giovedì 23 gennaio 2014

13.a edizione CROSS TREMENDA XXL – a Samolaco, Domenica 26/01/2014


Dopo alcune gare regionali, con società ed atleti della provincia che, già, hanno ottenuto buoni risultati, prende il via, anche a livello provinciale, la nuova stagione delle corsa campestre.
Domenica, 26 gennaio 2014, con organizzazione del Gruppo Podistico Valchiavenna, si svolgerà, a Samolaco, frazione Somaggia, località Roncaccina, la 13.a edizione del CROSS Tremenda XXL.
Le gare, come da tradizione, si terranno nei prati (speriamo non nel fango) situati nei pressi di TREMENDA XXL, centro giovanile da cui, la manifestazione stessa, prende il nome.
La struttura del Centro Giovanile, fondato e gestito da Don Gigi Pini, verrà messa a disposizione, con la solita dimostrazione di amicizia e vicinanza, per atleti, accompagnatori e pubblico.
Presso la struttura servizio di segreteria, spogliatoi e servizio bar gestito dai giovani di Tremenda.

Giunta alla 13.a edizione, la manifestazione, sarà quest’anno la prima prova del campionato Provinciale di Società di Corsa Campestre, riservata a tutte le categorie di atleti.
Verranno assegnati, nell’occasione, i titoli di campioni provinciali individuali, delle categorie giovanili, maschili e femminili.

Il ritrovo, per tutti gli atleti, è fissato alle ore 9.00, per le iscrizioni e la distribuzione dei numeri di gara.
Via alle gare, con la categoria esordienti, alle ore 10.00.
A seguire tutte le altre gare, su percorsi di diversa lunghezza, secondo il seguente programma:
  • -  Esordienti B/C, maschile e femminile
  • -  Esordienti A, maschile e femminile
  • -  Ragazze e ragazzi (nati nel 2001 – 2002)
  • -  Cadette (nate nel 1999 – 2000)
  • -  Cadetti (nati nel 1999 – 2000)
  • -  Allievi, Junior, Promesse Senior e Master femminili
  • -  Allievi maschili (nati nel 1997 – 1998)
  • -  Junior, Promesse Senior e Master maschili
metri metri metri metri metri metri metri metri
400
800 1.500 2.000 2.500 3.500 4.000 6.000
Alla fine delle gare, presso la struttura di Tremenda XXL, premiazioni
esordienti, ragazzi e cadetti, e per i primi 3 delle categorie allievi, junior, promesse, senior, oltre a varie categorie Master.

Ulteriori informazioni disponibili sul sito della società organizzatrice (www.gpvalchiavenna.it)
per i primi 5 classificati delle categorie 

“IDROELETTRICAMENTENEVE”: LA PRIMARIA CREDARO DI TIRANO VINCE LA SFIDA ARTISTICA

Nella foto: i vincitori,gli alunni della scuola primaria Credaro di Tirano con la loro scultura.
È stata una giornata di festa mercoledì 22 gennaio 2014 per le cinque classi selezionate per partecipare alla fase finale del concorso Idroelettricamenteneve, lanciato dal Consorzio Bim a settembre. A Lanzada, presso il centro sportivo, oltre cento alunni, accompagnati dalle loro insegnanti e assistiti da alcuni scultori valtellinesi, hanno scolpito le loro sculture di neve che, nei mesi scorsi, avevano disegnato per ricavarne dei modellini in creta. Il lavoro sui blocchi di ghiaccio forniti dal Comune di Lanzada, che ha curato l’intera organizzazione, è iniziato nella prima mattinata per concludersi nel pomeriggio. Un impegno che non ha scoraggiato i ragazzi che, al termine, mentre la commissione si riuniva per le valutazioni, hanno trovato pure il tempo di realizzare piccoli igloo. Dopo una merenda con thè caldo e brioche le classi si sono radunate in attesa della cerimonia di premiazione che è stata introdotta dal sindaco Marco Negrini. La presidente del Bim Carla Cioccarelli ha quindi illustrato le finalità di un’iniziativa all’esordio promossa con l’intento di sensibilizzare i ragazzi nei confronti dell’ambiente e dell’acqua, risorse fondamentali per il nostro territorio. 

La classifica finale è stata stilata dalla giuria, composta dalla presidente Cioccarelli, dal sindaco Negrini, da Micaela Tralli del Bim, da Elena Milani e Gianmario Bonfadini quali esperti, che ha attentamente valutato le cinque sculture.

 Al primo posto si è classificata la classe quarta della scuola primaria Credaro di Tirano per ‘Zampette elettriche’; al secondo la quarta della Gavazzeni di Talamona con ‘Turbina H2O’; al terzo la terza media di Ardenno con ‘Il braccio energetico dell’acqua’; al quarto la quinta elementare di Teglio con ‘Dall’acqua all’elettricità’; al quinto posto la quinta di Aprica con ‘Monumento all’energia elettrica’. Per le classi, oltre alla soddisfazione e agli applausi, anche un premio in denaro: 1500 euro alla prima, 1200 alla seconda, 1000 alla terza, 800 alla quarta e 600 euro per la quinta.

martedì 21 gennaio 2014

TROFEO REGIONALE CSI DI CORSA CAMPESTRE

Quasi 900 atleti al via sui campi di Albate (CO) domenica 19 gennaio u.s. per la seconda prova del 23° Trofeo Regionale CSI di corsa campestre, con una fortissima presenza del G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino, ben 79 atleti al via, per recuperare il gap incassato dopo la prima prova di Cortenova.
 Missione compiuta per i diavoli rossi che hanno conquistato la vittoria di giornata con 784 punti, di soli 18 punti davanti al G.S. Virtus Calco, seguito poi da A.S. Premana e C.S. Cortenova, 6° il G.S. Valgerola Ciapparelli, 8° il C.O. Piateda Valtellina Gas, 9° il G.P. Talamona Comosystemi Malugani, 13° il G.P. Santi Nuova Olonio, 24° l’Ardenno Sportiva, 32° il Mera Athletic Club. Ora sarà la prova finale di Ardenno del 23 febbraio a decidere il tutto per tutto visto che dopo le prime due prove sono al comando a pari punti G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino, G.S. Virtus Calco e C.S. Cortenova. “Ad Albate è andata bene – ha dichiarato il presidente del sodalizio morbegnese Giovanni Ruffoni – siamo riusciti a vincere, anche se con un distacco piuttosto limitato, ora è una bella guerra a tre che si risolverà con la gara di Ardenno, giochiamo in casa e non ci lasceremo sfuggire l’occasione di poter vincere per l’ennesima volta questo Trofeo a cui teniamo molto”. 
Chi ad Albate ha fatto bene è anche la piccola realtà, ma decisamente in crescita del C.O. Piateda Valtellina Gas:”Abbiamo fatto una bella performance con quasi trenta atleti partecipanti e conquistato l’8° posto di società – ha spiegato il direttore tecnico Alberto Rampa – abbiamo vinto negli allievi con una gara bella da vedere e gustare di Mohammed Yaakoubi, ottenuto un secondo posto con Alice Testini al primo anno cadette e un ottimo terzo posto nei senior con Emanuele Rampa, tornato alle gare in Lombardia dopo essersi esercitato in Veneto”. Per quanto riguarda le vittorie individuali, oltre a quella di Mohammed Yaakoubi (C.O. Piateda Valtellina Gas) negli allievi, da sottolineare le ottime prestazioni di Alessia Zecca (G.S. Valgerola Ciapparelli) nelle junior, Elisa Sortini (G.P. Talamona Comosystemi Malugani) nelle senior e della compagna di squadra Mara Ciaponi nelle amatori B. Medaglia d’argento invece per Mattia Tacchini (G.P. Talamona Comosystemi Malugani) negli esordienti, Alice Testini (C.O. Piateda Valtellina Gas) nelle cadette, Ilaria Abate (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) nelle allieve, Sara Lhansour (G.S. Valgerola Ciapparelli) nelle senior, Roberto Pedroncelli (G.P. Santi Nuova Olonio) negli amatori B. Gradino più basso del podio per Davide Gusmeroli (G.P. Talamona Comosystemi Malugani) negli allievi, Valentina Duca (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) nelle juniores femminili, Daniele Menghi (G.S. Valgerola Ciapparelli) negli junior, Emanuele Rampa (C.O. Piateda Valtellina Gas) nei senior, Cinzia Zugnoni (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) nelle amatori A, Dario Fracassi (G.P. Talamona Comosystemi Malugani) negli amatori A, Michela Trotti (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) nelle amatori B, Mauro Bertola (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) nei veterani. Da sottolineare, nella categoria veterane la tripletta tutta valtellinese grazie a Mara Ciaponi (G.P. Talamona Comosystemi), Elide Gusmeroli (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) e Fernanda Ioli (G.S. Valgerola Ciapparelli)

                                             CLASSIFICHE

A CESANO MADERNO A.S. LANZADA STACCA IL PASS PER I CAMPIONATI ITALIANI DI SOCIETA’

È un cross nel vero senso della parola quello andato in scena domenica a Cesano Maderno, seconda tappa del Cross per Tutti 2014 valida come Prima Prova CDS Lombardia.
 Fango, freddo e pioggia hanno accompagnato la giornata di gare. Una prova dura, durissima, uno di quei cross veri in cui gli atleti sono chiamati ad una vera e propria prova di coraggio, oltre che di forza. 2000 gli iscritti per una gara che era valida anche come 7° Trofeo Città di Cesano Maderno e 2ª prova del circuito “Cross per tutti”, ma soprattutto, prima prova di qualificazione per i societari tricolore.
 La seconda prova si svolgerà a Brescia il 2 febbraio e sarà valida anche come campionato regionale individuale. Le migliori squadre delle categorie assolute (allievi, junior, senior), in base ai punteggi conquistati in una di queste due prove, parteciperanno ai Campionati italiani di società di corsa campestre in programma il 9 marzo a Nove – Marostica (Vicenza).

 Ottimamente si sono comportate le uniche due società presenti della provincia di Sondrio. L'A.S. LANZADA accompagnati dal loro coach Fabiano Nana che con i suoi ALLIEVI hanno ottenuto un'ottimo terzo posto che gli vale la sicura partecipazione agli italiani del 9 Marzo, grazie anche al 10° posto ottenuto lo scorso anno nei campionati italiani.

 Buona  prova anche per gli atleti junior del G.P. Valchiavenna allenati da Roberto Tonucci, sia nella prova femminile(4° posto) che in quella maschile (5° posto) che devono ancora aspettare la seconda prova di campionato che si svolgerà il 2 febbraio per aver la certezza di staccare il pass per i campionati italiani.
 Un plauso a parte per Belay Jacomelli (U.S. Bormiese) che ha vinto nella categoria cadetti per la felicità del coach Giulio Cola.

                                             ALBUM FOTO BY Cesare

ALLIEVI 14° Nicholas Corlatti (A.S. Lanzada) 18° Christian Dell’Agosto (A.S. Lanzada) 29° Diego Rossi (A.S. Lanzada) 39° Federico Bardea (A.S. Lanzada) 41° Pietro Martelletti (A.S. Lanzada) 62° Daniele Sciuchetti (A.S. Lanzada)

ALLIEVE 13ª Eleonora Fascendini (G.P. Valchiavenna) 14ª Camilla Paracchini (Pol. Albosaggia)

JUNIOR M 14° Gabriele Masolini (G.P. Valchiavenna) 22° Raffaele Silvani (G.P. Valchiavenna) 31° Giacomo Geronimi (G.P. Valchiavenna) 33° Raffaele Sciuchetti (G.P. Valchiavenna)

JUNIOR F 7ª Elisa Nesossi (G.P. Valchiavenna) 16ª Alessia Gini (G.P. Valchiavenna) 26ª Camilla Sani (G.P. Valchiavenna)

 CADETTI 1° Belay Jacomelli (U.S. Bormiese) 4° Matteo Masolini (G.P. Valchiavenna) 13° Luca Molteni (G.P. Valchiavenna) 27° Paolo Del Re (G.P. Valchiavenna) CADETTE 4ª Gaia Del Grosso (G.P. Valchiavenna)

 RAGAZZI 8° Gianluca Nesossi (G.P. Valchiavenna)

RAGAZZE 9ª Yemisirach Jacomelli (U.S. Bormiese) 

CLASSIFICHE INDIVIDUALI                                       CLASSIFICHE DI SOCIETA'

venerdì 17 gennaio 2014

NICOLA MORANDINI FIRMA LA MOONLIGHT

Nella competizione notturna di sci nordico all’Alpe di Siusi, vittoria del trentino Nicola Morandini sul bergamasco Fabio Santus e sul ceco Stanislav Rezac. Tra le donne successo di Antonella Confortola. Ieri sera al via della gara oltre 350 fondisti provenienti da 15 nazioni, in una competizione con due tracciati di 15 e 30 chilometri … molto ecologici. 


 Nel buio della notte sull’Alpe di Siusi, con una luna piena nascosta tra le nuvole, è Nicola Morandini a dominare la Alto Adige Moonlight Classic, la gara di sci di fondo in notturna che ieri sera ha visto al via oltre 350 partecipanti (in rappresentanza di 15 nazioni) sui due tracciati di 15 e 30 chilometri da percorrere in tecnica classica. All’esordio nella competizione altoatesina, il fondista trentino, che difende i colori della formazione internazionale Team Coop, ha dettato il ritmo di gara sin dalle prime battute, controllando gli avversari più accreditati come il carabiniere Fabio Santus del Molinari Marathon Ski Team, il finanziere Cristian Zorzi e il più forte tra gli stranieri al via, il ceco Stanislav Rezac. In vista del traguardo volante al 18esimo km, il trentino Riccardo Mich (che finirà al quinto posto assoluto) imprime una forte accelerazione, seguito solo da Morandini, che dopo questa “sparata” prosegue nella sua corsa sgranando ancora di più il gruppo di testa e conquistando la leadership definitiva della corsa. Qualche rischio nella parte finale del tracciato di 30 chilometri Morandini se l’è preso, quando sull’ultima salita il forte vento ha spazzato la neve coprendo i binari e rallentando la sua fuga; ne ha approfittato il bergamasco Fabio Santus che a differenza del diretto avversario ha utilizzato sci con sciolina di tenuta, e in salita il carabiniere ha accorciato le distanze tanto da avvicinarsi pericolosamente a Morandini, ma un ultimo strappo del trentino nello schuss finale gli ha regalato la vittoria nell’ottava edizione della Alto Adige Moonlight Classic Alpe di Siusi. 

«Sono felice di questa vittoria perché sento che dopo un mese di altura ora il mio fisico reagisce in modo positivo – ha commentato Nicola Morandini – e direi che questa prova è un ottimo segnale in vista del grande appuntamento stagionale, la Marcialonga». 

 IL RESTO DEL PODIO Un altro pretendente alla vittoria finale e vero specialista delle granfondo in tecnica classica è stato il ceco Rezac che, nonostante una caduta che gli ha strappato il pettorale, è riuscito a conservare la terza posizione a 12 secondi dal vincitore. Cristian Zorzi ha chiuso in ottava posizione, penalizzato anche da sci lenti in discesa, mentre non era al via l’annunciato svedese Jerry Ahrlin con la fidanzata Laila Kveli. Tra le donne successo “annunciato” della forestale Antonella Confortola del Molinari Marathon Ski Team che ha fatto gara solitaria lasciando gli altri due gradini del podio alle fondiste della Repubblica Ceca Adela Boudikova e Clara Moravcoca. Quarta classificata la svizzera Ursina Badilatti.

 COM’E’ ANDATA NEL PERCORSO BREVE Nella competizione sui 15 chilometri vittoria del ventunenne ceco Pavel Ondrasek che ha battuto allo sprint il connazionale Viktor Novotny mentre al terzo posto si è classificato l’italiano Pauli Oberbacher del GS Team Hartmann. Da segnalare il 13esimo posto di Ulrich Kostner (classe 1946), vincitore della prima Marcialonga nel 1971. Il podio femminile del tracciato corto ha visto salire sul gradino più alto un’altra atleta della Cechia, Kamila Knopova, mentre la piazza d’onore è stata per Alice Andreoli e terzo posto per Silvia Mozzi. 

 BINARI ECOLOGICI Una Moonlight in versione eco. Infatti da pochi giorni è operativo sulle piste di fondo dell’Alpe di Siusi l’innovativo gatto delle nevi Husky E-motion sviluppato da Prinoth che ha implementato una trasmissione diesel elettrica che sostituisce la propulsione idrostatica per le funzionalità accessorie, che consente un aumento delle prestazioni del 30% e una riduzione dei consumi del 20% a tutto vantaggio dell’ambiente e delle attività ecosostenibili sviluppate sull’altopiano più grande d’Europa.

mercoledì 15 gennaio 2014

LA “ROAD TO SOCHI” PASSA PER LA VALMALENCO: LA NAZIONALE FREESTYLE RUSSA IN RITIRO PER LA PREPARAZIONE PRE-OLIMPICA

La nazionale Freestyle Ski russa sarà in ritiro pre-olimpico da 16 al 31 gennaio all'Alpe Palù – fondamentali nella scelta l'esperienza dei Team ai Mondiali della Valmalenco e i riscontri delle delegazioni del C.O. Olimpico qui effettuate negli inverni passati.


L'atmosfera pre-Olimpica si estende sulla Valmalenco. Dal 16 al 31 gennaio, infatti, la nazionale Freestyle Ski russa di Freestyle Ski sarà impegnata qui nel suo ultimo ritiro di affinamento in vista delle Olimpiadi Invernali di Sochi 2014.
Una situazione, in cui i “padroni di casa” dell'evento più importante della stagione, lasciano le piste domestiche per concludere la loro preparazione per la ricerca del diciottesimo dei novantotto titoli che si assegneranno ai Giochi Olimpici di quest’anno.
Il Team russo, già conoscitore della Valle, si è rivolto senza indugio alla Valmalenco dove, negli ultimi due anni, le rappresentative nazionali giovanili e i diversi delegati del Comitato Organizzatore Olimpico avevano preso parte ai Mondiali Junior FIS Freestyle Ski, rimanendo positivamente colpiti dalla qualità organizzativa, logistica e di preparazione piste messa in campo dallo staff della FAB – Funivie al Bernina e del Consorzio Turistico di Sondrio e Valmalenco.
Una scelta che però onora l'intero territorio della Valmalenco, che ha portato una delle più quotate Nazionali a preferire il comprensorio nel cuore della Valtellina rispetto ad un corposo circuito di importanti località Internazionali potenzialmente adatte ad essere selezionate. Una conferma, nuova prova del livello di specializzazione riconosciuto ed apprezzato anche dagli utenti più esigenti (quali sono le Nazionali delle specialità invernali) che la Valmalenco ha assunto investendo da oltre 5 anni nei grandi, spettacolari eventi Snowboard & Freestyle Ski.
Teatro degli allenamenti sarà in particolare la pista “al Dosso” dell'Alpe Palù,  in cui saranno approntate per l'occasione le gobbe per due intense settimane di lavoro per la specialità “Moguls”.


Oltre che a misurare lo stato di forma degli atleti russi, questo ritiro farà scaldare anche i motori al locale Comitato Organizzatore che, tra circa 2 mesi esatti, sarà impegnato in un doppio impegno mondiale (FIS Junior Snowboard e FIS Junior Freestyle Ski a fine marzo), seguito dall'organizzazione degli Assoluti Italiani FISI sempre delle due specialità.

martedì 14 gennaio 2014

“CAMPIONATO ITALIANO DI CORSA IN MONTANGA – ONCINO 14 E 15 GIUGNO 2014”

Il count down segna  “– 150”, ma il sipario sui Campionati italiani di corsa in montagna, in programma a Oncino il 14 e 15 giugno 2014, si è già alzato.
Nei giorni scorsi, infatti, è stato ufficialmente costituito il Comitato organizzatore della manifestazione che si disputerà in alta Valle Po e assegnerà i titoli: individuali e di società S/P/J/M di corsa in montagna, il tricolore di staffette allievi e il Trofeo nazionale di staffette cadetti.

Il comitato è presieduto da Giovanni Bonardo (vice sindaco del Comune di Oncino); Oscar Giusiano, in rappresentanza dell’Atletica Saluzzo, che rivestirà la carica di vice presidente; Giovanni Pesce, segretario del Comune di Oncino (addetto ai rapporti con Enti pubblici); Giorgio Guglielmo, già organizzatore di analoghe manifestazioni sportive (a cui spetterà il compito di seguire gli affari generali e la contabilità); Silvana Allisio, dipendente della Comunità Montana del Monviso (addetta alla logistica); Enrico Miolano, del Corriere di Saluzzo (addetto stampa).


Il comitato avrà la finalità ed il compito di organizzare, con l’ausilio del Comune di Oncino e le competenze tecniche specifiche della società Atletica Saluzzo, le manifestazioni sportive ed eventuali manifestazioni collaterali collegate con l’evento sportivo succitato.

lunedì 13 gennaio 2014

CROSS PER TUTTI: IL CSI MORBEGNO DAVANTI A TUTTI!

Gran Premio Lombardia assoluto di cross ovvero il Campionato regionale Fidal di societ‡ di corsa campestre per le categorie allievi, junior, promesse e senior: a Paderno Dugnano domenica 12 gennaio u.s. Ë andata in scena la prima prova organizzata dall'EuroAtletica 2002 e il G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino Ë partito con il vento in poppa perchË, e il presidente dei diavoli rossi Giovanni Ruffoni non lo nasconde, quest'anno si punta al primo posto in virt˘ del fatto che la secondo prova sar‡ organizzata proprio dal sodalizio morbegnese il 16 febbraio p.v. al Cross della Bosca. 

E se la gara di Paderno era la prova d'apertura anche del "Cross per tutti", circuito promosso dalla Fidal Milano per tutte le categorie, Ë stato soprattutto il "Cross del CSI Morbegno" che ha saputo mettersi in evidenza in tutte le categorie assolute vincendo cosÏ la prima prova del "Gran Premio Lombardia" nel maschile davanti a Nuova Atletica Fanfulla Lodigiana e Atletica Monza e conquistando il secondo posto nel femminile alle spalle del P.B.M. Bovisio Masciago ma davanti al Friesan Team. 

Nella gara clou assoluta maschile diavoli rossi sugli scudi: bella vittoria di Fabio Bulanti nelle promesse, mentre Stefano Sansi ha colto un ottimo terzo posto davanti al compagno di squadra Giovanni Tacchini, 8∞ Matteo Franzi e 15∞ Carlo Barilani (G.P. Santi Nuova Olonio). Nelle allieve Stefania Bulanti ha chiuso al 7∞ posto, seguita dalla compagna di squadra Ilaria Abate, 11∞ e 12∞ posto per Anna Abate e Valentina Tarchini. Negli allievi il migliore Ë stato Diego Acquistapace, 13∞, di poco davanti all'altro bianco-rosso Stefano Martinelli, 16∞ Daniele Frate, 20∞ Leonardo Baldazzi e 21∞ Michele Bulanti. Negli junior ottimo 4∞ posto per Stefano Abate, seguito a distanza dai compagni di squadra Matteo Camero (7∞) e Davide Speziale (8∞).
Nei master45 coglie la medaglia di bronzo Roberto Pedroncelli (G.P. Santi Nuova Olonio), cosÏ come Luigi Campini (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) nei master 60, 16∞ nei master 55 Adriano Barilani (G.P. Santi Nuova Olonio). Mentre nelle master femminili, brava Elide Campini (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) a cogliere il 5∞ posto nelle master 55.

Ma il G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino non si siede certo sugli allori: si riparte gi‡ domenica 19 gennaio p.v. con un altro obiettivo, il Trofeo regionale CSI di corsa campestre, dopo la prima prova di Cortenova dove i diavoli rossi chiusero solo al 4∞ posto, ora Ë tempo di riscossa e ad Albate ci si giocher‡ il tutto per tutto.

"Il 2014 Ë iniziato ottimamente - si Ë lasciato scappare il presidente del G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino Giovanni Ruffoni - ringrazio gli atleti che hanno gi‡ gareggiato al Campaccio e a Paderno Dugnano, ma sar‡ soprattutto ad Albate che dovremo mettere in campo tutte le nostre forze". "Sono fiducioso - continua Ruffoni - siamo una grande squadra e lo dimostreremo".

Intanto il Gran Premio Lombardia Fidal proseguir‡ con le prove di Campovico il 16 febbraio (Cross della Bosca) e Cinisello Balsamo il 2 marzo.

venerdì 10 gennaio 2014

A Lanzada guida sicura con il corso su neve e ghiaccio.


Imparare a guidare in modo sicuro anche in presenza di neve e ghiaccio è un'esigenza diffusa da queste parti dove, spesso, le strade sono imbiancate ed insidiose. L'iniziativa in programma a Lanzada è destinata dunque ad avere sicuro interesse e numerose adesioni.  Stiamo parlando dei corsi di guida sicura su neve e ghiaccio, corsi per scoprire in prima persona i segreti della guida sicura su neve e ghiaccio.I corsi si svolgeranno in località Campelli nel comune di Lanzada in una struttura dedicata ed ideale per l'apprendimento delle tecniche più idonee alla guida su fondi a scarsissima aderenza.

giovedì 9 gennaio 2014

57° CROSS DEL CAMPACCIO tutta la gara maschile.

6^ MEZZA MARATONA SUL BREMBO

Lunedì 6 gennaio era in programma a Dalmine la mezza maratona sul Brembo, gara nazionale su strada sulla distanza di 21,097 km. Dopo quasi 2 giorni di pioggia ininterrotta finalmente le condizioni ambientali sembrano ottimali e non fa nemmeno tanto freddo per essere i primi di gennaio.
 Assieme come di consueto a mio fratello Giovanni, dopo il ritiro di pettorale e chip, mi accingo ad effettuare il riscaldamento pre-gara e successivamente mi posiziono alla partenza che dista qualche centinaio di metri rispetto al gonfiabile dell’arrivo: siamo poco più di 1000 iscritti ma la partenza risulta agevole e assieme a Giovanni mi accodo ad un gruppetto di parecchi atleti che procede a circa 3’30” al km. Le sensazioni però non sono ottimali, fatico troppo ma voglio ugualmente rimanere agganciato perché alle spalle si è già creato un piccolo vuoto. Verso il 5^ km, passato in 17’33”, affrontiamo in successione 2 salitelle brevi ma impegnative: sulla prima mi stacco dal gruppo ma rientro, sulla seconda provo a resistere ma appena la strada torna in piano mi stacco definitivamente. ..provo a recuperare ma inutilmente e capisco che la mia gara è già finita: giornata decisamente negativa, le gambe non girano proprio: da 3’30” al km passo improvvisamente a 3’50” e non riesco proprio a correre più forte. Davanti intanto tiene molto bene Giovanni che al 10^ km passa in un eccellente 34’43” mentre io transito già a più di un minuto (35’48”). Continuo a perdere posizioni e non c’è modo di reagire: d’accordo la partenza allegra, d’accordo le salite ma le gambe non girano proprio oggi ed infatti il cronometro mi continua a dire che corro a 3’50”. Passano i km ed arriva a raggiungermi anche la prima donna (la forte Eliana Patelli): corro per un po’ con lei e poi a 2 km dal traguardo provo almeno a fare una progressione finale che mi porta a chiudere comunque con un tempo altissimo: 1 ora 18’ 40”. All’arrivo mi aspetta Giovanni che ha corso molto bene migliorando il suo personale (1 ora 14’ 21”) e l’amico Claudio Marzorati anche lui al personale (1 ora 15’ 12”).
 
Pazienza, pur avendo macinato parecchi km nel mese di dicembre, pago sicuramente una giornata storta (aihmè capita ogni tanto!) e la mancanza di allenamenti specifici sui ritmi gara: dovrò quindi porvi rimedio nel corso delle prossime settimane in vista della mia prossima mezza (Lecco, 2 febbraio).
 In conclusione mi sembra doverosa una menzione per l’ottima organizzazione della società Runners Bergamo con precise segnalazioni lungo il percorso ed un ottimo ristoro finale.

PAOLO ARDUINI                                      CLASSIFICHE

martedì 7 gennaio 2014

CAMPACCIO CROSS COUNTRY: VINCONO ALBERT ROP E HIWOT AYALEW. MICHELE FONTANA tra i migliori.

UOMINI - Senza alcuna vera concorrenza italiana ed europea sono gli atleti degli altopiani a dettare legge fin dall’inizio. Nei 10 chilometri, cinque giri, fin dalle prime battute gli africani alzano il ritmo con il vincitore Albert Rop che va in testa e corre già il primo chilometro in 2’49”. Comunque gruppo compatto con tutti e sei (Rop-Korir-Merga-kipkemoi-Kipruto e Birech) a darsi battaglia con notevole distacco sugli inseguitori. Nell’ultimo giro volata finale con Rop che all’ingresso nel campo risulta essere il più brillante fino a vincere con un paio di metri di distacco sul campione del mondo keniano Japhet Korir in 28’19” a soli 4” dal magico tempo di 28’15” segnato da Joseph Ebuya nel 2011. Prima volta del Barhein nel prestigioso Albo d’oro del Campaccio: “Oggi avevo avversari davvero forti – ha commentato Rop - E’ stata una gara dura, ho provato a staccarli fin dai primi metri andando in testa e forzando il ritmo ma non ci sono riuscito. Ho tenuto così tutte le energie per lo sprint finale dell’ultimo giro. Ora punto ai 3000metri dei mondiali indoor”. Terzo posto per il campione mondiale di cross del 2011 Imane Merga in 28’25”.

 GLI ITALIANI - Primo italiano al settimo posto con un discreto Jamel Chatbi (Atl. Riccardi Milano) che chiude in 29’53”: “Sono partito bene e ho tentato di tenerli fino al secondo giro, anche se poi ho pagato il ritmo troppo elevato. Dopodiché mi sono assestato sulle mie capacità fino alla fine. Speravo di battere almeno uno di questi fenomeni dell’Africa ma non ci sono riuscito. Un po’ di rammarico per questo”. Tra gli altri italiani bravo il lecchese Michele Fontana (Aeronautica), nono in 30’04”: “Volevo confermare quanto di bello avevo fatto con l’ottavo posto agli europei under 23 di dicembre. Ci sono riuscito, ora sono cresciuto soprattutto nella convinzione di essere un atleta ormai seniores e nella gestione della gara. Sento di essere maturato. Certo che là davanti sono davvero extra-terrestri”. Gianmarco Buttazzo (Atl. Casone Noceto) entra nei primi dieci in 30’32”: “E’ stato un buon test, punto a confermare il 16 febbraio alla Giulietta&Romeo Half Marathon il titolo italiano di maratonina. Mi trovo meglio su strada perché ho problemi ad una caviglia che nei campi mi debilita parecchio. Però sono soddisfatto”.

 DONNE –Era la favorita e la vicecampionessa del mondo di cross e non ha deluso. L’etiope Hiwot Ayalew segna nei 3 giri (6km), un super 18’59” finale, crono assai più veloce del 19’26” precedente record degli ultimi cinque anni. Un meraviglioso quartetto si è scatenato fin dall’inizio composto dalla stessa Ayalew, dalla Teferi (seconda in 19’06”), da Linet Masai (terza in 19’09”) e Mimi Belete (quarta in 19’17”) che si sono studiate e rincorse fino all’allungo decisivo dell’ultimo giro. “Dedico questa vittoria a mio marito che è un maratoneta –ha detto a fine gara la 23enne Ayalew – Ho iniziato a correre nel 2009 a scuola e mi sono subito appassionata. E’ stata una gara difficile, su un percorso impegnativo, con tante curve e saliscendi. Ora punto a migliorare il mio primato sui 3000 siepi”. Prima italiana Fatna Maraoui (Esercito) in ottava posizione in 20’36” davanti a Layla Soufyane (Esercito), decima in 20’39”. Un plauso ad Alice Gaggi (Runner Team 99) campionessa del mondo di corsa in montagna che ha terminato undicesima in 20’58”.
                                                   CLASSIFICHE                FOTO

domenica 5 gennaio 2014

BIS DI BALDACCINI E MORLINI ALLA 41.a CIASPOLADA VINCONO AL FESTIVAL DELLA NEVE A PASSO MENDOLA

FONDO (VAL DI NON - TRENTINO), 5 GENNAIO 2014 - Sono il bergamasco Alex Baldaccini e l’emilianaIsabella Morlini, i vincitori della 41.a Ciaspolada la corsa internazionale con racchette da neve disputata a passo Mendola, in Trentino, con la via 5.300 concorrenti di dieci nazioni. Entrambi si erano aggiudicati la scorsa edizione quando la regina delle competizioni popolari sulla neve d’Italia assegnava il titolo Mondiale della specialità.
Si è gareggiato sotto una fitta quanto piacevole nevicata lungo un tracciato di sette chilometri che si snodava tra le splendide abetaie che caratterizzano questo piccolo angolo di paradiso in Alta val di Non. Sul percorso che aveva ospitato La Ciaspolada sino a dodici anni fa. E il revival è stato un grande successo apprezzato da tutti i concorrenti.
Baldaccini ha fatto valere subito le proprie doti di scalatore ed ha subito sgranato il gruppo dei migliori. Dopo alcune centinaia di metri è balzato al comando ed ha concluso solitario. Alle sue spalle si è scatenata la bagarre per le posizioni di rincalzo sul podio dove sono saliti altri due specialisti italiani se pur dal nome straniero: argento a Richard Stephane e bronzo a Gerd Frick. Con loro anche Alessandro Rambaldini,Antonello Landi, il veneto Filippo Barizza (vincitore del titolo tricolore Libertas), l’altro bellunese Claudio Cassi (già vincitore nel 2009) quindi Bruno Freundenreich, il cadorino Francesco Duca e il trentino AndreaDebiasi. Tra le curiosità vi è il 15/o posto del religioso trentino Don Franco Torresani, specialista delle corse di montagna e già soprannominato il “parroco volante” perché grande appassionato di atletica leggera dove ha ottenuto lusinghieri risultati. Ha preceduto l’altro trentino Antonio Molinari, per tre volte trionfatore a La Ciaspolada (2000, 2001 e 2002), per due volte a Passo Mendola.
Più combattuta è risultata la gara femminile. Isabella Morlini ha a lungo combattuto con la spagnola Laia Trais Andreu. E’ anche rimasta in seconda posizione a controllare la rivale. Il tracciato decisamente più impegnativo rispetto a quello solito da Romeno a Fondo, lungo i cosiddetti Pradei della Val di Non, ha infatti consigliato le atlete a mantenere un ritmo di gara più tranquillo. Nel finale è però emersa nettamente la classe e la maggiore vigoria fisica della campionessa mondiale che ora può guardare con rinnovata fiducia alla prossima sfida iridata prevista a fine gennaio in Svezia. Il bronzo è andato alla trentina Ljudmila Di Bert.
Al nono posto ha chiuso la piemontese Valeria Straneo all’esordio con le ciaspole. Per l’azzurra di atletica leggera - già argento in Maratona agli ultimi mondiali di Mosca 2013 e oro ai Giochi del Mediterraneo 2012 – si è trattato di un esordio positivo. “Certamente da ripetere” il suo commento. Esile, la campionessa di Alessandria richiama nella stazza fisica quella della campionessa di sci nordico e sua conterranea Stefania Belmondo, Valeria Straneo ha pagato pegno nella salita iniziale della gara che certamente non si confaceva alle sue caratteristiche di gara. Ai piedi del podio l’altra spagnola Ragna Debats, la toscana Annalaura Mugno, Laura Miclio e Sara Bottarelli. Per le atlete del Trentino da segnalare l’ottavo posto di Mirella Bergamo e il decimo di Lara Torresani. Al 13/o posto Chiara Manfredini prima delle atlete Libertas e quindi neo campionessa italiana dell’ente.
Testimonial della 41.a Ciaspolada sono stati Filippo Lanza (schiacciatore della nazionale italiana di volley e della Diatec Trentino campione del Mondo) e la cantante Alice Mondìa, che interpreta il motivo Run inno ufficiale della gara. Entrambi felici della nuova e piacevolissima esperienza.

                            CLASSIFICA ASSOLUTA MASCHILE E FEMMINILE