lunedì 31 agosto 2015

Daniele Cappelletti e Silvia Rampazzo si aggiudicano la settima edizione della Maddalene Sky Marathon‏

In Alta Val di Non, Daniele Cappelletti e Silvia Rampazzo (Valetudo Skyrunning) vincono la settima edizione della Maddalene Sky Marathon. Silvia Rampazzo stabilisce il nuovo record del tracciato. Nella gara più breve, in campo maschile, la vittoria è di Simone Wegher. Tra le donne domina Paola Gelpi. 
Senale/Rumo (Trento) 30 agosto 2015. Domenica mattina in Alta Val di Non si è disputata la settima edizione della Maddalene Sky Marathon gara inserita nel calendario italiano delle Skyrunner Series® e valida per il Campionato Italiano categoria Master. Una giornata estiva con un cielo terso sopra il gruppo montuoso delle Maddalene ha accompagnato i 250 atleti impegnati nei due percorsi, la Sky Marathon di 44,5 chilometri con un dislivello di sola salita di 2905mt, e la Mountain Race, di 25 chilometri con 1500mt di dislivello positivo.

Alle ore 7, dalla piazzetta di Senale, sono partiti gli atleti impegnati nella Sky Marathon, subito un gruppetto formato da Gil Pintarelli (Team Crazy) , Maurizio Fenaroli (Kratos Team), Daniele Cappelletti, Mikhail Mamleev (Team Valetudo) e Roberto Dallavalle ha tenuto alto il ritmo della gara. Nella prima parte di gara i battistrada non hanno voluto prendere particolari iniziative, il caldo e la lunghezza del tracciato potevano giocare brutti scherzi. All’intermedio di Malga Val, poco dopo la metà di gara, il primo a passare é l’outsider di casa Roberto Dallavalle, inseguito dal gruppetto di inseguitori. Si porta poi al comando Gil Pintarelli, ma successivamente il trentino deve rallentare il ritmo per una leggera crisi dovuta al caldo. Al 27° chilometro Cappelletti è in testa con un buon margine su Maurizio Fenaroli, purtroppo anche Cappelletti è vittima del caldo e sulla salita del Monte Pin, avendo finito l’acqua, inizia a lasciare sul terreno secondi preziosi. A circa cinque minuti dal termine della salita, Fenaroli sorpassa Cappelletti e inizia a scendere verso Rumo. Cappelletti stringe i denti e poco dopo, dando sfogo alle sue doti da discesista, riesce a riprendere il comando della gara. Il forte atleta della Valetudo riesce a tenere la prima posizione tagliando il traguardo con il tempo di 4:42’53’’. Alle sue spalle, con soli 14 secondi di ritardo, si classifica in seconda posizione Maurizio Fenaroli. Il podio è completato da un tenace Gil Pintarelli. Mikhail Mamleev e Roberto Dallavalle sono rispettivamente quarto e quinto.

In campo femminile lungo i sentieri delle Maddalene è stata Silvia Rampazzo a eccellere. Dopo una partenza accorta, senza voler strafare, ha preso il comando della gara davanti alla regina dello skyrunning Emanuela Brizio. Godendo dei luoghi attraversati, «se non ammiro il panorama nel quale sono immersa, - ha detto al traguardo la Rampazzo - non riesco a giustificare l’immensa fatica che sto facendo» la campionessa veneta è riuscita a tenere la testa della gara arrivando a Rumo in prima posizione davanti alla Brizio e a Edeltraud Thaler. La Rampazzo oltre a salire sul gradino più alto del podio con il tempo di 5:15’34’’ registra il nuovo record della gara.

Nella gara più breve, in campo maschile, la vittoria è di Simone Wegher che chiude la propria prova con il tempo di 2:26’03’’. Riccardo Baggia e Karl Josef Höller sono rispettivamente secondo e terzo. Tra le donne domina l’atleta del Maddalene Sky Team Paola Gelpi fermando il cronometro in 2:54’25’’, in seconda posizione si classifica Rossana Tomasi, mentre Tiziana Rossi completa il podi con 3:22’23’’.

Lorenza Bortoluzzi e Thomas Springhetti (Maddalene Sky Team) si aggiudicano la classifica di combinata con la Suedtirol Ultra Skyrace short, ultra trail disputatasi a fine luglio sulle Alpi della Val Sarentino. 

Il più forte arrampicatore del mondo a Milano: Adam Ondra ospite al Rock Spo


PERO, Milano – Adam Ondra, il più forte arrampicatore del mondo, sarà protagonista di un’intera giornata al Rock Spot di Pero. L’evento, in programma lunedì 7 settembre nella palestra d’arrampicata più grande d’Italia, durerà dal pomeriggio alla sera: i partecipanti potranno scalare con lui, testare le scarpette La Sportiva e poi sentirlo raccontare di sé, prima di lanciarsi nel party finale con buffet e dj set. 
Un appuntamento imperdibile quello in programma alle porte di Milano, al Rock Spot di Pero, con i suoi 2500 mq il tempio dell’arrampicata milanese, nonché una delle più belle palestre d’Europa. Adam Ondra non ha certo bisogno di presentazioni: il fenomeno ceco, campione del mondo in carica delle discipline boulder e lead, ha iniziato a scalare da giovanissimo vincendo più volte titoli mondiali e facendo segnare quello che oggi è il massimo grado mai raggiunto nell’arrampicata sportiva, il 9b+. 
L’evento del 7 settembre comincerà nel pomeriggio: dalle ore 16 alle 21 si potrà arrampicare e ammirare Ondra mentre scala su alcune delle oltre 240 vie della palestra. Sarà anche occasione per i partecipanti di testare gratuitamente le scarpette La Sportiva. Poi dalle 21 largo alle parole: il campione parlerà di sé, della sua passione e di come il suo talento l’ha portato oggi ad essere considerato uno dei più forti climber di sempre. 
Infine dalle 22 dj set con buffet offerto dalla palestra Rock Spot. La serata è a entrata libera. 
  
Rock Spot Nord Ovest
Via Antonio Gramsci, 29, 20016 Pero
Tel. 02 93549162
E-mail: press@rockspot.it
www.rockspot.it

Livigno Skymarathon: promosso a pieni voti il test event 2015

Una giornata spettacolare ha accompagnato i top runner che hanno testato il percorso della Livigno Skymarathon, evento che si candida ad ospitare nel 2016 una tappa delle Skyrunner World series. Grazie al supporto di Apt, e all’organizzazione del team di Valtellina Wine Trail si sono gettate basi solide per quello che potrebbe divenire un appuntamento fisso nel panorama mondiale della specialità.
Al via atleti di livello internazionale tra cui la nepalese Mira Rei, i britannici Tom Owens, Emmie Collinge e Phil Gale, l’olimpionico  finlandese Mittunen, lo svizzero Micha Steiner, la campionessa mondiale di skyrunning Elisa Desco, il vincitore del Tor des Geants Franco Collè, il campione della ResegUp Nicola Golinelli e i due forestali Emanuele Manzi e Marco De Gasperi.
Dopo la partenza nel cuore di Livigno e passerella lungo la zona pedonale, gli atleti si sono diretti fino al lago per poi iniziare la salita che conduce al Mot: vero e proprio balcone con vista mozzafiato su tutto l’abitato. Valicato il Passo del Canton è iniziato il tratto più tecnico ma anche più panoramico fino ad addentrarsi nella selvaggia Val Salient. Dopo aver risalito la valle per circa 500 metri di dislivello è avvenuto il passaggio dal Passo Trupchum per poi raggiungere cima Cassana attraverso un passaggio in cresta attrezzato con corde fisse dalle guide Alpine tra cui il direttore del percorso Adriano Greco. Un continuo saliscendi in cresta ha portato gli atleti al punto più alto del tracciato posto ai 3047 metri di Cima Chaschauna. Un panorama senza eguali permetteva di ammirare dal gruppo del Bernina a quello dell’Ortles Cevedale. La successiva agevole discesa  conduceva alla base dell’ultima salita di giornata che ha permesso ai runner di raggiungere Piz da Rjn a 3007 metri. Il più era stato fatto, dopo essere transitati da Passo Cassana iniziava la bella discesa e il passaggio lungo la Val Federia per poi riaffrontare la passerella finale nel centro paese ed essere accolti come “eroi” al traguardo posto di fronte al Comune. 
Questo test ha permesso ai futuri organizzatori di capire la possibile fattibilità di una gara che potrebbe non avere eguali, visto i passaggi spettacolari, le quote raggiunte e la tecnicità del territorio sulla quale potrebbe svolgersi la Livigno Skymarathon.
Grande soddisfazione da parte del professionista e amante del proprio territorio Marco De Gasperi: “Non potevamo scegliere giornata migliore per questo test event. Ringrazio tutti i partecipanti che ci hanno fornito feedback importanti. Era fondamentale capire quali potessero essere gli elementi da tenere in considerazione per il futuro. Da tutti ho ricevuto i complimenti per la varietà e la spettacolarità del tracciato. Ringrazio Apt Livigno per il supporto che ci ha dato e il direttore del percorso e amico Adriano Greco per la messa in sicurezza. Sono state gettate basi solide per avere un evento di alto livello in alta valle, una disciplina come lo skyrunning è capace di valorizzare, far conoscere al pubblico e recuperare percorsi di alta montagna.”



domenica 30 agosto 2015

CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI A STEFFETTA – MARGNO (LC) Pian delle Betulle vittoria tricolore per Corrintime &Recastello

Una location spettacolare nel cuore delle Orobie, un tracciato tecnico e impegnativo, 180 squadre e oltre 300 atleti per l’ultima festa tricolore della stagione 2015. Promossa a pieni voti l’organizzazione griffata Atletica Lecco Costruzioni e promosse a pieni voti anche la neonata Corrintime, vincitrice del titolo assoluto maschile con Antonio Toninelli, Martin Dematteis, Bernard Dematteis, e la Recastello Radici che ha stravinto gara e titolo in rosa con il binomio Ilaria Bianchi – Samantha Galassi.
Campionesse italiane delle altre categorie sono Giulia Zanne – Federica Zanne dell’Atletica Brescia (Junior), Ivana Iozzia – Daniela Paterlini della Calcestruzzi Corradini (Master A), Daniela Bonaiti – Silvana Bonaiti dell’Atletica Valle Brembana (Master B), Angela Pin – Ermina Furegon dell’Atletica Aviano (Master C). Al maschile tricolore sulle spalle di Luca Ventura – Simone Lochner dell’Atletica Trento (Junior), Giuseppe Antonini – Cristian Badini – Claudio Del Moro dell’Atletica Paratico (Master A), Gianbattista Muttoni - Pietro Riva – Italo Conti della Polisportiva Pagnona (Master B), Ruggero Bassanelli – Gian Mario Merelli della Recastello (Master C).
A dare fuoco alle polveri sono state le categorie juniores e la prova assoluta femminile nella consueta formula a due elementi. Qui, come da pronostici, il sodalizio orobico della Recastello ha imposto la legge del più forte facendo selezione in prima frazione con l’azzurra Samantha Galassi. La sua partner Ilaria Bianchi, in seconda, si è ben difesa dagli attacchi di una scatenata Alice Gaggi. Classifica alla mano hanno chiuso con un tempo finale di 1h10’40”. Piazza d’onore per il Runner Team 99 di Francesca Bellezza – Alice Gaggi 1h11’12” e gradino più basso del podio per la Free-zone del Sara Bottarelli – Angela Serena 1h13’07”. Migliore crono di giornata quello siglato dalla maratoneta Ivana Iozzia capace di affrontare i circa 6km di gara (dislivello di 500m) in 33’24”. Secondo migliore tempo per Gaggi 33’38” e terzo per Galassi 33’52”. 
Molto più combattuta la prova maschile che ha visto ogni frazionista affrontare un tracciato di 7.5km con un dislivello positivo di circa 600m. Prova vissuta nella super sfida tra Corrintime e Atletica Valli Bergamasche Leffe. Sorpassi, avvincenti testa a testa, serrati confronti fisici e psicologici hanno premiato i gemelli Dematteis schierati al fianco del bresciano Toninelli. Per loro finish time di 1h55’46” che è valso il primo posto assoluto e titolo tricolore. Seconda piazza per la sempre competitiva equipe del Valli Bergamasche Leffe che presentava il terzetto composto da Alessandro Rambaldini, Luca Cagnati, Xavier Chevrier 1h56’07”. Sul podio di gara e di campionato italiano anche il Gs Orobie di Alex Baldaccini, Vincenzo Milesi, Paolo Gallo 2h03’44”.

Migliore di giornata è risultato uno stratosferico Bernard Dematteis 36’20”, ma molto bene sono andati pure il valdostano Xavier Chevrier 37’50” e Martin Dematteis 38’26”.  Messi in archivio i tricolori, ora gli azzurri torneranno al raduno in altura al Sestriere per preparare nel migliore dei modi le gare iridate in programma sabato 19 settembre in Galles.       
                     M. Torri
               

sabato 29 agosto 2015

Più di 400 al via sulle due prove. Della Torre & Sortini re e regina del Kima Trail Running

Filorera e la Val di Mello si confermano capitali del trail running con 408 atleti al via. In attesa della Grande Corsa sul Sentiero Roma - con i suoi 52km, sette valichi alpini, 8400m di dislivello totale e il gotha dello skyrunning mondiale in programma per agosto 2016 – oggi in Valmasino hanno tenuto banco le due prove non federali da 14 e 6km. 

KIMA TRAIL RUNNING: 
In quella agonista, 192 atleti si sono confrontati su uno spettacolare e tecnico anello disegnato all’interno della riserva naturale della Val di Mello e quelle frastagliate vette granitiche che hanno scritto la storia dell’alpinismo.  Qui, i più veloci sono stati i locali Francesco Della Torre (Ardenno Sportiva) vittorioso in 57’51” e Elisa Sortini (Team Valtellina) da record in 1h10’15”. Se il primo, a causa di “un dritto fuori programma” non è quindi riuscito a limare il record maschile – 57’44”siglato nel 2014 dal bergamasco Fabio Bazzana -, la seconda è invece riuscita a riprendersi il personal best in rosa abbassando l’1h10’38” fatto registrare lo scorso anno dall’orobica Michela Benzoni.  
Pronti, via e già sulla ciclabile che da Filorera porta verso l’ingresso della “Yosemite europea” il portacolori dell’Ardenno Sportiva si è portato in scia alcuni dei migliori atleti dell’edizione 2015: Mirko Bertolini, Gianluca Volpi, Enzo Vanotti e Stefano Butti. Nella prova femminile l’azzurra Sortini ha invece lasciato ben poche illusioni alle dirette avversarie. Con il passare dei chilometri nessuna sorpresa, i due fuggitivi hanno legittimato la loro evidente superiorità. 
Al traguardo, alle spalle di Della Torre -57’51”- il suo compagno di scuderia Mirko Bertolini ha fermato il cronometro sul tempo di 58’49”. Da podio anche Gianluca Volpi – 1h00’40”- che nell’ordine ha messo dietro Enzo Vanotti, Stefano Butti, Andrea Mazzoni, Marco Mainetti, Francesco Leoni, Roberto Volpi e Thomas Capponi.  
Al femminile, due su due per Sortini che dopo il successo da record 2013, è tornata a calcare il gradino più alto del podio riprendendosi quel primato cronometrico che lo scorso anno Michela Benzoni era riuscita a prenderle. Alle sue spalle la bergamasca della Recastello Daniela Rocca -1h13’55” e la fedelissima del Kima Trail Running Cinzia Cucchi nuovamente a podio in 1h19’16”. 
MINIKIMA:
Molti, moltissimi anche al via della 6km non competitiva. Tra i217 partenti, giovani atleti, genitori con figli al seguito e concorrenti diversamente abili. Tra loro i più veloci sono stati Franco Barletta -18’35”- e Valentina Pelosi -21’51”-. Molto bene anche Gianni Folli, Federico Trotti, Vittoria Bassi e Arianna Guerrini. 
Da ricordare che gli Eventi Kima hanno avuto uno scopo sociale. Parte del ricavato verrà infatti devoluto all’iniziativa promossa dall’ Associazione Amici del Bambino a sostegno della raccolta fondi da destinarsi all'adeguamento del Centro trapianti del reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia, necessitante di una urgente ristrutturazione.    
Una partnership non solo sulla carta. Per promuovere ulteriormente la cultura della donazione e dare un segnale tangibile della bontà di questo progetto, all’edizione 2015 del Minikima hanno preso parte anche diversi concorrenti trapiantati. 

venerdì 28 agosto 2015

MONTE CANTO SUMMER NIGHT A CARVICO UNA NOTTE D'AGOSTO IN VERO SPIRITO TRAIL

A Carvico (Bg) il trail running è di casa tutto l'anno, grazie all'itinerario permanente realizzato sul Monte Canto e ai vari eventi che il team Asd Carvico Skyrunning di Alessandro Chiappa propone nel corso della stagione. Dopo Sky del Canto, Vertical e Arrancanto, lo staff è pronto per una nuova festa dello sport, e aspetta i corridori all'evento in notturna di sabato 29 agosto. 

Sabato 29 agosto spazio dunque alla seconda edizione del Monte Canto Summer Night Trail – Flavio Chiappa a.m., 18 km e 900 metri di dislivello correndo verso il colle che domina il paese di Carvico e la pianura.

​ ​
La prima particolarità è il fattore buio. Lo start viene dato alle ore 19.00 nel centro del paese e l'imbrunire sorprenderà gli atleti durante lo svolgimento della gara non competitiva. Di conseguenza è indispensabile avvalersi della pila frontale.

Il percorso richiede una buona preparazione fisica ma non sono presenti tratti difficoltosi
​;​
 
​essendo un 
evento omologato Fiasp
​,​
 non è necessario presentare il certificato medico per la pratica sportiva. L'assenza di tale requisito rende il Monte Canto Summer Night Trail la prova ideale 
​anche ​
per coloro che vogliono avvicinarsi 
​per la prima volta ​
al mondo della corsa outdoor.
​ ​
Le iscrizioni si effettuano sul posto. Possibilità di cenare alla festa di Carvico (servizio ristorante e pizzeria) che si svolge presso il piazzale della chiesa, in concomitanza con la gara. La location, rispetto allo scorso anno, è cambiata: ritrovo al parcheggio dell'oratorio e della chiesa.

​I​
l Monte Canto Summer Night è un evento che vuole tornare alle origini, richiamando il vero spirito del trail running. Per questo motivo (ed ecco svelata la seconda particolarità), non ci si atterrà alla normale logica della classifica. Un grande cartellone campeggerà nella zona dell'arrivo, a disposizione di coloro che taglieranno il traguardo. Saranno gli atleti
​ stessi​
 a creare 
​poi ​
la classifica, ponendo volontariamente la propria firma sul manifesto
​ a loro disposizione​
.

Il programma di sabato 29 agosto prevede ritrovo (dalle ore 17.30) e partenza in via San Martino a Carvico (Bg). Alle ore 18.45 il briefing, alle ore 19.00 la partenza e infine, alle ore 21.30, le premiazioni. Iscrizioni sabato direttamente sul posto.
​ Tutte le info sul sito www.carvicoskyrunning.it.​



​ufficio stampa Asd Carvico Skyrunning

Enula Bassanelli​

giovedì 27 agosto 2015

Grandi nomi al via dell'Alta Valtellina Skyrunning Experience

Presente anche il recordman delle gare Vertical Urban Zemmer 
Sale la tensione per l’Alta Valtellina Skyrunning Experience in programma questo fine settimana. Il meteo clemente potrebbe regalare – così si spera – una giornata davvero indimenticabile per coloro che sceglieranno di gareggiare sulle pendici da brivido del Vertical Race di Santa Caterina, e per i campioni prescelti che inaugureranno il tecnico percorso della Livigno Skymarathon.

 Il tutto come antipasto alle Skyrunner World Series del prossimo anno, il circuito mondiale di Skyrunning al quale i due eventi dell’Alta Valtellina ambiscono a far parte con grande determinazione. 
Si partirà dunque sabato alle ore 15.00 a Santa Caterina dal Centro La Fonte, con i 1000mt verticali sul percorso di 3km della pista di sci, teatro durante l’inverno della FIS World Cup di Discesa Libera maschile. Nelle parole del presidente dell’APT di Santa Caterina, Giovanni Compagnoni, la piena soddisfazione per questo ennesimo importante evento che viene proposto nella cittadina della Valfurva: “Santa Caterina Valfurva non è solo sci, sabato sarà protagonista in una disciplina che è in continua espansione. Con questo primo Vertical Km la Valfurva vuole mostrare al mondo degli skyrunners quanto il nostro territorio ben si presti a questo meraviglioso sport. Sarà una gara dura, dal centro di Santa Caterina alla Cresta Sobretta, spettacolare non solo per colro che parteciperanno, ma anche per gli spettatori che potranno assistere alla gara dalla cima della Cresta sobretta, raggiungibile con la cabinovia che parte dal centro del paese.”
 Il livello tecnico dei partecipanti è altissimo come ci spiega Fabio Meraldi, il direttore di gara del percorso: “Abbiamo la fortuna di avere fior di campioni ai nastri di partenza di questo evento, che non solo è al debutto, ma che è stato lanciato con notevole ritardo nel già fitto calendario delle manifestazioni nazionali. E’ con un pizzico di orgoglio che annunciamo la presenza del detentore della miglior prestazione al mondo sul KM Verticale (29’42” lo scorso anno nella località svizzera di Fully), l’altoatesino del Team La Sportiva Urban Zemmer. Oltre a lui, sarà al via parte della nazionale di scialpinismo tutta made in Valtellina, con i fortissimi Michele Boscacci e Robert Antonioli (Esercito), oltre a Lorenzo Holzknecht. L’attacco al podio verrà anche dal britannico Tom Owens, oltre che dai forestali Marco De Gasperi e Emanuele Manzi, nonchè dall’azzurro di corsa in montagna Riccardo Sterni. A livello femminile ci sarà una sfida importante con il talento nepalese Mira Rai contrapposto alla forza esplosiva della britannica Emmie Collinge. Anche la vincitrice della gara delle World Series di domenica scorsa, Elisa Desco, sarà al via. Merita una menzione particolare pure la giovanissima Giulia Compagnoni, l’enfant du pais che anche la testimonial della manifestazione.” 
Il giorno dopo ci si trasferirà a Livigno, dove il direttore di gara Adriano Greco ha definito il percorso che rappresenterà una vera chicca per gli amanti di questa disciplina. In questo caso, sono una quindicina gli atleti ammessi a partecipare a quello che per Livigno rappresenta un test importantissimo per il 2016 e che merita di essere immortalato con un video che si preannuncia altamente spettacolare. 
In questa prova ci saranno atleti del calibro di Franco Collè, valdostano vincitore del massacrante Tor de Gèants nel 2014. Al via pure i britannici Tom Owens e Phil Gale, la giovane promessa svizzera Micha Steiner, gli italiani Nicola Golinelli, Marco De Gasperi ed Emanuele Manzi e il finlandese Ville Mettuinen. Ci sarà anche una donna fra i partenti a questo evento: la nepalese Mira Rai, vera portabandiera di un Paese violentemente offeso dagli eventi catastrofici occorsi la scorsa primavera, ma che ha saputo alzare dignitosamente la testa nonostante le grandi difficoltà economiche. “Siamo entusiasti di poter ospitare questo primo test event per il percorso della Livigno Skymarathon – dice Luca Moretti, presidente di Apt Livigno – sedici anni fa con la prima edizione della Stralivigno abbiamo creato le basi di partenza per il running e il podismo in quota; oggi la disciplina è cresciuta in maniera esponenziale permettendoci di pensare, grazie anche alla fitta rete di percorsi che abbiamo creato tra i 1800 e i 3000 metri, al trail running. Il percorso si sviluppa su 42km con oltre 3000mt di dislivello positivo, e speriamo che questo ci possa riconfermare come una località top in Europa per la preparazione in altura.”

domenica 23 agosto 2015

Al via la 33ª edizione del Valtellina Basket Circuit Al Pentagono di Bormio l’esordio dell’Olimpia Milano EA7

Oltre alle italiane in campo squadre turche, francesi, belghe e svizzere

Bormio, 22 agosto 2015. Tutto pronto al Valtellina Basket Circuit, giunto alla 33ª edizione, la prima senza il suo inventore Diego Pini, scomparso nel 2014. Anche quest’anno scenderanno sul parquet del Pentagono di Bormio grandi squadre italiane ed europee per la preparazione in vista della stagione agonista.
Si parte il 28 agosto con l’Olimpia Milano EA7 contro i francesi del Monaco, neopromossi in Pro A, e si prosegue fino al 19 settembre con l’arrivo delle squadre belghe e del Lugano. Da non perdere il 2 settembre lo scontro da Eurolega tra Milano e il Darussafaka Istanbul, con in campo i nuovi acquisti delle Scarpette Rosse: Jamel McLean, Andrea Amato, Milan Macvan, Daniele Magro, Charles Jenkins e Robbie Hummel.
Come tradizione si giocherà anche a Sondrio, con l’esordio dell’Acqua Vitasnella Cantù, e non mancherà una partita della squadra allenata da quest’anno dal “valtellinese” Corbani nel nuovo Palazzetto di Teglio.   
Ricordiamo che per le partite al Pentagono di Bormio l’ingresso è gratuito.
Segnaliamo che dal 23 al 29 agosto Bormio organizza il Summer Camp Valtellina 2015 (per gli atleti nati fino al 1997), una full immersion nel mondo della pallacanestro, patrocinata dal Comitato Regionale Lombardo FIP.

Programma Valtellina Basket Circuit 2015
Venerdì 28 agosto Olimpia Milano EA7 - AS Monaco (Pentagono Bormio, ore 20) 
Domenica 30 agosto AS Monaco - Gaziantepspor (Pentagono Bormio, ore 19:30)
Lunedì 31 agosto  Darussafaka Istanbul - Gaziantepspor (Pentagono Bormio, ore 20)
Martedì 1° settembre Darussafaka Istanbul - AS Monaco (Pentagono Bormio, ore 20)
Mercoledì 2 settembre  
Olimpia Milano EA7 - Darussafaka Istanbul (Pentagono Bormio, ore 17:30) 
Blu Basket Treviglio - Gaziantepspor (Pentagono Bormio, ore 20)
Sabato 5 e domenica 6 settembre previste due amichevoli, a Sondrio e Teglio, con protagonista l’Acqua Vitasnella Cantù (orari e avversarie da definire).
Dal mercoledì 16 a sabato 19 settembre in programma almeno quattro partite al Pentagono di Bormio con in campo Tigers Lugano, Spirou Charleroi e Giants Anversa (date e incontri da definire).

Programma ritiri Bormio 
Olimpia Milano EA7: dal 23 agosto al 2 settembre
AS Monaco: dal 23 agosto al 6 settembre
Gaziantepspor: dal 28 agosto al 3 settembre
Darussafaka Istanbul: dal 30 agosto al 3 settembre
Acqua Vitasnella Cantù: dal 2 al 6 settembre (Teglio)
Spirou Charleroi: dal 14 al 20 settembre
Giants Anversa: dal 15 al 20 settembre
Tigers Lugano: dal 16 al 18 settembre 

Dal 1968 la provincia di Sondrio ospita il Valtellina Basket Circuit, un torneo di pallacanestro che coinvolge  le grandi squadre del basket italiano ed europeo. In Valtellina le squadre disputano amichevoli precampionato e si allenano in preparazione della stagione agonistica. Michael Jordan è stato il protagonista indiscusso del circuito in ben due occasioni, nel 1985 e 1990.
--
Per ulteriori informazioni
info@basketcircuit.com 
www.valtellinabasketcircuit.com 
http://twitter.com/basketcircuit 

www.facebook.com/valtellinabasket 

giovedì 20 agosto 2015

Meno di dieci giorni all’edizione zero del' “Alta Valtellina Skyrunning Experience”

La due giorni di eventi a fil di cielo firmate Marco De Gasperi & Valtellina Wine Trail avrà come sponsor tecnico un brand prestigioso come Scott. Si partirà sabato 29 con il Santa Caterina Vertical Race, mille metri di dislivello in tre chilometri di sviluppo con partenza in linea dalla pista di sci antistante al Centro La Fonte, e con l’arrivo ai 2760mt della Costa Sobretta.
Un percorso che segue parallelamente – in senso inverso -  quello della discesa libera di sci alpino, da due anni ormai sede del circuito di Coppa del Mondo della FIS.
Sono attesi alcuni fra i protagonisti di livello nazionale e internazionale a questa prova, curiosi di conoscere le caratteristiche di quella che il prossimo anno ha l’idea di diventare una tappa del circuito mondiale delle Skyrunner World Series.
Questo, nelle intenzioni, l’ambizioso progetto dell’Asd Valtellina Wine Trail, con l’intento portare a correre nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio il “gotha” dello Skyrunning internazionale, su percorsi inediti dal profilo altamente spettacolare.
Direttore del percorso della prova di Santa Caterina, un grandissimo “ex” della specialità, colui che ha contribuito a scrivere la storia di questo sport a suon di vittorie e di record sulle montagne de mezzo mondo: il furvese Fabio Meraldi.
“Finalmente l’Alta Valtellina si propone a recitare un ruolo importante a livello mondiale nello Skyrunning, specialità in forte espansione con profonde radici in Alta Valle. Abbiamo montagne e sentieri che non hanno nulla da invidiare a qualsiasi altra sede delle World Series, speriamo che anche la popolazione si affezioni a queste gare e sia partecipe come avviene in molte località”.
Sono ammessi a questa prova i concorrenti che abbiano compiuto il sedicesimo anno di età, e per le iscrizioni basta consultare il sito www.altavaltellinaskyrunning.com

Il giorno successivo invece, ci si concentrerà su Livigno, che attualmente può essere definita la capitale alpina dello sport “outdoor”. Qui, nel Piccolo Tibet, andrà in scena un “test event” ad invito su un percorso denominato “Livigno Skymarathon”, gara di 42Km con oltre 3000mt di dislivello positivo. Sentieri verticali, pascoli erbosi, creste rocciose, brevi tratti attrezzati a quote prossime ai 3000mt, si alterneranno a mulattiere e a strade bianche del fondovalle, esplorando tra l’altro, una delle zone più aspre e selvagge del territorio livignasco, la Val Saliént, a due passi dal confine svizzero.

“Sarà l’occasione per capire se il percorso prescelto necessiti di qualche modifica, senza tralasciare l’aspetto della sicurezza”, spiega il direttore di percorso di questa gara Adriano Greco, l’altro “mammasantissima” made in Alta Valtellina dello Skyrunning degli anni ‘90. “Un test importante con alcuni atleti internazionali col quale realizzeremo un video per promuovere la gara 2016”.

L'AUTUNNO/INVERNO VALTELLINESE SI PRESENTA AL MEETING DI RIMINI

 I Consorzi turistici di Sondrio e Valmalenco, Terziere Superiore, Porte di Valtellina e Valchiavenna presenti all'importante manifestazione fieristica cui sono attesi oltre 800.000 visitatori, in un ideale passaggio di testimone tra l'estate romagnola e le potenzialità turistiche autunnali e invernali valtellinesi. 

 La Valtellina presenta agli oltre ottocentomila visitatori attesi al Meeting di Rimini 2015 due stagioni turistiche di assoluto richiamo: l'autunno ricco di appuntamenti enogastronomici e l'inverno in cui la montagna sarà di sicuro appeal con le offerte delle ski-area, degli snowpark e delle molte possibilità di vita open-air tra paesaggi imbiancati. 

 A presentare le opportunità delle prossime stagioni saranno i Consorzi Turistici di Sondrio e Valmalenco, Porte di Valtellina (Morbegno), Terziere Superiore (Aprica-Teglio-Tirano) e della Valchiavenna. Quattro territori che, già dalle prossime settimane, si preparano a dar vita ad una nuova e vigorosa stagione turistica basata sull'apprezzata e riconosciuta offerta di eventi enogastronomici. 

 Settembre si aprirà con vari appuntamenti, tra i quali spiccano la Sagra dei Crotti di Chiavenna, il Grappolo d’Oro di Chiuro, la rassegna enogastronomica dei Sapori d'Autunno di Teglio con il Pizzocchero d'Oro, la vetrina sulle grandi DOCG Valtellinesi di Morbegno in Cantina e la suggestiva Festa dell'Alpeggio di Chiareggio, celebrazione del rientro delle mandrie dagli alpeggi estivi nella cornice incontaminata dell'Alta Valmalenco, nel piccolo borgo di Chiareggio, divenuto nel tempo ritrovo per alpinisti al cospetto di grandi cime malenche, ma anche di amanti di tranquillità, natura e sapori.

 La presenza a questo appuntamento assume, quindi, un valore particolare, perché permette di allargare il potenziale attrattivo delle località valtellinesi non solo ad un vasto bacino di pubblico individuale nazionale ed internazionale, ma anche a contatti qualificati dell'associazionismo e di Operatori del settore turistico, con i quali poter sviluppare programmi di collaborazione commerciale. 

 Una prospettiva, questa, particolarmente mirata dal Consorzio Turistico di Sondrio e Valmalenco che, oltre a produrre un coordinamento delle iniziative sul territorio, ne garantisce anche la veicolazione e ricerca contatti funzionali alla continuità ed alla crescita dei volumi di presenze in località. Attività che si basano su un mix di programmi (dalla comunicazione alle fiere, dai workshop alle azioni in rete con altri Operatori valtellinesi o extra-territoriali) che garantiscono un ritorno quantificabile nella gestione delle presenze individuali ed organizzate sul territorio del Mandamento di Sondrio e Valmalenco.


Roberto Pinna
Direttore
Consorzio Turistico
Sondrio e Valmalenco


martedì 18 agosto 2015

EVENTI KIMA 2015 – FILORERA (SO) A fine agosto un sabato all’insegna dello sport e della solidarietà”

Se l’appuntamento con il Trofeo Kima, i suoi 52km, i sette valichi alpini, gli 8400m di dislivello totale e il gotha dello skyrunning mondiale è fissato per agosto 2016, a fine mese l’associazione no profit della Valmasino proporrà due eventi podistici non federali “per tutti”: Kima Trail Running & Minikima. Per entrambi quartiere generale di partenza arrivo sarà la casa delle Guide di Filorera. 

 I più allenati avranno la possibilità di gareggiare su un tracciato unico al mondo da 14km (600m D+). Un tracciato di puro trail running con passaggi suggestivi tra i blocchi di granito, fiumiciattoli da guadare, antiche mulattiere e single track tutti da correre. Qui i tempi da battere sono 57’44” di Fabio Bazzana (Team Salomon) e 1h10’38” di Michela Benzoni (Valetudo Skyrunning Italia) 

 I più piccoli, i meno allenati e diversi concorrenti “diversamente abili” potranno invece indossare il pettorale e vivere in prima persona questa spettacolare sabato di sport in maniera easy e festosa. Per loro un anello da 6km saliscendi su pista ciclabile con giro di boa posto all’altezza del campo sportivo di San Martino. 

 I TRACCIATI: 
 Come ogni anno gli Eventi Kima avranno uno scopo sociale. Parte del ricavato verrà infatti devoluto all’iniziativa promossa dall’ Associazione Amici del Bambino dove opera il Dott. Mario Zecca. “Come a casa propria” è un'azione di sostegno volta alla raccolta fondi da destinarsi all'adeguamento del Centro trapianti del reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia, necessitante di una urgente ristrutturazione. Questo progetto ha come obiettivo aiutare i piccoli malati a superare quel drammatico distacco dalla vita normale che il bambino subisce, facendolo sentire, per quanto possibile, come a casa propria. Il tutto fornendo un contributo per le più varie necessità, da quelle legate all’acquisto di attrezzature e arredi a comfort elevato a quelle connesse all’impegno del tempo libero del bimbo durante la sua lunga degenza. 

 Una partnership non solo sulla carta. Per promuovere ulteriormente la cultura della donazione e dare un segnale tangibile della bontà di questo progetto, all’edizione 2015 del Minikima saranno al via della 6km anche diversi concorrenti trapiantati.

 I TRACCIATI: 
 Partenza e arrivo sono, come di consueto, al Centro Polifunzionale della Montagna di Filorera. Il comitato organizzatore, al fine di assecondare le esigenze di sportivi e di semplici appassionati di montagna propone due diversi percorsi disegnati ad hoc in base alla preparazione fisica di partecipanti. Il tracciato più breve, quello da 6 Km, più adatto ai giovani runner, a famiglie e bambini, prevede il raggiungimento di San Martino lungo la ciclabile che costeggia gli argini del Masino, per poi tornare al centro polifunzionale sempre seguendo il medesimo itinerario. 

 Più improntato ad una versione racing è invece il tracciato del Kima Trail Running: 14 Km con 600m up che, data la conformazione del territorio, attira l’attenzione sia degli amanti del footing che degli abituali corridori in montagna ei veri trailer. Partendo sempre dalla casa delle guide, si raggiunge il centro di San Martino per poi imboccare il sentiero che conduce in Val di Mello sinistra orografica. In questo spettacolare scenario, incorniciato tra alte vette granitiche e un fiume imponente, è lecito attendersi le prime fughe. Giunti all’altezza del rifugio Rasica, si effettua il giro di boa. Da qui una caratteristica mulattiera, con tratti in leggera pendenza, porta sino al traguardo del Polifunzionale.

 Lungo gran parte del falso piano che arriva al “Gatto Rosso”, un tecnico ciottolato potrebbe esaltare le doti dei runner più spregiudicati. Novità 2013, la deviazione all’altezza delle cave che dirotterà i concorrenti in centro paese prima del rush finale…

 L’iscrizione alle due diverse manifestazioni è aperta a tutti sino alle prime ore di sabato, ma per snellire le operazioni di punzonatura e non ritardare la partenza è sicuramente consigliabile iscriversi per tempo presso la segreteria dell’Associazione Kima Fax 0342/640040. Le iscrizioni si possono effettuare anche via mail cliccando info@trofeokima.org. 

 Da non dimenticare poi lo sfondo sociale del MiniKima che, sul percorso breve vedrà al via del disabili cui sarà data la possibilità di fare sport e viver la montagna nel vero senso della parola.

 PUNTI RACCOLTA ISCRIZIONI: - Consorzio turistico Sondrio e Valmalenco Tel. 0342 219246 - Consorzio turistico Porte di Valtellina - Morbegno Tel. 0342 601140 - Consorzio promozione turistica Valchiavenna Tel. 0343 37485 - Albergo Genzianella - Val Masino - San Martino Tel. 0342 641040 - Albergo Sasso Remenno - Val Masino - Filorera Tel. 0342 640236 - Albergo Miramonti - Val Masino - Filorera Tel. 0342 640144 - Casa delle guide - Val Masino - Filorera Tel. 0342 640004 - Campeggio Sasso Remenno - Val Masino - Filorera Tel. 0342 640059 - Trattoria Gatto Rosso - Val di Mello Tel. 340 3726006 - Decathlon Castione Andevenno Tel. 0342 567039 - Hotel Rustichella -Valmasino - Filorera Tel 0342 640121

lunedì 17 agosto 2015

Santa Caterina Valfurva “in pista” per la Coppa del Mondo

Oltre 500 persone e spettacolo sull’erba per presentare la libera di sci S. Caterina Valfurva,

 Si temevano le condizioni meteo, ma alla fine il tempo è stato clemente premiando gli organizzatori, pienamente soddisfatti, e il numeroso pubblico (oltre 500 persone) che ha assistito oggi pomeriggio allo Ski Stadium “La Fonte” di Santa Caterina Valfurva alla gara esibizione di sci d’erba: un modo divertente e diverso dal solito per presentare ufficialmente la discesa libera maschile di Coppa del Mondo in programma il 29 dicembre 2015. Sulla pista si sono esibiti i migliori atleti italiani della specialità, con una nutrita presenza nel parterre di campioni valtellinesi degli sport invernali, tra cui l’ex discesista azzurro Pietro Vitali e il campione del mondo di scialpinismo Robert Antonioli.

Nel corso dell’esibizione spazio al microfono con le istituzioni, a partire da Antonio Rossi Assessore allo sport e politiche per i giovani di Regione Lombardia, e i protagonisti del comitato organizzatore locale che, per il secondo anno consecutivo, ospiterà la carovana del circo bianco, dopo il successo dell’anno scorso.
Tutti concordi nel sottolineare che, dopo le “corse” del 2014, quest’anno c’è tutto il tempo per costruire al meglio la discesa iridata sulla pista “Deborah Compagnoni, tracciato raccontato nei particolari tecnici da Tino Pietrogiovanna: direttore di pista di Coppa del Mondo, ed ex atleta della Valanga Azzurra.
Presente a fondo pista anche il delegato FIS per lo sci d’erba Heidi Pfister che si è intrattenuta con il Comitato organizzatore e non è detto che possa nascere qualche idea per il futuro.

 La Valtellina, a partire dai riuscitissimi Mondiali del 1985, è da tanti anni sinonimo di grande sci, basti pensare alla pista “Deborah Compagnoni” di S. Caterina Valfurva, che porta il nome della celebre campionessa locale, inaugurata nel 2005 in occasione dei Mondiali di sci di Bormio. La pista sul Monte Sobretta, dotata di un moderno impianto d’illuminazione, unica in Lombardia sempre disponibile per le discipline veloci, si snoda tra pascoli e fitti boschi, e viene spesso considerata il tracciato più divertente delle Alpi (quota di partenza 2.690 metri, quota di arrivo 1.745 metri, dislivello 945 metri, lunghezza 3.100 metri). S. Caterina Valfurva si trova nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio, a soli 12 km da Bormio. La posizione favorevole, il tipo di clima e un sistema di innevamento all’avanguardia garantiscono piste perfettamente innevate da fine novembre ad aprile.
 Per ulteriori informazioni