrioevalmalenco.it

lunedì 29 maggio 2017

Orobie Vertical, si infiamma la sfida all’ombra del pizzo Coca: Manuel Da Col e Lisa Buzzoni campioni in cerca di rivincita

Il 2 giugno giungerà il momento dell’Orobie Vertical, una sesta edizione che promette bollenti sfide cronometriche e che vedrà gli atleti partire dal paese di Valbondione, in Alta Valle Seriana 
​ (Bg)​
 , per inerpicarsi sul sentiero che, in mille metri di dislivello, li condurrà al rifugio Merelli al Coca, agognato traguardo della corsa inserita nelle Skyrunner Italy Series e nel circuito SkyVertical Affari & Sport. Iscriversi è possibile fino a mercoledì 31/05. Nella lunga lista dei top runner, anche Manuel Da Col (team Scott) e Lisa Buzzoni (team La Sportiva): entrambi hanno un conto in sospeso con questa ascesa.

Sono ancora aperte le iscrizioni all’Orobie Vertical memorial Danilo Fiorina e lo resteranno fino a mercoledì 31 maggio: ancora una manciata di giorni a disposizione per rompere gli indugi e assicurarsi un pettorale di questa scalata di vera montagna, disegnata su uno dei più gettonati itinerari escursionistici delle Orobie Bergamasche. Le iscrizioni si effettuano online sul sito Fly-Up oppure recandosi presso i negozi Kappaemme Sport (Ponte Selva di Parre -Bg-), Ready To Run (Torre Boldone -Bg-) e Affari&Sport (Lecco e Villasanta); 
​ ​
 inclusi nel pacco gara i calzini tecnici X-Socks Sportwear, la fascia tecnica tergisudore di ElleErre e gli integratori Named. Per tutti gli iscritti garantito il servizio di ristoro all’arrivo e il buono per il pasta party al rifugio Coca.

Se l’albo d’oro della manifestazione racconta di atleti del calibro di De Gasperi, Dematteis e Boscacci al maschile e di Brizio, Galassi e Jimenez al femminile, ebbene, accanto a questi nomi ne esistono altri, del medesimo livello, che ancora non sono riusciti a centrare l’obiettivo OV e sono a caccia di una rivincita. Fra essi, il king dell’only up appartenente al team Scott, Manuel Da Col, stratosferico a Fully, e la star bergamasca del LaSpo Team Lisa Buzzoni, che quest’anno alterna sky, vertical e gare di mountain running.

Manuel Da Col arriva da Cibiana di Cadore, paese di 400 anime circondato dalle Dolomiti e impreziosito dai murales, terra di sportivi e ambiente che «ricorda un poco Valbondione». Lo scorso anno Da Col partecipò all’Orobie Vertical ottenendo la piazza d’onore, a soli 15 secondi dal vincitore Michele Boscacci. Furono i momenti iniziali di una stagione che lo consacrò definitivamente nel gotha della corsa in salita. 30’39” il suo crono a Fully a meno di 22 secondi dal primo: «Contentissimo del risultato ma anche rammaricato, sarebbero bastati una decina di secondi in meno per salire sul podio della vertical più famosa del mondo».

E il 2 giugno a Valbondione i fari saranno puntati anche su Da Col, che tornerà a Bergamo con grandi ambizioni. Difficile fare confronti e valutazioni poiché il bellunese non ha ancora gareggiato: Orobie Vertical segnerà il suo debutto stagionale, in una stagione che ancora una volta dovrebbe proseguire fino a Fully. «Tengo tantissimo all’Orobie Vertical, una gara affascinante che ha un valore aggiunto: è organizzata da Mario Poletti, lo stimo molto, l’evento è suo, non potrei mai mancare!».

Orobie Vertical attrae i veneti ed è irrinunciabile per i bergamaschi doc, tra loro la LaSpo girl Lisa Buzzoni, decisamente la più brillante del team trentino in queste prime fasi di stagione. Nonostante le ottime prestazioni registrate, la campionessa di San Pellegrino conserva con OV un conto in sospeso. «Non sono mai riuscita a vincere!». Che sia l’anno buono? «Vedremo, ancora non so se potrò essere presente all’edizione numero sei, ma una cosa è certa, si tratta di una delle mie gare vk preferite, faccio il possibile per essere ai nastri partenza ogni anno. Mi piace un sacco: il percorso non dà respiro e nell’ultimo tratto ci si trova in piena montagna; il tifo a ‘bordo strada’ non manca mai e tutto è ben organizzato. Insomma, se tempo fa al rifugio ci andavo per passeggiare, ora la migliore occasione per tornarci – da atleta – è proprio l’Orobie Vertical».

Che voi siate campioni bramosi di medaglie, corridori appassionati di montagna, escursionisti incuriositi dalle competizioni, turisti amanti delle altitudini, ogni motivo è valido per non prendere altri impegni venerdì 2 giugno: la sesta edizione di Orobie Vertical, confezionata dalla Fly-Up Sport di Mario Poletti il recordman dei sentieri bergamaschi, intitolata alla memoria di Danilo Fiorina, vi aspetta. La gara, il tifo, la sfida contro il tempo, il pranzo al rifugio, i panorami: tutto questo è Orobie Vertical.


​Maggiori informazioni sul sito ufficiale www.fly-up.it e sulla aggiornatissima pagina facebook della gara.​

giovedì 25 maggio 2017

SERATA DEL MEZZOFONDO: UN 3000 STELLARE SULLA PISTA DI SONDRIO

Un 3000 stellare nella Serata del Mezzofondo organizzata dal C.O. Piateda sulla pista del campo CONI di Sondrio mercoledì 24 maggio. Stellare non solo perché si è svolta in serata, ma perché a emozionare sono stati tre atleti in particolare, tutti e tre che hanno vestito la maglia azzurra nella loro prestigiosa carriera, protagonisti della prima serie dei 3000 metri: Michele Fontana (C.S. Aeronautica Militare), Davide Raineri (C.S. S. Rocchino) e Mustafà Belghiti (Atletica Lecco Colombo Costruzioni). Tre atleti che sono state le stelle della gara più interessante ed emozionante. Già favoriti sulla carta, i tre talenti hanno fatto gara a sé su ritmi di tutto rispetto, con cambi regolari a fare l’andatura. Ma nel finale Michele Fontana ha schiacciato il piede sull’acceleratore, anche per testare la tenuta di un fisico in ripresa dopo un lungo stop per problemi ai tendini, ed ha vinto con il crono di 8’23”00, seguito da Davide Raineri (8’31”36”) e Mustafà Belghiti (8’35”44). A chiudere la top five i due diavoli rossi Matteo Franzi (8’50”50) e Francesco Marchetti (9’03”04). “Sono felicissimo del risultato – ha dichiarato Fontana dopo le premiazioni – non tanto per il tempo, ma per le sensazioni in gara. Sto ricostruendo piano piano la mia condizione e questa gara è un mattoncino in più”. “Ho grandi ricordi della pista di Sondrio – conclude Fontana – qui nel 2009 battagliai con Graziano Zugnoni nei 5000 metri”.  Nella  gara femminile, sulla medesima distanza, assolo di Deborah Dell’Andrino (G.P. Santi Nuova Olonio) che ha vinto facile in 11”13”42 mettendo dietro le junior Camilla Paracchini (Pol. Albosaggia/11’27”08) e Francesca Majori (Atl. Alta Valtellina/11’31”32). Grande spettacolo anche nella prova delle siepi che assegnava i titoli provinciali cadetti/e e allievi/e. Nei 1200 siepi cadette tripletta del G.P. Santi Nuova Olonio con Anna Tosarini (4’09”18), Greta Contessa (4’23”06) e Alice Tosarini (4’32”08). Nei cadetti invece ottimo risultato per Gabriele Biavaschi (G.P. Valchiavenna) che con il crono di 3’32”54 stacca il pass per i campionati italiani; alle sue spalle Paolo Piganzoli (5 Cerchi Seregno/3’34”36) e Stefano Pedrana (G.S. Orobico/3’34”60). Nei 2000 siepi allieve Alice Testini (C.O. Piateda), pur non essendo in un gran periodo di forma, chiude in 8’11”56 davanti a Gabriela Martelli (G.P. Santi Nuova Olonio/8’24”82). Nella gara allievi Luca Schiavone (Atletica Riccardi/6’47”62) e Pietro Macri (Brixia Atletica/6’53”20) non riescono a scendere sotto il muro dei 6’40”; a completare il podio Luca Pedranzini dell’U.S. Bormiese (7’29”12). Nei 1000 ragazzi gara tattica per i diavoli rossi che hanno monopolizzato il podio: Leon Bordoli (3’15”26), Federico Bongio (3’16”18) e Francesco Bongio (3’17”86). Nella gara in rosa ennesima vittoria per la talentuosa Maria Gusmeroli (G.P. Talamona/3’15”82) che ha preceduto Elisa Rovedatti (G.S. CSI Morbegno/3’21”14) e Benedetta Buzzella (G.P. Santi Nuova Olonio/3’29”76). Nei 600 metri esordienti vittorie per Teresa Buzzella (G.P. Santi Nuova Olonio/1’59”56) - davanti a Diana Tessi e Sofia Paganoni del C.O. Piateda – e per Daniele Ciaponi (G.P. Talamona/1’56”02) accompagnato sul podio da Luca Curioni (G.P. Santi Nuova Olonio) e Giovanni Pedrini (G.P. Valchiavenna). Ad aprire la 9ª edizione della Serata del mezzofondo la gara dei 200 metri dove i più veloci sono stati Stefano Abate (G.S. CSI Morbegno/23”76) e Sabrina Macheo (G.P. Santi Nuova Olonio/29”92).

lunedì 22 maggio 2017

CAMPIONATI ITALIANI GIOVANILI DI CORSA IN MONTAGNA: LA SPORTIVA LANZADA VINCE NEGLI ALLIEVI,ALBOSAGGIA NELLE ALLIEVE

Bolzano tra le Cadette, Piemonte tra i Cadetti: la classifica combinata del Campionato Italiano Cadetti per Regioni, quella che più di tutti premia il livello del movimento giovanile della corsa in montagna, va però ancora e sempre alla Lombardia. A Caddo di Crevoladossola (VB) la nostra delegazione trionfa su Trentino e Piemonte confermando il proprio dominio recente nella rassegna: la Lombardia Cadetti/e era infatti campione uscente dopo il successo di Badia Prataglia 2016.
Al maschile applausi per Mattia Zen (Atl. Malnate), in trionfo tricolore (la competizione assegnava pure i titoli individuali) dopo una gara emozionante: Davide Curioni (GP Santi Nuova Olonio) è nono mentre Pietro Gherardi (Atl. Valle Brembana) si piazza 11esimo. Tra le Cadette c’è un altro podio con Chiara Begnis (Atl. Valle Brembana) che conquista l’argento; Sofia Begnis (Atl. Valle Brembana) è decima e Serena Lazzarelli (GP Valchiavenna) 12esima.
Nei Campionati Italiani individuali Allievi doppietta lombarda al maschile: trionfo tricolore per il campione lombardo Andrea Rota (Atl. Lecco Colombo-Costruzioni) davanti ad Alessandro Rossi (AS Lanzada). Tra le Allieve bravissima Francesca Annoni (Atl. OSG Guanzate), bronzo in grande rimonta.
Nei Campionati di Società i club lombardi conquistano tre scudetti su quattro: l’Atletica Valle Brembana tra le Cadette (con Chiara e Sofia Begnis, Giulia Benintendi e Nicole Stracchi), la Polisportiva Albosaggia tra le Allieve (con Federica Eterovich settima, Katia Nana nona e Gaia Bertolini 20esima) e la Sportiva Lanzada tra gli Allievi (con l’argento di Alessandro Rossi, con Marco Della Rodolfa 19esimo e con Patrizio Fabiano 24esimo).


LA CRONACA DELLE GARE di Myriam Scamangas/CR FIDAL Piemonte

ALLIEVE - Come da pronostico la vincitrice è lei, l’azzurrina Nadia Battocletti (Atl. Valli di Non e Sole), campionessa uscente. Ma, a differenza forse di quel che ci si aspettava, la sua non è stata una passerella ma una gara combattuta, merito di Ludovica Cavalli (Trionfo Ligure). Da subito le due atlete si staccano dalle avversarie, Cavalli non dimostra timore reverenziale e rende la gara aperta fino a tre quarti dalla fine quando poi paga lo sforzo e cede il passo. Cavalli tenta con coraggio di ricucire lo strappo ma il tentativo fallisce e Battocletti vince con 22 secondi di vantaggio. Dalle retrovie rinviene forte Francesca Annoni (Atl. OSG Guanzate) che, con condotta di gara inversa rispetto a Cavalli, conquista il bronzo ad un solo secondo dall’argento. Seguono in classifica, più staccate, Emma Elisabeth Garber (Sportclub Merano) e Samantha Bertolina (Atl.  Alta Valtellina), campionessa mondiale u16 di sci alpinismo.

ALLIEVI - Si parte con il duello tra Andrea Rota (Atl. Lecco Colombo-Costruzioni) e Alain Cavagna (Atl. Valle Brembana), fratello di Nadir. Dopo le prime fasi però Rota, dominatore delle prove sin qui disputate del campionato regionale lombardo, si invola e fa gara a sé mentre Cavagna è vittima di una crisi che lo porta a perdere posizioni. Viene recuperato infatti da Alessandro Rossi (AS Lanzada), azzurro di sci alpinismo, autore di una gran seconda parte di gara che lo vede tagliare il traguardo a 27 secondi dal vincitore. Con Rossi rinviene forte anche Senetayhu Masè (Atl. Tione) che però negli ultimi metri di gara crolla e finisce terzo a 20 secondi dall’argento. Ai piedi del podio Alderico Tonin (Atl. Libertas Vittorio Veneto) e Alain Cavagna (Atl. Valle Brembana) che finisce quinto.

CADETTI - Parte subito forte Massimiliano Berti (SA Valchiese), campione italiano di cross in carica. Vengono però su forti sia Mattia Zen (Atl. Malnate) che i piemontesi Elia Mattio (Pod. Valle Varaita) e Girma Lombardo (Vittorio Alfieri Asti). E’ il lombardo Zen a spuntarla alla fine per 7 secondi di vantaggio su Mattio, ultimo prodotto del vivaio da cui provengono i gemelli Dematteis. Berti è terzo con 8 secondi di ritardo da Mattio mentre Lombardo è quarto ai piedi del podio per soli 5 secondi.

CADETTE - Solo terza la campionessa italiana uscente, Katjia Pattis (ASD Suedtirol Team Club), che termina con lo stesso tempo di Lisa Kerschbaumer (ASC Berg), sconfitta in volata. Il primo posto con tanto di titolo italiano va a Luna Giovannetti (Atl. Trento), compaesana di Antonio Molinari, campione mondiale di corsa in montagna assoluto nel 1996 e M40 nel 2011 e più volte campione europeo e italiano. Argento per Chiara Begnis (Atl. Valle Brembana) con 13 secondi di ritardo dalla vincitrice.

CAMPIONATO ITALIANO PER REGIONI CADETTI - Novità rispetto agli anni precedenti dove la Lombardia ha sempre dominato quasi incontrastata. Quest’anno il team lombardo si aggiudica la classifica combinata (20 punti) davanti a Trentino (22 punti) e Piemonte (23 punti). Al femminile la vittoria va alla squadra di Bolzano (7 punti) davanti a Lombardia (11 punti) e Trentino (14 punti) mentre al maschile a vincere sono i padroni di casa del Piemonte (6 punti) davanti a Trentino (8 punti) e Lombardia (9 punti).

CLASSIFICHE DI SOCIETA’ CADETTI/E - Al femminile Atl. Valle Brembana domina con 167 punti seguita da Polisportiva Sant’Orso Aosta (115 punti) e a GP Valchiavenna (102 punti). Al maschile successo per Podistica Valle Varaita (175 punti) seguita da Pol. Albosaggia (162 punti) e da ASD GS Pomaretto 80 (148 punti).

CLASSIFICHE DI SOCIETA’ ALLIEVI/E - Pol. Albosaggia si aggiudica la classifica femminile con 87 punti davanti ad Atl. Saluzzo (81 punti) e a Sportclub Merano (74 punti). AS Lanzada si aggiudica invece la classifica maschile con 138 punti; seguono Atl. Monterosa Fogu Arnad (136 punti) e Atl. Valle Brembana (114 punti).

venerdì 19 maggio 2017

TRAIL DEL VIANDANTE 2017 – PIANTEDO (S0) Presentata ai media la quarta edizione

Iscrizioni aperte e macchina organizzativa operante a pieni regimi per il Trail del Viandante che ha presentato ai media la quarta edizione nella sala riunioni della Latteria di Delebio. Una scelta non casuale quella dei dirigenti del Santi Nuova Olonio che hanno così voluto rimarcare l’attaccamento della manifestazione al territorio. Attaccamento sugellato dalla presenza nel pacco gara, insieme a gadget tecnico Diadora, di alcuni prodotti culinari e non solo tra i quali spicca una fetta di formaggio Casera.

 Dopo i saluti di rito del presidente della latteria di Delebio Marco Deghi e di Emanuele Nonini nella doppia veste di sindaco di Dubino e referente del Bim, il segretario del Santi Gianluca Gianbelli ha scoperto le carte sull’edizione 2017: «Non avremo grosse novità visto che il format è ormai rodato. La gara toccherà 11 comuni e 2 province coinvolgendo 250 volontari e una cinquantina di associazioni. Come lo scorso anno il via della Marathon Sentiero del Viandante (49Km) sarà dato ad Abbadia Lariana, all’interno del Parco Guzzi, alle 7.30. La half marathon (25km) partirà invece da Bellano alle 9, mentre il mini trail (7km) da Posallo, una caratteristica frazione di Colico, alle 10. Lasciato l’Alto Lario, ogni singolo concorrente taglierà il traguardo alle porte della Valtellina nel comune di Piantedo. Non prima di avere corso in uno scenario unico e immerso nella natura. Novità 2017 la presenza in gara di Elisa Forti, una simpatica nonnina che vive oltreoceano, ma di chiare origini lariane. In Argentina stanno girando un film sulla sua storia e sulla sua passione per il trail running. Per noi sarà motivo d’orgoglio averla ai nastri di partenza».

 Alle sue parole hanno fatto eco quelle dell’altro dirigente Santi Ivano Paragoni: «Le iscrizioni per la prova marathon e half chiuderanno giovedì prossimo, mentre quella del mini trail resteranno aperte sino alla domenica mattina.

Tutte le novità e il programma sono on line sul nostro sito www.traildelviandante.it».

 Pacco gara 2017: Manicotto Diadora Formaggio Casera Latteria di Delebio Pasta Moro Biscotti Galbusera Sacca porta scarpe CAB Salviette rinfrescanti O-pac Integratori Named Cofanetto integratori Phyto Garda Cerotti Nasali Buono sconto 5 euro Bricoio Ulteriori buono sconto Buono pasto Biglietto ferroviario (solo previo prenotazione)

giovedì 11 maggio 2017

Anche Lara Magoni all’Orobie Vertical Il 2 giugno sfida only up da Valbondione al Rifugio Coca

Manca meno di un mese al via della sesta edizione di Orobie Vertical, la gara only up di Fly-Up Sport prevista il 2 giugno in Alta Valle Seriana. In questi giorni si stanno predisponendo i numerosi premi in palio e nel frattempo continuano a pervenire le iscrizioni. Prime conferme anche dalle autorità: sarà sicuramente presente la campionessa di sci selvinese Lara Magoni, Consigliere regionale e delegato Coni per la provincia di Bergamo. ​

 «Passione, sfida, amore per la montagna: sono questi gli ingredienti dell'Orobie Vertical – ha dichiarato Lara Magoni -. Misurarsi in questa competizione significa avere un'affezione incondizionata per la propria terra. Sono onorata di entrare a far parte, per questa edizione, dell’avventura in un territorio che amo, quello della Valle Seriana. Essere in squadra con Voi è per me un privilegio. Un plauso a Mario Poletti e a tutti gli organizzatori che guardano al futuro tenendo ben presente la propria storia e i protagonisti, come Danilo Fiorina a cui l’evento è intitolato».

 Danilo Fiorina, scomparso nel 2016, è stato un validissimo e instancabile collaboratore di Mario Poletti. Il suo braccio destro, l’amico di sempre: «Danilo, vero amico dal quale ho imparato tanto, mi ha sostenuto ininterrottamente in tutti i 15 anni di carriera sportiva». Insieme, uniti dalla passione per l’atletica, hanno concepito e realizzato tutti gli eventi firmati Fly-Up Sport.

 La novità principale della sesta edizione riguarda l’introduzione della partenza a cronometro: il via ai concorrenti verrà dato ogni venti secondi. Orobie Vertical diventa dunque un’autentica cronoscalata con mille metri di dislivello da superare. La sua formula piace ai mountain runner e agli skyrunner ma pure agli scialpinisti che, tolte le pelli al termine della stagione nevosa, sono in grado di dire la loro con le scarpette da corsa.

 Per iscriversi c’è tempo fino al 31 maggio al costo di 30 euro. Inclusi nel pacco gara i calzini tecnici X-Socks Sportwear, la fascia tecnica tergisudore di ElleErre e gli integratori Named. Per tutti gli iscritti garantito il servizio di ristoro all’arrivo e il buono per il pasta party al rifugio Coca. La prova è inserita nelle Skyrunner Italy Series e nel circuito Sky Vertical Affari & Sport.

 Ulteriori informazioni sul sito ufficiale www.fly-up.it e sull’aggiornatissima pagina facebook https://www.facebook.com/orobievertical/.

 Enula Bassanelli | Ufficio stampa Fly-Up Sport

 Crediti foto: Matteo Zanga e Fabio Menino

mercoledì 10 maggio 2017

535 in Condotta: attesa elettrizzante per la prima edizione. Parterre di lusso nella batteria top

Ancora un giorno di tempo per prenotare un posto alla 535 in Condotta: la Valle Brembana attende la prima edizione della sfida lungo la condotta forzata della Centrale di Bordogna. Il 13 maggio una vera festa che celebra il territorio orobico accogliendo tutta la popolazione e allo stesso tempo riservando uno spazio speciale ai top runner: ai nastri di partenza della batteria top i migliori atleti a livello locale e nazionale. Svelati già alcuni nomi.


Perché la 535 in Condotta è così speciale? Non solo perché è una gara che si corre tutta in salita lungo la condotta
 forzata​ della Centrale di Bordogna, che già di per sé sarebbe un’esperienza insolita; quanto perché vuol essere e sarà una vera e propria festa della Valle. 
Poche cose come lo sport aggregano e fanno divertire le persone; se poi dici sport e divertimento in bergamasco, trovi per forza anche un noto quartetto: Juri Pianetti e Gianfranco Baldaccini, che da tempo avevano in testa la stessa idea, Alex Baldaccini e Davide Scolari. Sono loro gli organizzatori della 535 in Condotta: lo speaker ha trovato un valido socio nel capo del Gs Orobie, società che ha fornito l’esperienza e il necessario supporto tecnico, formando con il campione del mondo di corsa in montagna e il regista della Maga Skymarathon un team insuperabile.  Della comune intesa il risultato è un evento pensato e nato con il preciso scopo di mettere assieme la gente brembana per celebrare la loro valle e la loro identità.

Chiunque infatti potrà partecipare alla corsa su per gli scalini: atleti professionisti e non, famiglie, cittadini, appassionati che, anche se non agonisti ma con una minima preparazione fisica, proveranno ad affrontare le rampe fino al breve tratto finale con alti gradoni alla folle pendenza dell’80%. Il tragitto in totale è di soli 1250 metri, ma il dislivello complessivo di 535: una bella fatica però pienamente ricompensata dalla grande festa finale, pasta&birra party che durerà fino a sera con musica e animazione di Juri Pianetti, speaker della gara.

Basta dunque avere un po’ di esperienza nell’escursionismo o in altre discipline, senza tessere né certificati, per cimentarsi nella prova. Necessarie invece la voglia di stare insieme e l’amore per il territorio per godere appieno dell’evento, che vuole unire sportivi e gente comune insieme per far ri-scoprire la Valle Brembana a chi ci vive e a chi non la conosce. Occasione per ritrovare ad esempio alcuni gioielli orobici come i resti archeologici del castello bassomedievale di Roncobello o il mulino Baresi del XVII secolo oggi bene FAI.

Non mancheranno tuttavia le attrattive anche per quanto riguarda i runner professionisti e il pubblico che assisterà a una competizione esplosiva. Infatti dopo la partenza della prima batteria “Amateur” dedicata a tutti, allo start si presenteranno gli atleti “Top”. Siamo in grado di fornire alcuni nomi dei partecipanti alla sfida all’ultimo gradino. Saranno della partita Bernard Dematteis (Corrintime), Sergio Bonaldi (Cs Esercito), Davide Milesi (Atletica Valle Brembana), Fabio Bazzana (Karpos La Sportiva), William Boffelli (La Sportiva), Jakob Herrmann (Adidas Terrex), Vincenzo Milesi (Gs Orobie), Cesare Maestri, Xavier Chevrier e Luca Cagnati (Atletica Valli Bergamasche) e lo stesso Alex Baldaccini (Atletica Valle Brembana). Anche Wladimir Belli, in un’inedita versione podistica, dovrebbe presentarsi al via.

Ed ora uno sguardo al settore femminile, dove spiccano le presenze di Lisa Buzzoni (La Sportiva Altitude Race), Denisa Dragomir (Valetudo Skyrunning Italia), Francesca Bellezza (Valsusa Running Team), Daniela Rota (Waa Team), Ivonne Martinucci (Gp Valchiavenna) e Silvia Cuminetti (Gav Vertova). Altri runner d’eccezione si aggiungeranno nelle prossime ore alla già nutrita starting list provvisoria.

Per tutti l’iscrizione scade mercoledì 10 maggio alle ore 23.59. Al costo di 15 euro è comprensiva di pacco gara con t-shirt tecnica personalizzata, buono per pasta party e birra. Il ritrovo è fissato alle ore 12.30 di sabato 13 maggio 2017 presso la Centrale di Bordogna a Moio de’ Calvi; ore 14.00 partenza “Amateur”, ore 16.30 partenza “Top”. Arrivo a Roncobello; dalle 18.30 party e premiazione al Centro sportivo di Lenna.

Tutte le info reperibili sul sito ufficiale www.535incondotta.it e alla pagina facebook www.facebook.com/535incondotta. Per contattare gli organizzatori: telefono Juri Pianetti (338.1487553), Alex Baldaccini (339.6756167), Davide Scolari (342.8544924); e-mail info@gsorobie.it.


​Enula Bassanelli | Ufficio stampa​

mercoledì 3 maggio 2017

LANZADA SEDE DEI CAMPIONATI ITALIANI GIOVANILI DI CORSA IN MONTAGNA IL PROSSIMO 4 GIUGNO

Nell’anno in cui compie quarant’anni, esattamente dodici mesi dopo aver organizzato per la prima volta un campionato nazionale di corsa in montagna, la Sportiva Lanzada raddoppia, in questo 2017, con il Campionato italiano a staffetta allievi e il Trofeo nazionale per società a staffetta riservato alla categoria cadetti. L’ottima prova fornita nel 2016 e i positivi riscontri ottenuti in termini di partecipazione degli atleti e del pubblico ha convinto la Fidal ad assegnare le due importanti prove giovanili alla società lanzadese. I migliori atleti della corsa in montagna delle due categorie, provenienti da tutta Italia, si sfideranno lungo lo stesso percorso dello scorso anno che aveva dato vita a gare spettacolari. Per la Sportiva Lanzada, per l’Amministrazione comunale e per l’intero paese, la soddisfazione di essere stati scelti dalla federazione per due volte in altrettanti anni. «Da parte nostra - spiega il presidente della Sportiva Lanzada Fabiano Nana - ci sono l’orgoglio per non aver deluso le attese, l’anno scorso, e la volontà, quest’anno, di fare ancora meglio, anche per celebrare la ricorrenza del quarantesimo di fondazione. I presupposti ci sono tutti, a cominciare dalla passione che ci anima e dall’impegno che non risparmieremo affinché le gare si svolgano nel miglior modo possibile. Le competizioni giovanili sono appassionanti e molto seguite, quindi ci aspettiamo un folto pubblico proveniente da diverse zone d’Italia». Questo evento sportivo, come e più di altri, rappresenta un’opportunità per l’intera Valmalenco per mettersi in mostra e le presenze negli alberghi sono garantite.

Il Campionato italiano a staffetta allievi e il Trofeo nazionale per società a staffetta riservato alla categoria cadetti sono le gare di punta: oltre all’ambito titolo, le competizioni riservate ad allievi e allieve saranno determinanti per conquistarsi un posto nella squadra nazionale che, a luglio, parteciperà ai Campionati europei di Kamnik, in Slovenia. Prima e dopo si svolgeranno le gare riservate alle categorie esordienti e ragazzi.

A un mese dall’appuntamento, la macchina organizzativa, ormai rodata, formata da decine e decine di volontari, è già al lavoro: il percorso è stato promosso dai tecnici federali e il programma è stato definito nei dettagli. Tutte le gare si svolgeranno nella giornata di domenica 4 giugno, lo stesso fine settimana dell’anno scorso, ma sabato 3, alle ore 17, l’evento sportivo sarà anticipato da un convegno. Per gli atleti, i tecnici e gli appassionati che saranno a Lanzada il giorno prima delle gare, oltre che per i convalligiani, la Sportiva Lanzada ha organizzato un momento di dibattito e di approfondimento su un tema molto sentito: “Corsa in montagna e sport invernali: binomio possibile con i giovani?”. 

mercoledì 26 aprile 2017

FRANCESCO PEYRONEL E ALICE GAGGI SONO IL RE E LA REGINA DEL TROFEO MORBEGNESE. 500 GLI ATLETI AL VIA.

Nonostante la pioggia il 28° Trofeo morbegnese, gara regionale di corsa su strada nel centro storico di Morbegno, perfettamente organizzata il 25 aprile dal sodalizio capeggiato da Giovanni Ruffoni e sponsorizzata quest’anno dalla Banca Popolare di Sondrio, oltre che da AVIS e AIDO Morbegno, è stata un successo. “Dal punto di vista agonistico è andata benissimo – ha dichiarato a caldo Ruffoni – tanta partecipazione, belle gare e per noi una prova assoluta maschile veramente storica con il poker di Francesco Peyronel, Marco Leoni, Stefano Martinelli e Matteo Franzi, oltre alla vittoria di Stefano Sansi nei master, al secondo posto assoluto di Roberta Ciappini nelle donne e alla doppietta Leon Bordoli – Federico Bongio nei ragazzi. E gran finale con la vittoria del Trofeo AVIS Morbegno. Più di così potevamo chiedere solo il bel tempo”. Sul veloce e muscolare tracciato morbegnese in palio c’erano anche i titoli individuali provinciali Fidal di corsa su strada.
Dopo le prove promozionali delle categorie esordienti, protagoniste le ragazze con Maria Gusmeroli (G.P. Talamona) a conquistare l’ennesima vittoria e il titolo provinciale; sul podio insieme a lei sono salite Alina Scottoni (Ardenno Sportiva) e Laura Vola (G.S. CSI Morbegno). Nei ragazzi i diavoli rossi hanno di poco mancato la tripletta con Leon Bordoni che è andato a vincere davanti al compagno di squadra Federico Bongio, mentre Francesco Bongio che si è dovuto accontentare del 4° posto preceduto sulla linea d’arrivo da Angelo Tarchini (Ardenno Sportiva). Nelle cadette Serena Lazzarelli (G.P. Valchiavenna) ha vinto gara e titolo mettendo in fila ben quattro atlete del G.P. Santi Nuova Olonio: Greta Contessa, Anna e Alice Tosarini, Serena Barini. Nei cadetti arrivo al fotofinish con Nicola Fumagalli (G.P. Valchiavenna) che in volata non si lascia battere da Davide Paragoni (G.P. Santi Nuova Olonio), gradino più basso del podio per il compagno di squadra Davide Curioni. Nella gara allieve vince facile Cristina Molteni (G.P. Valchiavenna) che ha tenuto a debita distanza Tecla Cassina (G.S. Valgerola) e Gabriela Martelli (G.P. Santi Nuova Olonio). Negli allievi bella prova per il longilineo Cristian Menghi (G.S. Valgerola) che fa suo il titolo di campione provinciale e sale sul podio accompagnato da Luca Pedranzini (U.S. Bormiese) e Paolo Del Re (G.P. Valchiavenna). La gara assoluta e master femminile di 5,2 km vedeva come favorita al via la vicecampionessa europea di corsa in montagna Alice Gaggi che già a Morbegno ha trionfato cinque volte. Ad insidiarla l’idolo locale e azzurra di cross Roberta Ciappini e Silvia Radaelli (Bracco Atletica). Dopo le schermaglie iniziali le posizioni si sono prontamente definite e le tre protagoniste sono arrivate nell’ordine: Alice Gaggi (La Recastello Radici Group) alla sua sesta vittoria in 18’17”, seconda e vincitrice del titolo promesse Roberta Ciappini (G.S. CSI Morbegno) in 18’32”, terza Silvia Redaelli (Bracco Atletica) in 18’43”, a chiudere la top five le due atlete del G.S. CSI  Morbegno Sara Asparini (prima delle master 35) e Stefania Bulanti (prima delle junior), entrambe autrice di un’ottima prova. Gli altri titoli di campione provinciale sono andati a Ramona Ipra (Pol. Albosaggia/seniores), Debora Dell’Andrino (G.P. Santi Nuova Olonio/master 40), Cinzia Zugnoni (G.S. CSI Morbegno/master 45), Michela Trotti (G.S. CSI Morbegno/master 50), Anna Maria Taeggi (G.S. Valgerola/master 60), Elvira Scetti (G.P. Talamona/master 55).
Nella gara master maschile di 5,8 km bel duello tra Fabrizio Sutti (G.S. Valgerola) e Stefano Sansi (G.S. CSI Morbegno) che hanno subito fatto il ritmo portandosi in scia Enzo Vanotti (G.P. Santi Nuova Olonio), Guido Rovedatti (G.S. CSI Morbegno) e Roberto Pedroncelli (G.P. Santi Nuova Olonio). Al terzo dei quattro giri previsti però Sansi ha staccato Sutti e si è involato verso la vittoria con il crono di 16’59” facendo suo il titolo provinciale nei master 35, argento per Fabrizio Sutti (G.S. Valgerola/17’04”) che si laurea campione provinciale nei master 40, bronzo per Guido Rovedatti (G.S. CSI Morbegno/17’09”). La top five è completata da Enzo Vanotti (G.P. Santi Nuova Olonio/campione provinciale master 55) e Alessandro Gusmeroli (G.S. CSI Morbegno). Gli altri titoli provinciali sono stati appannaggio di Gianluca Cristini (Polisportiva Albosaggia/master 45), Roberto Pedroncelli (G.P. Santi Nuova Olonio/master 50), Erico Spini (G.S. CSI Morbegno/master 60), Ivano Testa (G.S. CSI Morbegno/master 65), Duilio Volpini (G.S. CSI Morbegno/master 70), Pietro Frigeri (G.P. Talamona/master 75).
Gran finale con la gara assoluta maschile di 7,8 km dove si può proprio dire che i diavoli rossi sono stati profeti in patria con uno storico poker. Subito in testa con ritmi elevati il trio composto Marco Leoni, Francesco Peyronel e Stefano Martinelli. Al quinto dei sei giri previsti il giovane Martinelli prende il comando con un vantaggio di 20 metri, ma osa troppo e nell’ultimo giro un Francesco Peyronel in grande spolvero lo riprende e lo stacca andando a vincere a braccia alzate con il crono di 24’50” e conquistando anche il titolo provinciale seniores, secondo posto per un bravo Marco Leoni (25’12”), terzo posto per Stefano Martinelli (25’19”) che conquista il titolo juniores, quarto posto per Matteo Franzi (25’44”) e quinti posto, con titolo promesse, per Matteo Bradanini (U.S. Bormiese/26’09”). A livello di società, nel Campionato provinciale su strada vittoria del G.S. CSI Morbegno in tre dei quattro settori previsti (giovanile maschile, assoluto maschile, assoluto femminile, master), mentre il G.P. Santi Nuova Olonio vince nel giovanile femminile. Il Trofeo AVIS Morbegno in palio per la prima società va ancora al G.S. CSI Morbegno, seguito da G.S. Valgerola e G.P. Santi Nuova Olonio.                   CLASSIFICHE


mercoledì 19 aprile 2017

SETTIMANA SPORT E SOLIDARIETA’: PAROLE D’ORDINE PREVENZIONE E DONAZIONE

Ritorna l’appuntamento primaverile con la “Settimana sport&solidarietà” che richiamerà a Morbegno qualcosa come 4000 persone in occasione delle tre manifestazioni che ne fanno parte: la 7ª LILT Running, il 28° Trofeo morbegnese e la 38ª Camminata morbegnese AVIS-AIDO-ADMO.
Un connubio virtuoso che grazie allo sport sensibilizzerà alla prevenzione – nello specifico per la lotta al tumore – e alla donazione – di sangue, organi e midollo.
La Sala Consiglio del Comune di Morbegno è stata la sede, martedì 18 aprile, della conferenza stampa di presentazione di questo evento che rappresenta, in modo quanto mai felice, come la collaborazione tra associazioni porti a risultati eccezionali. “Grazie alla solidarietà di Morbegno (e non solo) – ha esordito il presidente della LILT Sondrio Claudio Barbonetti – abbiamo fatto investimenti importanti: strumenti innovativi, una sede di proprietà, l’obiettivo per il 2017 è avere la stazione di citologia in sede, che permetta di analizzare le biopsie per avere una diagnosi entro 24 ore”. Le “magnifiche 9” organizzatrici della LILT Running (Lorena, Claudia, Monica, Mary, Assunta, Virna, Stefania, Eleonora e Rosalba) sono pronte ad accogliere 1700 donne per la corsa/camminata si svolgerà la mattina del 25 aprile (partenza alle ore 10.30 dalla Colonia fluviale di Morbegno), ma che soprattutto ha lo scopo di diffondere il messaggio che “prevenire è vivere”. Si passa poi, nel tardo pomeriggio del 25 aprile, alla parte più agonistica della “Settimana sport&solidarietà”, ovvero il Trofeo morbegnese, gara regionale Fidal e CSI di corsa su strada nel centro storico di Morbegno, che assegnerà i titoli di campione provinciali e vedrà al via complessivamente 600 atleti dai 6 anni in su. “La grande novità di quest’anno – ha spiegato il presidente del G.S. CSI Morbegno Giovanni Ruffoni – è il nuovo main sponsor Banca Popolare di Sondrio”. “Poiché la partenza e l’arrivo della gara sono proprio davanti alla succursale di Morbegno della BPS – continua Ruffoni – la banca ha deciso di sostenerci e contribuire, insieme ad AVIS e AIDO Morbegno, ai premi che verranno dati a tutti i partecipanti e ai migliori di ogni categoria”. A sottolineare l’impegno del CSI Morbegno e la vivacità del movimento atletica il neo-presidente della Fidal Sondrio Giovanni Del Crappo.
L’appuntamento invece aperto a tutti è la camminata del 1° maggio che da alcuni anni vede la collaborazione del “polo della donazione” costituito da AVIS, AIDO e ADMO, come l’ha definito il presidente dell’AIDO provinciale Maurizio Leali. “Il logo della locandina è stato realizzato dal Liceo Artistico di Morbegno – ha spiegato il presidente AVIS Morbegno Rocco Acquistapace – in particolare dalla studentessa Pamela Zanoli che ha disegnato due volti in cui si ramificano diversi capillari e sopra di essi una goccia di sangue”. “La donazione è un piccolo gesto che può fare tanto – ha concluso Acquistapace – pertanto è nostro dovere fare il possibile per diffondere sempre più il messaggio della donazione”. E tra gli sponsor che non fanno mai mancare il loro supporto a queste manifestazioni, e non solo, c’è la Latteria Sociale Valtellina di Delebio rappresentata durante la conferenza stampa dal direttore Marco Deghi e da Maurizio Giboli. 
A chiudere la presentazione, facendo gli onori di casa, il vicesindaco Gabriele Magoni che ha sottolineato quanto Morbegno sia sempre disponibile a supportare eventi di così ampio respiro.

SETTIMANA SPORT&SOLIDARIETA’

7ª LILT RUNNING – corsa e camminata di 7 km per sole donne
25 aprile Colonia Fluviale di Morbegno – ore 8.30 ritrovo, ore 10.30 partenza
Info: www.legatumoriso.it

28° TROFEO MORBEGNESE – gara regionale di corsa su strada nel centro storico
25 aprile Morbegno piazza Caduti per la libertà – inizio gare ore 17.00
Info: www.gscsimorbegno.org

38ª CAMMINATA AVIS-AIDO – marcia non competitiva di 7 km
1° maggio Morbegno piazza S. Antonio – ore 8.00 ritrovo, ore 9.30 partenza 
Info: http://www.avisprovincialesondrio.it/category/avis-morbegno/


martedì 18 aprile 2017

STAFFETTA DI PRIMAVERA: TANTA PARTECIPAZIONE E RECORD DI EMMIE COLLINGE/FRANCESCA MAJORI AL FEMMINILE

A Pasquetta i runner della provincia di Sondrio e non solo hanno un appuntamento da non perdere: è quello della Staffetta di Primavera organizzata da ormai 31 edizioni dal G.S. Valgerola Ciapparelli. E proprio perché è una di quelle gare storiche del calendario Fidal, anche quest’anno la partecipazione è stata massiccia, con ben 450 atleti al via. Un percorso veloce nel centro di Regoledo, frazione del comune di Cosio Valtellino, il pubblico di casa che non manca mai e l’avvincente formula a staffetta sono gli ingredienti fondamentali di questo appuntamento che ogni anno non è solo agonismo, ma è soprattutto voglia di ritrovarsi insieme per condividere un bel pomeriggio di sport.
A dare il via alle gare, dopo la prova promozionale per gli esordienti B/C, la gara delle esordienti A dove Asia Contessa e Teresa Buzzella (G.P. Santi Nuova Olonio) hanno messo dietro Sofia Paganoni ed Eleonora Squarcini (C.O. Piateda) e Milena Martinalli in coppia con Chiara Valena (G.S. Valgerola). Nei pari età maschili Daniele Ciaponi e Andrea Mazzoni (G.P. Talamona) sono stati più veloci di Alberto Cazzato e Simone Fallati (G.S. Valgerola) e Daniele Nana in coppia con Nicola Rossi (A.S. Lanzada). Nelle ragazze brave Laura Vola ed Elisa Rovedatti (G.S. CSI Morbegno) che hanno fatto meglio di Francesca Esposto e Benedetta Buzzella (G.P. Santi Nuova Olonio) e del duo composto da Chiara Bulanti e Giulia Mari (Pol. Albosaggia). Nei ragazzi non fanno sconti Jacopo Ciapponi e Giacomo Ciaponi (G.P. Talamona), seguiti da Oliviero Curti e Mantas Martelli (G.P. Santi Nuova Olonio) e Gabrile Sutti con Simone Baraiolo (G.S. Valgerola). Nelle cadette bella prestazione di Serena Lazzarelli e Milena Masolini (G.P. Valchiavenna) che hanno preceduto di 3 secondi Greta Contessa e Anna Tosarini (G.P. Santi Nuova Olonio), gradino più basso del podio per Alice Gianoli e Chiara Tobaldo (A.S. Lanzada). Nei cadetti il G.P. Valchiavenna occupa i primi due gradini del podio grazie a Gabriele Biavaschi in coppia con Nicola Fumagalli e Samuele Succetti con Davide Gini, medaglia di bronzo per Davide Paragoni e Giovanni Zugnoni (G.P. Santi Nuova Olonio). Le gare assolute e master erano valide per l’assegnazione dei titoli provinciali di corsa su strada a staffetta, ed il primo titolo è andato alle allieve Alessandra Succetti e Cristina Molteni (G.P. Valchiavenna) di un soffio davanti a Gaia Bertolini e Katia Nana (Pol. Albosaggia), terzo posto per Gabriela Martelli e Anna Scisetti (G.P. Santi Nuova Olonio). Nella gara assoluta femminile vittoria con record per Francesca Majori e Emmie Collinge (Atletica Alta Valtellina) che hanno chiuso con il crono di 8’53” e la cui vittoria non è mai stata in discussione. Titolo juniores per Eleonora Fascendini ed Elisabetta Zuccoli (G.P. Valchiavenna), mentre nelle promesse si sono laureate campionesse provinciali Ilaria e Martina Barri (G.P. Santi Nuova Olonio); titolo master A per le compagne di squadra Deborah Dell’Andrino e Lorenza Combi, mentre nelle master B il titolo è andato a Zita Rogantini e Sonia De Agostini (G.P. Valchiavenna). Negli allievi titolo e vittoria per Alessandro Rossi e Marco Della Rodolfa (A.S. Lanzada) che hanno fatto meglio di Stefano Bonomi e Yuri Guerra (Pol. Albosaggia) e della coppia Gianluca Nesossi e Paolo Del Re (G.P. Valchiavenna). Nella gara master maschile, sul circuito di 2 km, bella sfida tra G.S. CSI Morbegno e G.P. Valchiavenna con i diavoli rossi a cambiare per primi con Guido Rovedatti di 4 secondi davanti a Fabrizio Triulzi, ma in seconda frazione il mezzofondista veloce Riccardo Lerda è l’unico a correre sotto i 6 minuti e precede sul traguardo Stefano Sansi, andando così a conquistare anche il titolo nei master A.  Si laureano campioni provinciali nei master B Claudio Succetti e Marco Zuccoli (G.P. Valchiavenna). A chiudere la gara clou maschile: Mattia Sottocornola (Atletica Lecco) si presenta per primo in zona cambio con il crono di 5’30” e con un vantaggio di 5” su Matteo Franzi (G.S. CSI Morbegno), ma in seconda frazione il veloce e sempre competitivo Francesco Peyronel guadagna 9” su Andrea Denti e va a vincere con il crono finale di 11’11” portando a casa anche il titolo provinciale seniores, l’Atletica Lecco occupa il secondo e terzo gradino del podio grazie alle coppie Sottocornola e Denti, Samuele Nava e Andrea Zoanni, con quest’ultimo a correre forte in 5’31”. A chiudere la top five Daniele Molatore e Fabio Canclini (G.P. Santi Nuova Olonio), Davide Vaninetti e Daniele Menghi (G.S. Valgerola). Per la cronaca, il titolo provinciale juniores è andato a Federico Bardea e Giovanni Rossi (A.S. Lanzada), quello promesse a Stefano Abate e Oscar Vairetti (G.S. CSI Morbegno). Nella classifica di società, il Trofeo Alico è andato ai padroni di casa del G.S. Valgerola Ciapparelli davanti a G.S. CSI Morbegno e G.P. Santi Nuova Olonio