domenica 30 settembre 2012

MARCO CONFORTOLA IN CIMA AL MANASLU!

Dopo quattro anni, un nuovo 8000!
Ieri notte, Marco Confortola ha raggiunto la cima del Manaslu (8.156 m)!
L’alpinista ritorna sulla cima di un 8.000 dopo 4 anni.
La notizia è stata resa nota attraverso il suo sito ufficiale.
Ora si attende che Confortola rientri al Campo Base per conoscere ulteriori dettagli e ricevere immagini fotografiche della salita.

10° Trofeo Sentiero Valtellina




Partenza Mezza Maratona Competitiva
Partenza Mezza Maratona Non Competitiva

 
Partenza 12 KM
Arrivo 12 KM
 
Raffaella Rossi Vincitrice Mezza Femminile
CLASSIFICHE                      FOTO QUI


venerdì 28 settembre 2012

A Perledo il 41° Campionato nazionale ANA di corsa in montagna individuale

Il 41° Campionato nazionale ANA di corsa in montagna individuale si svolgerà domenica 30 settembre a Perledo (Lecco). E’ organizzato dai gruppi di Perledo, Varenna ed Esino in collaborazione con la Società sportiva “A.S.D. Polisportiva Pagnona”.
Alla manifestazione sono attesi oltre 400 concorrenti che percorreranno due tracciati: il percorso lungo, per le categorie fino a 49 anni, di 12 chilometri e il percorso breve per i senior, ultracinquantenni, di 7,7 chilometri. Tutti gli arrivi e le partenze sono nel centro di Perledo.
Sabato
Ore 14.30 inizio con distribuzione pettorali
Ore 16.00 deposizione corona ai caduti
Ore 18.00 S. Messa
Ore 21.00 Concerto Coro Grigna
Domenica
Ore 7.30 apertura ufficio e distribuzione pettorali
Ore 9.00 partenza gara categoria dalla V alla X (percorso breve)
Ore 10.00 partenza gara categoria dalla I alla IV (percorso lungo)
Ore 14.30 premiazione
Ore 17.00 ammainabandiera

giovedì 27 settembre 2012

10° Trofeo Sentiero Valtellina a Piateda Domenica 30 Settembre


Comincia il conto alla rovescia per il Campionato provinciale di Mezza Maratona FIDAL. Il 30 settembre, a Piateda sull'oramai collaudato tracciato, partirà il 10° Trofeo Sentiero Valtellina. Abbinata a questa Mezza Maratona alcune corse promozionali sotto il nome ADDA FIUME DA CORRERE.
Come al solito, i tempi di tutti i partecipanti nelle varie gare/corse verranno rilevati tramite "chip".
Le premiazioni avverranno alla fine manifestazione  e saranno premiati i primi tre della classifica FIDAL assoluta maschile/femminile, i primi tre di tutte le categorie FIDAL maschile/femminile.
Partenza Mezza Maratona   ore  9.30
FOTO EDIZIONE 2011
Pizzoscalino sarà presente per riprendere con FOTO e VIDEO.

lunedì 24 settembre 2012

Trofeo Marmitte dei Giganti: vincono Gaggi e Baldaccini

Con un grandissimo Alex Baldaccini, reduce dallo splendido 6° posto ai mondiali, il Gs Orobie fa suo il 31° Trofeo Marmitte dei Giganti, gara di corsa in montagna a staffetta a tre maschile svoltasi a Chiavenna il 23 settembre e organizzata dal Gruppo Podistico Valchiavenna.
 In prima frazione grazie alla prova di Luca Cagnati l’Atl. Valli Bergamasche aveva cambiato in testa di un minuto davanti a Francesco Della Torre. Ritardo che era sceso a venti secondi in seconda frazione grazie al recupero di Riccardo Faverio nei confronti di Cristian Terzi che dava il testimone a Alex Baldaccini che iniziava la sua rimonta nei confronti di Andrea Regazzoni. E a metà giro Baldaccini passava in testa involandosi verso il traguardo chiudendo in 1h 27’35 davanti al Valli Bergamasche con 1h 29’23.. Dietro le due formazioni bergamasche le prime squadre della provincia di Sondrio con il Csi Morbegno meritatamente terzo sul podio in 1h 32’11 grazie a Marco Leoni, Francesco Peyronel e Stefano Sansi. Quarta piazza per il Talamona con Guido Rovedatti Mirko Bertolini e Alessandro Gusmeroli e quinta per l’Alta Valtellina con Venanzio e Giorgio Compagnoni e Thomas Gianoli. Sesta piazza per il Csi Morbegno B con Fabio Bulanti, Davide Nappo e Giovanni Tacchini, settima per il GS Orobie B con Vincenzo Milesi, Lorenzo Rosa e Pier Alberto Tassi, ottava per il Valgerola A con Dario Songini, Walter Acquistapace e Gianluca Volpi, nona per la prima squadra del GP Valchiavenna con Dario Tirinzoni, Christian Nesossi e Fabrizio Triulzi e decima per il Talamona B con Remo Sciani, Aurelio Mazzoni e Dario Fracassi.
  Nella classifica dei tempi individuali Alex Baldaccini ha chiuso con 28’00 a soli 26 secondi dal record di Marco De Gasperi, seguito da luca Cagnati una promessa delle Valli Bergamasche con 28’15, Francesco Della Torre (Gs Orobie) con 29’12, Marco Leoni (Csi Morbegno) con 29’30 e Andrea Regazzoni (Valli Bergamasche) con 30’11. Il premio a ricordo di Ferruccio Triulzi è andato ai due migliori under 23 Luca Cagnati (Valli Bergamasche) e Sara Lhansour (Valgerola).
La gara femminile ha visto il dominio di Alice Gaggi. La forte atleta del Valgerola, dopo tanti piazzamenti, ha doppiato la vittoria dello scorso anno andando a vincere con 24’29 a soli 6 secondi dal record di Mariagrazia Roberti della Forestale che questa volta ha dovuto accontentarsi del secondo posto chiudendo con l’ottimo tempo di 24’53 a 46 anni di età. Terza piazza per la rientrante Angela Serena (Freezone) con 26’21, seguita dal duo del Csi Morbegno con Cinzia Zugnoni quarta in 26’27 e Maura Trotti quinta con 26’32. Una gara pienamente riuscita, prima di tutto nei numeri con 66 staffette al via e 42 atlete nella gara femminile, grazie anche all’organizzazione del Gruppo Podistico Valchiavenna coadiuvato dagli Alpini dell’Ana di Chiavenna e la Protezione Civile di Chiavenna. Un grazie anche agli enti promotori dal Comune di Chiavenna alla Comunità Montana della Valchiavenna alla Provincia di Sondrio e alla Regione Lombardia oltre ai tanti sponsor tra cui merita una menzione particolare il Credito Valtellinese.
  A cura di Flavio Mezzera                 CLASSIFICA      FOTO 
                                                               VIDEO GARA FEMMINILE
                                                               VIDEO GARA MASCHILE

sabato 22 settembre 2012

Lanzada: successo per la 6^ edizione del trofeo del Magnan


Di scena, oggi 22 settembre a Lanzada, la sesta edizione del "Trofeo del Magnan", gara provinciale a staffetta di corsa su strada ottimamente organizzata dall'A.S. Lanzada. Nella classifica di società nel settore giovanile  netto dominio dei padroni di casa e cioè, l’ASD Lanzada davanti a G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino e G.S. Valgerola, in quella assoluta vince il G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino davanti al GS Valgerola e al GP Valchiavenna.
Nelle gare clou assolute maschili e femminili vittorie per l'ADM Melavì Ponte (Luca Sanna e Graziano Zugnoni)  e per G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino ( Cinzia Zugnoni e Speziale Cristina)
          FOTO GARE QUI         CLASSIFICA         FOTO BY Francesco

giovedì 20 settembre 2012

Chiavenna - 31.a edizione del “Trofeo Marmitte dei Giganti”

Gara nazionale di corsa in montagna, riservata agli iscritti FIDAL delle categorie junior, promesse, senior e master, si svolge quale staffetta a 3 elementi per le categorie maschili e quale prova individuale per le categorie femminili.
La manifestazione viene organizzata dal Gruppo Podistico Valchiavenna, in collaborazione con Comuni di Chiavenna e di Piuro, Comunità Montana Valchiavenna, Parco Marmitte dei Giganti, Amministrazione Provinciale di Sondrio, Regione Lombardia e con varie associazioni locali che, con i loro iscritti, consentono di preparare i percorsi e di controllare il regolare svolgimento delle gare.
Appuntamento, per atleti e appassionati, a Chiavenna, nel primo pomeriggio di Domenica 23 settembre 2012, in località Pratogiano, con inizio delle gare previsto per le ore 13.45 I percorsi, con partenza e arrivo a Chiavenna, in località Pratogiano, e con transito presso la Chiesa di Prosto di Piuro, si sviluppano, come da tradizione, all’interno della Riserva Naturale “Parco delle Marmitte dei Giganti” (da cui la manifestazione prende il nome).

Prevedono, per le categorie maschili, una lunghezza pari a 6.080 metri, con un dislivello di 327 metri e, per le categorie femminili, lunghezza di 4.555 m con dislivello di 222 m. Percorsi caratterizzati da continuo alternarsi di tratti in salita, di traversate e di discese “tecniche”, presentano passaggi spettacolari nei pressi delle Marmitte (manifestazioni geo-morfologiche di origine glaciale), delle incisioni rupestri, su scivoli glaciali, nella grotta (trona) e tra i crotti.
Si tratta di un percorso impegnativo ma sempre apprezzato e definito, da molti, uno dei più belli della corsa in montagna.
Le informazioni riferite alla manifestazione, alle iscrizioni, al regolamento ed ai premi sono reperibili sul sito internet della società organizzatrice (www.gpvalchiavenna.it) che attende, numerosi, pubblico ed atleti.

mercoledì 19 settembre 2012

TROFEO DEL MAGNAN Sabato 22 settembre Lanzada

Sabato 22 settembre consueto appuntamento a LANZADA per la classica settembrina “TROFEO DEL MAGNAN” corsa su strada a due elementi giunta alla sesta edizione e intitolata alla memoria di Nana Pasquale.
La gara organizzata dalla locale ASD SPORTIVA LANZADA, porterà in Valmalenco i migliori atleti e società della provincia che si contenderanno i trofei messi in palio nel settore giovanile e in quello assoluto, trofei vinti nel 2011 rispettivamente dalla SPORTIVA LANZADA e dal G.S. CSI Morbegno. Il ritrovo è fissato per le ore 15.30 presso la Piazza del Magnan in Via San Giovanni a Lanzada (SO), l’inizio gare è fissato per le ore 16.30.

lunedì 17 settembre 2012

CAMPIONATO ITALIANO TRIAL "Lanzada"

Uno splendido sole ha riscaldato il quinto appuntamento del Campionato Italiano Trial Outdoor, svoltosi a Lanzada, che con Caspoggio e Chiesa ha composto il tris di località ospitanti in quella Valmalenco, che altre volte ha ospitato gare del Moto Club Lazzate sempre in modo perfetto su zone che in un recente passato hanno visto piloti di livello mondiale.

La vittoria odierna è andata a Daniele Maurino (Ossa) nella TR1 che ha saputo conquistare la prima posizione del podio sommando una gara 1 vittoriosa con un terzo posto di gara 2. Vittoria molto sofferta in entrambe le gare in quanto il “gap” di punteggio tra i vincitori è risultato sempre molto esiguo. Sul podio, alle spalle di Maurino, è arrivato Matteo Grattarola (Gas Gas) che dopo il quarto posto iniziale recupera in fase due con una vittoria. Bella prestazione quella di Michele Orizio (Scorpa), che con un terzo posto ed un quarto conquista dopo molto tempo un podio gratificante per il suo impegno.

Si diceva gap di punteggio ridotto, infatti in gara 1 abbiamo tre piloti a due punti discriminati solo dagli zeri e dal tempo: Maurino Daniele (Ossa) Fabio Lenzi (Beta) e Michele Orizio (Scorpa). Identico discorso vale per gara 2 sempre due punti tra i primi tre e qui è solo il tempo di gara a fare la differenza tra Grattarola Matteo, Iolitta Francesco (montesa) e Maurino Daniele. Tutto questo nella TR1 con le sue due classiche di gara separate, mentre gli stessi interpreti che compongono la classifica finale della Internazionale hanno valori diversi infatti se Daniele Maurino è sempre il leader di giornata abbiamo l’inglese Jack Challoner (Beta) che sebbene a pari punti con Michele Orizio lo precede agli zeri.

Vero dominatore della TR2 Matteo Poli (Ossa) anche qui fa gara di gran spolvero,vincendo e dando quasi il doppio dei punti al suo secondo inseguitore, Filippo Locca (Beta). Se di Locca sappiamo già il valore la sorpresa arriva dal terzo Pietro Fioletti che solo per tre zeri in meno non arriva alla posizione cadetta. Femminile: qui anche oggi la Sara Trentini(Beta) svetta sopra le avversarie di sempre Martina Balducchi (Scorpa) e la giovane Elisa Peretti (gas gas). Tre sono le differenziazioni che compongono la TR3 ad iniziare dai giovani della 125 con Leonardo Valenti sugli allori, segue Matteo Mazzocco (Beta)e Stefano Fiorini(Beta) che sale sul terzo gradino del podio. Dai più giovani, ai più datati della Over 30, qui ritorna primo Andrea Soulier (Ossa) con al seguito il sempre verde Marco Andreoli (Montesa) accompagnato da Michele Pradelli (Beta). Nella TR3 “pura”, classe molto numerosa, sul podio il tris Davide Zaccagnini (Beta),Daniele Tosini (Ossa) e Riccardo Cattaneo, tutti con punteggi in singola cifra su zone per loro facili ma che esigevano una concentrazione totale per tutta la durata della gara. siamo alla TR4 in cui oggi oltre ai premi in coppe sono state assegnate anche quattro coppie di pneumatici. Veniamo però ai podi e per la TR4 Davide De Martini è il miglior interprete con al seguito il duo Nicolò Albertoni e Paolo Trippi tutti su moto Beta. Nella over 40 Luca Monateri (Ossa) con soli due piedi vince su Valter Feltrinelli (Beta) e Roberto Prina (Beta) che a quattro piedi restano differenziati da un solo zero. Folla numerosa e partecipe alle premiazioni che si sono svolte in modo rapido per permettere a tutti un rapido rientro nelle rispettive regioni,anche se con un poco di rimpianto nel lasciare questa bellissima valle.

domenica 16 settembre 2012

9^ Mezza di Monza

Si è conclusa con la vittoria di Dario Rognoni e Anna Maino la nona edizione della Mezza di Monza che ha registrato il record di arrivati: in 2743 hanno tagliato il traguardo dell’Autodromo al termine dei 21,097 km disegnati in gran parte nello splendido scenario del Parco di Monza.
                      CLASSIFICA

TROFEO SCACCABAROZZI 2012 - PASTURO (LC) “Tadei Pivk & Silvia Serafini siglano una storica doppietta”


Tempo di verdetti per il campionato italiano SkyMarathon che, per decretare i campioni 2012 ha scelto il Trofeo Scaccabarozzi con i suoi 43km "vista lago" con passaggi su Grignetta e Grignone (6400m di dislivello totale). Uno dei percorsi più tecnici e spettacolari del "bel paese" ha dunque incoronato Tadei Pivk e Silvia Serafini che hanno vinto gara e titolo tricolore di specialità. Su questo tracciato che alterna tratti corribili ad altri talmente tecnici da fare invidia al mitico Kima si sono dati appuntamento 184 atleti. Uniti ai 239 della mezza il conteggio totale ha visto in gara qualcosa come 433 concorrenti
CRONACA DI GARA:  
Dopo la salita iniziale e il tratto corribile che conduce ai Pian dei Resinelli, il campione di casa Daniel Antonioli si è subito messo davanti a dettare i tempi al resto della ciurma. Alle spalle pluri medagliato di winter triathlon in forze al CS Esercito di Courmayeur, si sono messi il fresco campione italiano di SkyRace Franco Sancassani, il britannico Tom Owens, lo spagnolo Miguel Heras, l'orobico Fabio Bazzana e il friulano Tadei Pivk. Al femminile, come da pronostico, Emanuela Brizio e Silvia Serafini conducevano invece su Debora Cardone, Corinne Favre e Carolina Tiraboschi.

Passaggio In Grignetta:

Missione compiuta per il "Resi", soprannome con cui gli amici sono soliti chiamare il golden boy cresciuto su queste montagne. Come promesso ai numerosi supporter, infatti, Daniel Antonioli è transitato al comando al traguardo volante del primo GPM della gara mantenendo il vantaggio anche al termine della prima discesa tecnica. Discesa contraddistinta da alcune calate su ferrata dove le pendenze sono importanti e la verticalità dei passaggi ha messo in difficoltà fior fiore di atleti. Dietro di lui sono passati nell'ordine Tadei Pivk, Tom Owens, Franco Sancassani e Miguel Heras. Nella graduatoria femminile Silvia Serafini ha provato ad allungare passando prima al traguardo volante. Seconda piazza per la tricolore SkyRace 2012 Debora Cardone che ha messo la freccia sulla compagna di club Emanuela Brizio. In lizza per i piazzamenti da podio anche Corinne Favre che vantava un leggero vantaggio su Carolina Tiraboschi.

Rifugio Elisa:

Dopo 20km  un terzetto guidava la gara maschile. Terzetto composto da Owens, Antonioli e Pivk. Staccato di un minuto seguiva Heras con un vantaggio di un altro minuto su Sancassani. Al femminile una scatenata Serafini vantava 3' sul duo Valetudo Cardone- Brizio.

Al cospetto Del Grignone:

Tadei Pivk accompagnato in questa fuga a tre dallo spagnolo Miguel Heras e dall'inglese Tom Owens, provava una storica doppietta (gara più titolo) pur sapendo che liberarsi di simili avversari non sarebbe stata cosa facile. Più attardati Franco Sancassani e Daniel Antonioli. Al femminile Serafini continuava la sua cavalcata trionfale accompagnata dalla pluri iridata Emanuela Brizio davanti a Cardone (9' di ritardo ) e Tiraboschi che ha passato la transalpina Corinne Favre. Quest'ultima dopo una caduta ha poi alzato bandiera bianca. Le posizioni che contano nella prova uomini hanno vista una variazione nella tecnica discesa verso il Pialeral dove Pivk ha innestato il turbo staccando Heras e Owens

Al traguardo Di Pasturo:

Tadei Pivk, la stella della scuderia SCOTT/ CRAZY IDEA  vince gara, titolo tricolore ed entra nella storia mettendo dietro Miguel Heras e Tom Owens. Per lui crono finale di 4h45'38". Heras ha invece chiuso in 4h47'19" e Owens in 4h51'00". A seguire troviamo Dakota Jones, Franco Sancassani, Daniel Antonioli, Fabio Bazzana, Stefano Butti, Riky Lightfoot e Julien Chorier. Stesso copione al femminile con la Serafini che fa doppietta (gara e titolo 2012) in  5h54'39". Secondo posto per l'intramontabile Emanuela Brizio -6h03'22"-  e bronzo assoluto per una stratosferica Debora Cardone -6h19'43" -. A confermarsi in quarta posizione una sempre competitiva Carolina Tiraboschi. Quinta di giornata Ester Scotti.

SKYRACE 21.5KM:

Come da pronostico il rumeno del Valetudo Skyrunning Italia ha subito staccato i diretti avversari effettuando una vera e propria cavalcata solitaria su questo veloce itinerario che comunque prevede un dislivello totale di 3000m. Sulle sue tracce lo hanno seguito nell'ordine all'altezza del Rifugio Pialeral Luca Bortot, Nicola Montecalvo, Lorenzo Vittori e Gianola Giovanni. A prenotare la prima piazza in rosa una coppia composta  da Paola Romanin e Miravalle. Staccata di 3' Cristina Sonzoni.
Per Zinca successo in 2h01'29" davanti a Luca Bortot 2h06'26" e Nicola Montecalvo 2h09'12". Nelle posizioni che contano anche Giovanni Gianola, Lorenzo Vittori, Luca Manfredi, Luca Carrara, Paolo Longo, Enzo Gianola e Dario Martocchi. Successo al femminile per una ritrovata Romanin che nella discesa dal Riva ha staccato nettamente la sua diretta avversaria e inciso il proprio nome nell'albo d'oro di questa mezza in 2h31'14". Argento per Miravalle in 2h34'55" e bronzo sulle spalle di Lorenza Combi - 2h40'23"-. Nella top five anche Lucia Moraschinelli e Giovanna  Cavalli. 

STAFFETTA PROMOZIONALE:

Trofeo Scaccabarozzi è anche gara giovani con la prova staffetta promossa dal Cs Cortenova con 45 ragazzini a sfidarsi tra le vie di Pasturo. A premiarli il campione cresciuto tra le fila gialloblù Michele Fontana e l'assessore allo sport della Provincia di Lecco Antonio Rossi.

Podio finale gara giovani:

1. Saddy Panzeri, Giovanni artusi, Alessia Bergamini;

2. Giovanni Besana, Federico Bergamini, Lorenzo Baruffaldi;

3. Ilaria Artusi, Roberta Prada, Amedeo Spanu.

 DICHIARAZIONI POST RACE:

TADEI PIVK: “Per me è un sogno che si realizza. All’arrivo non sono riuscito a trattenere le lacrime e vi posso assicurare che l’ultima volta che ho pianto saranno stati vent’anni fa. Sino all’ultimo non pensavo di vincere… Bellissimo, Bellissimo. Ora voglio preparare Limone Sul garda per provare a vincere l’italiano assoluto”.

SERAFINI: “Da 1 a 100 lo Scaccabarozzi è duro 10.999. E’ la gara più dura che abbia mai corso, ma è anche quella che mi ha regalato maggiori soddisfazioni. Con la Brizio non era facile..Anzi veramente difficile. Avere vinto è il massimo”.

LUIGI BRAMBILLA (DIRETTORE GARA): “E’ andata bene, davvero bene. Il meteo non era stellare come nelle giornate precedenti la gara, ma la manifestazione si è svolta senza intoppi. Che dire se non che siamo soddisfatti per i numeri che abbiamo ottenuto e il livello dei concorrenti che oggi si sono dati appuntamento qui sulle Grigne”.

Maurizio Torri
 (Ufficio Stampa)

mercoledì 12 settembre 2012

Campionato Italiano di Trial - Trofeo A.M. Cesarino Monti Domenica 16 settembre

Dopo anni di assenza torna in Valmalenco l'appuntamento con le moto da trial.
Per domenica 16 settembre la Valmalenco ospiterà il campionato italiano di trial. Le gare inizieranno alle ore 9.00, fino alle ore 17.00
Il percorso di gara misura 8 km e sono inserite 15 zone da ripetersi 2 volte. Il percorso si snoda nei comuni di Lanzada, Caspoggio e Chiesa in Valmalenco.
La partenza e l'arrivo è prevista al centro sportivo Pradasc di Lanzada.
Per l'occasione ci sarà la possibilità di utilizzare un bus navetta gratuito con partenza e arrivo da Vassalini.
La premiazione è prevista alle ore 17.00 presso l'area paddock.
           Pizzoscalino.it  seguirà la gara  FOTO e VIDEO

domenica 9 settembre 2012

SKYRACE DELLA ROSETTA 2012 “Franco Sancassani & Debora Cardone sono campioni italiani di specialità”


Daniel Antonioli, il campione del winter triathlon, detta i tempi alla SkyRace della Rosetta. Sua alter ego al femminile Debora Cardone che, con questo sigillo conquista pure il tricolore di specialità. Il titolo italiano maschile, alla luce dei risultati ottenuti anche nelle precedenti prove, se l’è invece aggiudicato l’olimpionico di canottaggio Franco Sancassani. Spettacolo in Valgerola con 282 iscritti per una finale tricolore baciata dal sole.

Numeri da record e clima tipicamente estivo a Rasura per l'edizione 2012 della SkyRace della Rosetta, gara finale del campionato italiano di specialità. Successo a 360°, quindi, per la kermesse griffata Sport Race Valtellina che ha richiamato ai nastri di partenza alcuni dei migliori interpreti nazionali e campioni di discipline affine come gli alpini Daniel Antonioli (winter triathlon) Damiano Lenzi (scialpinismo). Per tutti start alle ore 9 puntuali  dal polifunzionale di Rasura con la lunga fila di corridori del cielo che, passando da strade a sentieri in quota, sono entrati all’interno del Parco delle Orobie Valtellinesi.... 

PRIMA SALITA:

In località Ciani, dopo meno di 20' dal via, un Damiano Lenzi in grande spolvero detta i tempi agli avversari seguito a brevissimo dal leader di classifica Franco Sancassani e dal campionissimo lecchese del winter Daniel Antonioli.  Al femminile Debora Cardone della Valetudo Skyrunning Italia si è invece portata in scia la transalpina  del Team Valtellina Stephanie Frigerie. Terza piazza momentanea per la scalatrice dell'Atletica Alta Valtellina Alessandra Valgoi.  Archiviata questa prima fase di pura ascesa la gara è divenuta molto più corribile e tutta “da spingere”...

ALPE COMBANINA:

Dopo 30' uno degli alpeggi più rappresentativi della valle del Bitto ha salutato il passaggio dei concorrenti. Davanti, a dettare i tempi, sempre il terzetto composto da Lenzi, Antonioli, Sancassani. Un cambio ai vertici nella prova in rosa con l'esperta Lorenza Combi che, non appena i sentieri sono tornati corribili, ha messo la freccia su Alessandra Valgoi conquistando la momentanea terza piazza.  Prima e seconda posizione sempre appannaggio di Cardone Frigerie.

ALPE STAVELLO:

Gli alpini del Cs Esercito Courmayeur hanno innestato le ridotte sulla dura rampa che porta al giro di boa di Alpe Stavello guadagnando qualche minuto sull'olimpionico della Marina Militare. Nell'ordine seguono l'orientista Mikhail Mamleev e Riccardo Faverio. Cambiamenti anche nella gara al femminile con Debora Cardona sempre più leader di giornata e di circuito davanti a una Ester Scotti in netta e continua rimonta. Terzo posto per Stephanie Frigerie e quarta piazza per la colichese Lorenza Combi. 

BAITE DEL VEN:

Ad 11km dal via, quando le pendenze sono tornate a farsi importanti il campionissimo del winter ha provato la fuga guadagnando la testa della  corsa. Alle sue spalle un Sancassani motivato da un tricolore sempre più vicino ha passato Lenzi che ora è terzo davanti a Mamleev e Faverio. Ancora Cardone leader di gara nella risalita verso la croce della Rosetta. In lizza per il podio Ester Scotti e Stephanie Frigerie.

CIMA ROSETTA & DISCESA FINALE:

Al Gpm, sui 2142m di Cima Rosetta, Antonioli è riuscito a passare con un discreto margine sui diretti avversari. Margine mantenuto su Sancassani e Lenzi anche al termine della dura discesa che immette verso la deviazione di Olano. Approfittando di questa parte tecnica Faverio ha passato Mamleev e puntato chi lo precede. Al Rifugio della Corte Antonioli tiene duro e ipoteca il successo con altri secondi preziosi.

AL TRAGUARDO DI RASURA:

Tre debuttanti sul podio della Rosetta. Successo a braccia alzate per un super Daniel Antonioli che, pur non siglando il nuovo record della gara, ha comunque concluso con l'invidiabile crono di 2h02'28". Secondo posto e titolo tricolore per Franco Sancassani -2h03'02"- che è riuscito a tenere dietro un dolorante Damiano Lenzi  - 2h06'45" - che nella seconda parte di gara ha dovuto fare i conti  con una caduta e conseguenti acciacchi. Nella top ten di giornata anche Riccardo Faverio, Mikhail Mamleev, Michele Tavernaro, Walter Dell'Andrino, Gil Pintarelli, Carlo Ratti e Alessandro Gusmeroli.

Regina della gara in rosa una super Debora Cardone che ha messo il sigillo sul titolo tricolore (il terzo per lei quest'anno dopo quello a coppie e staffetta) con il tempo di 2h43'24". Alle sue spalle le compagne di club nelle fila della Valetudo Skyrunner Italia Ester Scotti - 2h45'23"- e una sempre competitiva Lorenza Combi - 2h46'53"-. 

GARA GIOVANI: 3km tra le vie del paese per i ragazzini della MiniSkyrace. Nonostante la gara non fosse competitiva, a spuntarla è stato Matteo Ruffoni su Raffaele Massera e Alessandro Gadola. Al femminile ha invece vinto Giorgia Fascendini su Alessia Fascendini e Marta Coden
Dichiarazioni Post Race:

Massimo Zugnoni Direttore Gara: “Non poteva andare meglio. E’ stata una grande Rosetta e una grandissima domenica di sport. A partire dal record presenze per arrivare ai consensi unanimi che abbiamo ottenuto, non poteva andare meglio. Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare tutti quanti ci hanno aiutato e sostenuto nell’organizzare l’evento”.

Daniel Antonioli: “Mi è andata bene. Non sono abituato a gare di questo tipo, ma ho visto che in discesa le gambe giravano e ho tirato dritto sino alla fine. Sono contento. La gara? Molto bella e ottimamente organizzata”.

Debora Cardone: “Dura anche perché ora i chilometri nelle gambe cominciano ad essere parecchi. Sono stanca, ma anche molto soddisfatta di avere corso questa gara… Davvero bella”

Maurizio Torri                                              CLASSIFICA

Grosio: 27^ Fusino- Malghera a Francesco Della Torre


Podio Maschile
Podio Femminile
Oggi, domenica 8 Settembre si è svolta in una splendida giornata, sia dal punto di vista meteorologico che partecipativo, la 27^ edizione della Classica Grosina Fusino (1250 metri) Malghera (1995 metri).

100 gli  atleti giunti da tutta la valtellina per cimentarsi lungo gli 11.5 km del percorso che separano Fusino da Malghera. Come da consuetudine organizzazione perfetta: il presidente Franzini Andrea non lascia mai nulla al caso, coadiuvato, dai molti volontari.

Il vincitore di questa edizione è stato DELLA TORRE FRANCESCO che da subito ha impresso un buon ritmo lasciando gli altri concorrenti il disputarsi le altre posizioni del podio.

1° DELLA TORRE FRANCESCO  G.S. OROBIE                       52:37

2° GIANOLI THOMAS                    ATL. ALTA VALTELLINA     55:30

3° ROSSATTI STEFANO               G.P. RUPE MAGNA             55:41

Stesso discorso nella prova femminile dove la forte ROSSI RAFFAELLA al rientro nelle gare federali dopo uno stop per infortunio, ha lasciato da subito la compagnia delle altre atlete e a chiuso in solitaria la sua prova.

1^ ROSSI RAFFAELLA                  G.P. RUPE MAGNA             1:02:48

2^ COMPAGNONI GIULIA             ATL. ALTA VALTELLINA     1:08:16

3^ BESSEGHINI CINZIA                G.P. RUPE MAGNA             1:14:00

sabato 8 settembre 2012

UN SUCCESSO LA SERATA DEL MEZZOFONDO E DELLE SIEPI A CHIAVENNA


Si è tenuta giovedi sera allo stadio di Chiavenna la classica serata delle siepi e del mezzofondo, manifestazione regionale organizzata da tanti anni dal Gruppo Podistico Valchiavenna. Al via nelle diverse categorie podisti provenienti da tutta la regione in una serata che ha regalato buoni risultati cronometrici. A cominciare dalle gare delle siepi dove si sono dati appuntamento ottimi atleti. Nei 2000 siepi femminili successo  per Francesca Moscatelli dell’ Atl. Brescia 1950 che ha vinto con il bel tempo di 7’01”2 davanti a Sara Guglielmo con 8’05”6 e Lucia Salvi con 8’19”9 entrambe della Nuova Atletica Varese. Nei 2000 siepi allievi si è imposto Marco Alberio dell’Osa di Saronno con 6’47”4, davanti a Adrea Bellofiore (Virtus Calco) con 6’51”4 e Nicolò Padovani dell’Atl. Lecco con 6’56”3. Nei 3000 siepi assoluti maschili vittoria netta per Marco Leoni (Csi Morbegno) con 9’30”0, seguito da Francesco Della Torre (Gs Orobie) con 9’58”3 a Mohamed Ajbirane (Atl. Lecco) in 10’30”8. Grande partecipazione alla prova dei 3000 piani che ha visto la presenza di oltre 50 atleti, costringendo gli organizzatori a dividere la prova in tre serie. Nella prima grande prova di Graziano Zugnoni (Adm) che si è imposto nel tempo di 9’01”4, davanti a Daniele Giardiello (Cantù Atl.) con 9’02”5 e Paolo Merzario (atl. Lecco) con 9’08”5. La seconda serie ha visto il successo di Taoufiq Saoudi (Gp Santi) in 9’59”9, mentre nella terza si è imposto Giacomo Pighetti (Gp Valchiavenna) con 10’21”3. Nelle altre prove hanno vinto: Elisabetta Zuccoli (Gp Valchiavenna) nei 1000 ragazze in 3’13”2, Matteo Masolini (Gp Valchiavenna) nei 1000 ragazzi con 2’51”3, Giulia Murada (Pol. Albosaggia) nei 2000 cadette in 7’38”7, Francesco Agostini nei 2000 cadetti con 5’55”0 cogliendo abbondantemente il minimo per gli italiani, Cinzia Zugnoni (Csi Morbegno) nei 3000 femminili in 10’27”1.

.         CLASSIFICHE        FOTO 3000 piani M      FOTO 3000 piani F
                                           FOTO 3000 siepi  M      FOTO 2000 siepi F
                                                                FOTO 2000 siepi Allievi

 

venerdì 7 settembre 2012

“SERATA delle SIEPI e del MEZZOFONDO” a Chiavenna

            GRANDE SPETTACOLO NELLA SERATA DELLE SIEPI E DEL MEZZOFONDO
            ORGANIZZATA DAL G.P. VALCHIAVENNA.
            A BREVE ONLINE NUMEROSE FOTO DELLA SERATA E RESOCONTO GARE.

mercoledì 5 settembre 2012

SKYRACE DELLA ROSETTA 2012 – RASURA (S0) “Record di presenze alla finale di campionato italiano SkyRace”

Edizione 2012 da record per la SkyRace della Rosetta, gara valevole come prova finale del campionato italiano di specialità. Ad un giorno dalla chiusura iscrizioni, gli atleti accreditati al via sono infatti 250, già 8 in più dell’altra concomitanza tricolore (2008) quando fu toccata quota 242. Una bella soddisfazione, quindi, per gli uomini dello Sport Race Valtellina che, puntando su delle previsione meteo incoraggianti, sperano in un primato da ricordare.

«In paese tutto è pronto per accogliere i corridori del cielo che domenica si sfideranno per aggiudicarsi il titolo tricolore o semplicemente per trascorrere una bella domenica di sport su un tracciato tutto da correre e interamente disegnato all’interno del Parco delle Orobie Valtellinesi – ha esordito il presidente dello Sport Race Valtellina Gianni Bertolini -. Un tracciato contraddistinto da numerosi cambi di pendenza  e scorci mozzafiato che attraversa alcuni dei più bei alpeggi della valle e che vede come GPM la cima Rosetta… che poi da anche il nome alla gara.  E per chi non ha ambizioni di alta classifica, uno sguardo all’orizzonte potrebbe fare intravedere anche un ospite speciale di queste montagne: l’orso che proprio in questi giorni è stato notato al giro di boa di Stavello».

Entrando nei dettagli di una starting list ricca di nomi eccellenti il direttore gara Massimo Zugnoni ha invece proseguito: «Siamo in attesa di conferme importanti da parte di Emanuela Brizio e Damiano Lenzi, ma per il momento posso anticipare la presenza di  Tadei Pivk e Mario Scanu, i lecchesi Carlo Ratti, Nicola Golinelli, il trentino Michele Tavernaro, l’orobico Riccardo Faverio, l’ossolano del winter triathlon Alberto Comazzi e il campione di canottaggio Franco Sancassani. Nella gara in rosa Debora Cardone dovrà invece vedersela con le locali Lorenza Combi e Lucia Moraschinelli».
News dell'ultima ora l'iscrizione dell'orientista russo naturalizzato Mikhail Mamleev

Da ricordare che, a sky partita, è prevista la prova non competitiva riservata alle giovani leve che si snoderà tra le vie del paese tenendo sempre come quartier generale il polifunzionale di Rasura.
Sintesi Percorso:

I ventuno chilometri del tracciato di gara sono interamente disegnati all'interno del Parco delle Orobie Valtellinesi. In una lunga cavalcata a fil di cielo, i concorrenti attraversano luoghi incontaminati e ricchi di storia quali gli alpeggi dove si produce il famoso formaggio Bitto; il tutto  affrontando 1550 metri di dislivello positivo e altrettanti di discesa. Partendo dagli 850 m del Polifunzionale di Rasura, si sale passando dalla località Larice, Ciani e si continua raggiungendo gli alpeggi di Combana, Combanina e Stavello - punto più a sud a quota 1940 m -. Il percorso scende quindi in direzione Baita del Ven, per poi iniziare nuovamente a salire sfiorando il Lago di Culino e raggiungendo la Cima Rosetta (2140 mt). Si perde quota tra i rododendri sino a 1700mslm, m per poi risalire lievemente verso la pozza dell'Alpe Olano. Ancora discesa, passando dal Rifugio della Corte e dall'abitato di Mellarolo. Rampa finale verso Rasura e arrivo al Polifunzionale.
Tempi Da Battere:

2h00'13" Gil Pintarelli 2010

2h33'56" Raffaella Rossi 2010

I Numeri Della Skyrace Della Rosetta:

934 Concorrenti in 5 Edizioni

60 Volontari impegnati sul percorso

20 Volontari impegnati al parterre

30 Volontari  al servizio ristoro

2750 Pranzi serviti in 5 edizioni
Programma:

SABATO 8 SETTEMBRE 2012
ore 17 apertura mostre
dalle ore 17 alle ore 19 - Consegna del pettorale di gara presso il Polifunzionale di Rasura
ore 19 - Pasta Party a cura della Pro Loco Rasura Mellarolo

DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012
dalle ore 7.30 alle ore 8.30 - Consegna del pettorale di gara presso il Polifunzionale di Rasura
ore 9 - Partenza Skyrace della Rosetta
ore 9.45 - Partenza Mini Skyrace "Giovani Promesse"
ore 10.05 - Arrivo primi concorrenti Mini Skyrace "Giovani Promesse"
ore 11 - Arrivo primi concorrenti Skyrace della Rosetta
ore 12.30 - Pranzo a cura della Pro Loco Rasura Mellarolo
ore 15 - Premiazione della manifestazioni
ore 18 - S.Messa presso la chiesa di Rasura in ricordo di Sandro e Pietro

Maggiori Informazioni & Iscrizioni:  Per tutte le info sulla gara e per confermare la propria presenza alla SkyRace della Rosetta è possibile visitare il sito www.sportracevaltellina.it

Maurizio Torri
Red. Sport di Montagna

martedì 4 settembre 2012

TROFEO SCACCABAROZZI 2012 - PASTURO (LC) “Presentata ai media la finale di campionato italiano SkyMarathon”

Consueto appuntamento in Provincia a Lecco per la Skymarathon delle Grigne che domenica 16 settembre assegnerà i titoli italiani 2012 di specialità. Finale tricolore, dunque, ma a forti tinte internazionali come confermato dal direttore gara Luigi Brambilla: «Il grosso delle iscrizioni si farà in questi giorni, ma posso anticiparvi diversi nomi eccellenti giunti proprio in queste ore dal mondo trail: avremo al via l’americano Dakota Jones e il transalpino Julien Chorier.  Sempre in tema di new entry vi anticipo pure l’inglese Morgan Casey e il rumeno Ionut Zinca».

Debuttanti eccellenti e al fianco di campioni italiani e stranieri che già conoscono la lunga cavalcata tra Grignetta e Grignone:«E’ con piacere che vi possiamo annunciare il gradito ritorno degli inglesi Tom Owens, Riky Lighfoot, le catalane Mireia Mirò, Nuria Picas e gli italiani Nicola Golinelli, Stefano Butti, Tadei Pivk, Fulvio Dapit, Matteo Piller Hofer, Emanuela Brizio, Silvia Serafini e Debora Cardone. Oltre a loro ci attendiamo come al solito molti, moltissimi amatori».

Cogliendo al balzo l’occasione Brambilla ha pure puntualizzato la posizione del comitato organizzatore  sul futuro della gara:«In questi anni Il Trofeo Scaccabarozzi è cresciuto molto nei numeri e nel livello. Stiamo cercando dei partner che ci consentano di mantenere tali standard e, magari, provare a crescere ancora. In caso contrario, meglio prenderci una pausa di riflessione piuttosto che avere una gara che sia la brutta copia di quanto siamo abituati a vedere».

Al riguardo, sia il primo cittadino di Pasturo Guido Agostoni, sia il sindaco di Missaglia  Bruno Crippa si sono allineati a quanto detto dal vicepresidente della Provincia Antonello Formenti: «Una gara come il Trofeo Scaccabarozzi è motivo d’orgoglio non solo per la Valsassina, ma per l’intera provincia di Lecco. Faremo quindi il possibile per sostenere Paolo Bellavite e il suo staff affinché un evento di questa portata possa avere lunga vita. L’invito alle associazioni sportive presenti sul territorio è già stato manifestato, speriamo di avere feedback incoraggianti a breve».

Per quanto riguarda invece il campionato italiano, tutto si deciderà sui 43km “vista lago” di questa super classica di fine estate:«Sia nella graduatoria maschile, sia in quella femminile è ancora tutto da decidere – ha confermato il segretario della Fisky Dario Busi -. Se tra le prime sarà sfida a due tra la veterana Emanuela Brizio e l’emergente Silvia Serafini, al maschile si giocheranno il titolo Tadei Pivk, Paolo Gotti, Matteo Piller Hofer e Fulvio Dapit».

Tra coloro che invece puntano sullo Scaccabarozzi per raddrizzare una stagione sinora avara di soddisfazioni vi è la stella dell’Osa Valmadrera Stefano Butti: «Quest’anno non sono riuscito ad esprimermi sui livelli 2011, ma in queste ultime settimane sono riuscito ad allenarmi bene e domenica 16 sarò della partita. La Skymarathon delle Grigne è una gara che mi piace, si corre a due passi da casa ed è tra le competizioni più sentite dai lecchesi. Difficile azzardare dei pronostici sul mio piazzamento, ma una cosa è certa… io ce la metterò tutta per ben figurare».        
Ricordando che le iscrizioni all’edizione 2012 sono già aperte, per ulteriori info sulle manifestazioni Skymarathon e Mezza Maratona è possibile visitare il sito www.caimissaglia.it

Maurizio Torri (Ufficio Stampa)

“SERATA delle SIEPI e del MEZZOFONDO” a Chiavenna




Dopo la stagione della Corsa in Montagna torna, anche in provincia di Sondrio, la corsa su pista.
GIOVEDI’ 6 SETTEMBRE 2012,presso lo Stadio Comunale di Chiavenna, con l’organizzazione del Gruppo Podistico Valchiavenna, si svolgerà la oramai tradizionale "Serata delle Siepi e del Mezzofondo".
Sulla pista del bell’impianto chiavennasco,atleti delle varie categorie, giovanili e assolute, maschili e femminili, si confronteranno in gare su diverse distanze.
Le iscrizioni, da effettuare via mail ( info@gpvalchiavenna.it), via fax (n.1782271775) o per telefono (cell.3476076920), entro le ore 24 di mercoledì 05 settembre, Il ritrovo, presso il campo di gara, è previsto alle ore 18.30;conferma iscrizioni presso la segreteria, entro le ore 19.30 di giovedì  6 settembre.
Inizio delle gare alle ore 20.00 con le categorie ragazzi e ragazze impegnate sui 1.000 metri piani, seguite da cadetti e cadette sui 2.000 metri.
Si passerà, poi, alle categorie superiori, con allievi, senior e master (maschili e femminili)
impegnati sui 3.000 metri piani, con possibilità di varie serie da definire in base alle possibilità di accreditamento.
A concludere la serata le gare dei 2.000 (donne) e 3.000 (uomini) metri siepi, gare che, oltre ad una buona preparazione atletica, richiedono buona tecnica ed agilità e che, da sempre, anche per la presenza di coraggiosi atleti che raramente si misurano in tale specialità, divertono il pubblico presente.
Ulteriori informazioni e riferimenti sono presenti sul sito ( www.gpvalchiavenna.it) .


domenica 2 settembre 2012

28th World Mountain Running Championship Vallecamonica – Italia


Il più bel campionato del mondo di corsa in montagna mai organizzato in una storia della specialità che conta già ventotto edizioni, è andato in archivio con l’Italia che ha colto le solite significative soddisfazioni, anche se la mancanza di una sola medaglia d’oro, rende il bottino complessivo azzurro inferiore alle attese. Tre medaglie d’argento ed una di bronzo, rappresentano lo stesso risultato numerico di medaglie della passata edizione del mondiale, ma nel 2011 in Albania, erano state ben due le medaglie al d’oro che avevano brillato al collo degli azzurri: titoli iridati che avevano conquistato le due squadre senior. Questa mattina sul traguardo del Tonale, sia il team maschile che quello femminile si sono dovuti accontentare della piazza d’onore, con Belotti e compagne superate dalle americane, mentre i ragazzi si sono dovuti inchinare allo strapotere eritreo.

Favorita da una stupenda giornata di sole, dopo che la vigilia, piovosa, ventosa e pure nevosa, aveva fatto temere il peggio, la rassegna organizzata con estrema bravura dall’Atletica Vallecamonica del presidente Alberto Pastorelli e soprattutto della famiglia Agostini, è andata in archivio strappando applausi e suscitando l’apprezzamento complessivo delle oltre quaranta nazioni presenti. 

Ma andiamo con ordine nel commentare le quattro prove, anzi cinque, che hanno caratterizzato la giornata.

I primi a partire e pure a terminare nonostante l’asprezza e la difficoltà dei 14,8 chilometri del tracciato, sono stati gli attori dell’Open Race, la gara aperta a tutti. In campo maschile ha vinto il giovane cadorino Luca Cagnati, in passato ex azzurro fra gli Juniores e comunque grande promessa della corsa in montagna azzurra. Fra le donne successo per la britannica Anne Buckley.

 In campo femminile successo della fortissima Junior turca Sevilay Eyemis, che sotto lo striscione d’arrivo è giunta con 39 secondi di margine sulla tedeschina Julia Lettl. Sul terzo gradino del podio è salita la slovena Lea Einfalt. Ilaria Del Magro è risultata la migliore fra le azzurrine, conquistando una significativa 15esima piazza finale. I piazzamenti ottenuti da Samantha Bottega e Sara Lhansour, rispettivamente 32 esima e 33esima hanno permesso all’Italia di insediarsi in decima posizione di una classifica per nazioni dominata da Turchia, che si è laureato team campione del mondo davanti a Gran Bretagna e Germania.

Nella sfida dedicata agli Juniores grande impressione hanno suscitato i giovani atleti ugandesi, capaci alla vigilia di combinarne di tutti i colori, ma alla fine assoluti dominatori della categoria. Giunti per ultimi in Alta Valle Camonica, quando ormai le loro tracce sembravano perdute in chissà quale aeroporto europeo e giunti pure in ritardo di un paio di minuti sulla linea di partenza, i giovani leoni dell’Uganda, sui quasi nove chilometri del tracciato che da Ponte di Legno li hanno portati sul Passo del Tonale, non hanno avuto rivali. In modo particolare è sembrato volare Michael Cherop, robusto e possente grimpeur che ha tagliato la linea del traguardo con dodici secondi di margine su uno dei grandi favoriti della vigilia, il turco Adem Karagoz, giunto secondo davanti al connazionale Sommez Dag. Per la classifica per nazioni la differenza l’hanno fatta gli ugandesi, con Moses Kurong quarto e Abdallah Mande, ottavo. L’oro è così andato all’Uganda, davanti ad una delusa Turchia, ma sul terzo gradino del podio è salita una superlativa Italia trascinata dal campione italiano della specialità Nekagenet Crippa, stupendo quinto sul traguardo a poco più di un minuto dall’imprendibile Cherop. Gli altri azzurri: Dylan Titon e Cesare Maestri hanno terminato la loro fatica chiudendo in dodicesima e tredicesima posizione, portando i punti necessari all’Italia per aggiudicarsi la favolosa medaglia di bronzo, mentre l’enfant du pays , forse condizionato dal fatto di esibirsi davanti ai suoi conterranei, ha disputato una prova assolutamente inferiore alle attese e che comunque lo ha visto collocarsi in una più che dignitosa 22esima piazza conclusiva.

Entusiasmante la gara riservata alle Senior, che aveva nella camuna di Temù, Valentina Belotti, una delle sue annunciate protagoniste. E la campionessa che correva sull’uscio di casa non ha deluso le attese. Valentina ha disputato una gara superlativa, dove talento e forza fisica si sono uniti all’unisono per consentirle di vincere una grande medaglia d’argento, inchinandosi solamente all’austriaca Andrea Mayr, che sul Tonale ha vinto il suo quarto titolo mondiale. Partita un poco contratta, Valentina Belotti si è sciolta con il passare dei chilometri e la sua rimonta, tanto apprezzabile quanto entusiasmante, soprattutto per le centinaia di persone che dal Passo del Tonale seguivano sul mega-screen la diretta fornita da TeleBoario, le ha permesso di aggiudicarsi quell’argento che lei stessa ha dichiarato come il miglior risultato ottenibile. La Mayr infatti è sembrata in giornata di grazia, dimostrandosi una volta di più la più grande specialista della corsa in montagna. Sul terzo gradino del podio è salita la statunitense Morgan Aritola, trascinatrice di quel team a stelle e strisce capace di sconfiggere lo squadrone azzurro grazie anche le performance offerte da Stevie Kremer e Melody Fairchild, arrivate rispettivamente settima ed ottava. Le azzurre, che hanno dovuto abdicare dopo i due titoli iridati consecutivi conquistati in Slovenia nel 2011 ed in Albani lo scorso anno, si sono accomodate sul secondo gradino del podio, grazie ai punti conquistati da Renate Rungger (13esima) e Alice Gaggi (14esima). Leggermente sotto le attese, ma limitata da un problema muscolare, la trentina e plurimedagliata dello sci di fondo, Antonella Confortola, è arrivata sul Tonale in diciassettesima piazza, ma poi ampiamente soddisfatto per l’argento conquistato con le due compagne di squadra.

La prova riservata ai Senior ha regalato mille emozioni, anche se, come per le colleghe,  gli azzurri si sono visti sfilare la maglia di campioni del mondo conquistata l’anno passato in Albania. Ha vinto l’Eritrea perché oggi è stata imbattibile. E imbattibili sono stati in modo particolare Petro Mamo ed Azeria Teklay, che partiti di gran carriera poco dopo il via dato da Temù, hanno lasciato ai loro avversari solo le briciole. La ribalta i due campioni africani se la solo meritata dopo una corsa di testa, che Petro Mamo ha fatto individualmente sua scattando sull’erta finale del Pegrà. Teklay è secondo, mentre il terzo gradino del podio è stato appannaggio, un po’ a sorpresa, del russo Andrey Safronov. Quarto l’altro eritreo, Debasy Tsige, piazzamento che consegnerà poi l’oro a squadre al paese africano. Ma l’Italia, che nulla ha potuto contro lo strapotere eritreo, non ha affatto deluso. Tre italiani sono finiti nei primi sette posti, con Gabriele Abate, Alex Baldaccini ed il sei volte campione del mondo, Marco De Gasperi, ad occupare rispettivamente i posti dal quinto al settimo di una graduatoria piena zeppa di campioni consumati. L’argento azzurro nella classifica per nazioni è stato messo in cassaforte grazie a Xavier Chevrier, che sospinto da almeno cento suoi sostenitori giunti dalla Valle d’Aosta e dalle valli bergamasche, ha saputo concludere la sua strepitosa prova in tredicesima posizione. Il campione italiano in carico della specialità, Bernard Dematteis, evidentemente non nella sua miglior giornata, è arrivato solo diciannovesimo, a più di cinque minuti dal vincitore. Ancora più indietro il sesto degli azzurri, Antonio Toninelli solo quarantanovesimo.

A cura del servizio stampa dei Campionati del Mondo di Corsa in Montagna di Ponte di Legno - Temù
>>>FOTO SFILATA QUI<<<          >>>FOTO JUNIOR WOMEN <<<
>>>VIDEO SFILATA QUI<<<         >>>FOTO JUNIOR MEN<<<
                                                        >>>FOTO SENIOR WOMEN<<<
                                                        >>>FOTO SENIOR MEN<<<