lunedì 30 gennaio 2012

15° TROFEO DELLA BOSCA Le foto

       

Campionati italiani di corsa campestre, Borgo Valsugana (TN) 29 gennaio 2012

Borgo Valsugana (TN) domenica 29 gennaio u.s. è stata teatro dei Campionati italiani individuail di corsa corsa campestre 2012, una delle principali manifestazioni istituzionali della Fidal. A vincere il tricolore i migliori crosser del momento: l'esperto Gabriele De Nard (Fiamme Gialle) tra gli uomini, Silvia Weissteiner (C.S. Forestale) tra le donne, Veronica Inglese (Esercito) e Michele Fontana (Aeronautica) tra le promese, Maria Virginia Abate (Camelot) Yassine Rachik (Cento Torri Pavia) tra gli junior, Alice Rita Cocco (CUS Sassari) e Yemaneberhan Crippa (G.s. Valsugana Trentino) tra gli allievi.
Ottime le prestazioni dei valtellinesi in gara, in particolare per i morbegnesi Alessandro Ruffoni (CUS Pro Patria Milano) e Alice Gaggi (Runner Team 99 SBV) che hanno conquistato entrambi un prestigioso 10° posto. Da citare anche il 55° posto dell'ardennese Francesco Della Torre (G.S. Orobie). In gara anche le due giovani stelle del G.S. Valgerola Ciapparelli Alessia Zecca e Sara Lhansour: entrambe sono giunte 15^ al traguardo, la prima nelle allieve e la seconda nelle junior.
Nella gara di contorno riservata alle categorie master 27° Donato Gaggi (G.S. Valgerola Ciapparelli).
Foto di Sandro Marongiu                           Classifiche

       

domenica 29 gennaio 2012

15° CROSS DELLA BOSCA: G.S. CSI MORBEGNO PIGLIA TUTTO

Il G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino festeggia la 15ª edizione del Cross della Bosca, gara regionale di corsa campestre svoltasi domenica 29 gennaio 2012 nella frazione di Campovico, nel migliore dei modi: la neve caduta durante la notte ha imbiancato il percorso allestito all’interno del Parco della Bosca rendendolo ancora più suggestivo e l’organizzazione ha dato l’ennesima prova di efficienza accogliendo nel migliore dei modi i 400 partecipanti e distribuendo a tutti il premio partecipazione. Ciliegina sulla torna la miriade di successi ottenuti dai diavoli rossi, ben 105 in gara, a partire dalle classifiche di società: vittoria del Trofeo AVIS Morbegno con 1049 punti davanti a G.P. Valchiavenna (745 punti) e G.S. Valgerola Ciapparelli (664 punti) e del Criterium Regionale di Società Master con 696 punti davanti a G.S. Valgerola Ciapparelli (687 punti) e G.P. Talamona Comosystemi Malugani (685 punti). Ovviamente soddisfatto il presidente del G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino Giovanni Ruffoni:”Nonostante la nevica il percorso era perfetto e la partecipazione è stata ottima. Un grazie a tutte le società e agli atleti, ai giudici di gara, alla Protezione Civile sezione di Morbegno, all’AVIS e all’AIDO di Morbegno, al Comune di Morbegno, al Parco della Bosca, alla Reale Mutua Assicurazioni, al Colorificio Stella Alpina, all’Industria Vernici Colori, a Rovagnati Carni, ad Autotorino e al Credito Valtellinese, oltre ai numerosi volontari coinvolti”.

Ad aprire le danze le categorie femminili dalle junior in su impegnate sui 4 km. Le prime tre a tagliare il traguardo sono tutte bianco-rosse: Maura Trotti vincitrice nelle senior in 16’57”, Cinzia Zugnoni vincitrice nelle master 40 in 17’28” e Michela Trotti vincitrice nelle master 50 in 18’01”; prima junior Alessia Tagliaferri (Atletica Lecco Colombo Costruzioni), prima promessa Letizia Rasica (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) e vincitrice nelle amatori Sara De Angelis (ADM Melavì Ponte). La gara clou maschile di 6 km ha visto subito al comando il terzetto composto dai morbegnesi Marco Leoni e Francesco Peyronel e dal lariano Fabio Ruga (La Recastello Radici Group). Nell’ultimo dei tre giri previsti Leoni ha allungato salutando i compagni di fuga e andando a vincere con il tempo di 20’55”, primo delle promesse, alle sue spalle Fabio Ruga (20’58”) ed Enrico Benedetti (ADM Melavì Ponte) in 21’35” autore di un finale in progressione, cede un poco Francesco Peyronel (21’59”) che precede comunque il compagno di squadra Stefano Sansi (22’08”); primo master Enzo Vanotti (A.S. Lanzada) in 22’05” e primo junior Fabio Bulanti (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino). Via poi con le gare giovanili dove le vittorie sono andate a: Vittoria Colombi (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) e Alfredo Nana (A.S. Lanzada) negli esordienti m/f, Elisabetta Zuccoli (G.P. Valchiavenna) e Matteo Masolini (G.P. Valchiavenna) nei ragazzi/e, Eleonora Fascendini (G.P. Valchiavenna) e Leonardo Baldazzi (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) nei cadetti/e, Valentina Duca (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) e Andrea Della Rodolfa (A.S. Lanzada) negli allievi/e.

Ecco tutti i vincitori delle categorie master: Michela Acquistapace (G.P. Santi Nuova Olonio) ed Enrico Gianoncelli (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) nei master 35, Cinzia Zugnoni (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) e Ivano Paragoni (G.P. Santi Nuova Olonio) nei master 40, Michela Trotti (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) e Michele Piombardi (G.S. Valgerola Ciapparelli) nei master 45, Donatella Rota (Polisportiva Pagnona) ed Enzo Vanotti (A.S. Lanzada) nei master 50, Elide Gusmeroli Campini (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) e Aurelio Verona (ADM Melavì Ponte) nei master 55, Zita Rogantini (G.P. Valchiavenna) e Luigi Campini (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) nei master 60, Costante Ciaponi (G.P. Talamona Comosystemi Malugani) nei master 65 e Pietro Frigeri (G.P. Talamona Comosystemi Malugani) nei master 70.

Per quanto riguarda il Campionato provinciale di società Fidal di corsa campestre 2012 – Trofeo Credito Valtellinese, quattro vittorie di settore per i padroni di casa del G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino (giovanile femminile, giovanile maschile, assoluto femminile e master) e una per il G.P. Valchiavenna che grazie soprattutto agli ottimi risultati nella categoria allievi ha vinto il settore assoluto maschile.
                        CLASSIFICHE                               A BREVE ONLINE TUTTE LE FOTO

venerdì 27 gennaio 2012

VITTORIO BRUMOTTI IN VALMALENCO

Vittorio Brumotti ha scelto ancora una volta la Valtellina per i suoi allenamenti e test, infatti domenica scorsa sulle piste di Chiesa in Valmalenco, il noto personaggio televisivo  con alcuni componenti   del suo staff, ha potuto testare diversi materiali che lo accompagneranno  nel  tentativo di raggiungere la vetta del tetto del mondo - il Monte Everest mt. 8.848.
Grazie all’organizzazione di Juri  Baruffaldi, in collaborazione  con la società impianti F.A.B. Funivie al Bernina di Chiesa in Valmalenco  e il Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco, 100% ABBOMBAZZA, ha testato 2 Bike con diverse geometrie sulle quali aveva già apportato delle modifiche dopo i primi test fatti ad agosto sul Monte Cevedale, testato  anche dei  nuovi pneumatici con  350 chiodi  e diverso  abbigliamento tecnico preparato appositamente per questo tipo di performance.
Brumotti, campione di bike trial, sette volte nel Guinness con imprese al limite, tenterà  nuovi record sul tetto del mondo.
Con questa incredibile sfida tenterà di superare ogni limite e conquistare nello stesso tempo 3 diversi World Record Guinness:
-          Scalare letteralmente con la bike alcuni tratti del monte Everest
-          Il primo uomo ad arrivare sul tetto del mondo con una bike
-          Una volta giunto in vetta tenterà di compiere il maggior numero di salti   con la ruota posteriore
A fine febbraio si stanno definendo una serie di nuovi test/allenamenti  sempre nella  nostra Provincia,  test definitivi in vista della partenza a fine marzo per l’Everest ….Che la Valmalenco gli porti bene!

mercoledì 25 gennaio 2012

15° CROSS DELLA BOSCA: DOMENICA 29 GENNAIO SI CORRE

Parte, con il 15° Cross della Bosca, l’attività di cross 2012 in provincia di Sondrio. Il Campionato provinciale di società Fidal di corsa campestre – Trofeo Credito Valtellinese comincia proprio con la prova morbegnese che verrà organizzata dal collaudato team del G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino domenica 29 gennaio 2012. Attesi al via, sul tecnico e muscolare tracciato allestito nel Parco della Bosca (frazione di Campovico – zona nord di Morbegno), 600 atleti provenienti da tutta la Lombardia poiché la gara è di livello regionale oltre che, per la prima volta, Criterium Regionale di società master. In palio, quindi, per le prime tre società master, le coppe della Fidal Lombardia per questo ambito Criterium. In più, alla prima società in assoluto, il Trofeo AVIS Morbegno, in virtù del proficuo e profondo gemellaggio tra CSI Morbegno e AVIS Morbegno. Il Cross della Bosca è valevole anche come seconda prova del Campionato provinciale CSI di atletica 2012 e prima prova del Trofeo giovanile Fidal Credito Valtellinese. “Eccoci anche quest’anno con il Cross della Bosca che ormai ha raggiunto la quindicesima edizione – ha dichiarato il presidente del G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino Giovanni Ruffoni – il percorso è quello ormai collaudato all’interno del Parco della Bosca”. “Anche quest’anno ci attendiamo numeri molto elevati – continua Ruffoni – per questo dobbiamo ringraziare gli sponsor e gli enti patrocinanti per il grande sostegno che ci permette di premiare tutti gli atleti, senza dimenticare i numerosi volontari coinvolti”. “Le gare saranno sicuramente agguerrite ed avvincenti – conclude Ruffoni – oltre alla vittoria come società – porteremo infatti 130/140 atleti in gara con la maglia del CSI Morbegno – puntiamo anche a diversi podi individuali: Marco Leoni e Maura Trotti nei senior sono in gran forma, così come Michela Trotti, Cinzia Zugnoni ed Elide Campini nelle master, ma non dimentichiamo poi i nostri validissimi giovani come Fabio Bulanti, Daniele Frate, Leonardo Baldazzi, Gabriele Cresta e Simone Tarchini, Beatrice Seidita, Valentina Duca, Ilaria Abate e Stefania Bulanti. La concorrenza sicuramente non mancherà, soprattutto dalle società locali come G.P. Valchiavenna, A.S. Lanzada, G.S. Valgerola e G.P. Talamona”.

Verranno allestiti tre percorsi: uno piccolo da 800 metri, uno medio da 1250 metri e uno grande da 2000 metri con partenza e arrivo al Campo sportivo di Campovico.

Il ritrovo è fissato per le ore 8.00 ed il via alle gare avverrà alle 9.30. Prime a correre le categorie femminili (junior, promesse, senior, amatori, master) impegnate sui 4 km, a seguire gli uomini (junior, promesse, senior, amatori, master) sui 6 km. Questi ultimi, qualora fossero più di 200 gli iscritti, verranno fatti partire in due gruppi: prima i master 45 e oltre, poi i master 35, 40, junior, promesse, senior e amatori. Alle 11.30 si parte con le gare giovanili: prima gli esordienti B/C (400 metri), poi gli esordienti A (800 metri), a seguire ragazzi/e (1250 metri), cadette (2000 metri), cadetti e allieve (2500 metri), allievi (4000 metri). Le iscrizioni vanno effettuate via fax (0342/637225) o via mail (info@gscsimorbegno.org) entro le ore 20.00 di venerdì 27 gennaio. La quota di iscrizione è fissata in 3,00 euro per le categorie assolute e master, mentre è gratuita per il settore giovanile. Verranno premiati i primi cinque classificati delle categorie giovanili ed i primi tre di tutte le altre categorie. Premio ricordo a tutti gli atleti partecipanti e coppa alle prime tre società: alla vincitrice il Trofeo AVIS Morbegno. Le premiazioni verranno effettuate al termine delle gare in zona arrivo. La manifestazione è patrocinata dal Comune di Morbegno e dal Parco della Bosca e si svolge sotto l’egida Fidal e CSI. Sponsor ufficiali: AVIS Morbegno, Reale Mutua Assicurazioni Agenzia di Morbegno, Colorificio Stella Alpina di Cornaggia, Industrie Vernici Colori, Rovagnati Carni, Gruppo Autotorino, Credito Valtellinese. Per informazioni: tel/fax 0342/637225, cell. 333/3902190, e-mail info@gscsimorbegno.org e sito internet www.gscsimorbegno.org. Durante la manifestazione funzionerà un servizio ristoro con panini e bibite.

martedì 24 gennaio 2012

SLANON GIGANTE PER GLI SUDENTI DELL'ITIS E.MATTEI DI SONDRIO

Ottima giornata, un sole splendido e la neve fantastica: sono questi gli aspetti che hanno fatto da contorno alla “giornata sulla neve”, proposta per il 18 gennaio 2012, per i ragazzi dell'istituto ITIS “E. Mattei” di Sondrio, scortati delle professoresse Negri e Cusini presso il comprensorio sciistico dell'Aprica, partendo dalla località Palabione.
Gli studenti si sono dilettati nella prova dello Slalom Gigante, ognuno secondo la propria specialità (Sci o Snowboard) conseguendo risultati eccellenti. Le prove, organizzate e coordinate grazie alla Scuola Italiana Sci e Snow dell'Aprica, si sono potute svolgere al meglio, lungo la pista “Medici” preparata ad hoc per l'occasione.
Dal cancelletto di partenza sono stanti 126 i via, ma solo i primi tre per lo sci e i primi 5 della gara di snowboard, potranno partecipare alla fase provinciale che si disputerà invece presso la Skii Area della Valmalenco in località Palù.
Di seguito, le classifiche per categorie e specialità, dei ragazzi che si sono distinti conquistando il podio.
SCI:
Allievi F
  1. GAZZI Luaura
  2. GIORDANI Ester
  3. BERTINI Arianna
Allievi M
  1. NEGRINI Francesco
  2. SANNA Emanuele
  3. DAMIANI Paolo
Juniores F
  1. DELLA MARIANNA Silvia
  2. CONFORTOLA Giada
Juniores M
  1. DELLA MORETTA Marco
  2. LENATTI Gianluca
  3. SCHERINI Alex
SNOWBOARD:

Allievi F
  1. LENATTI Martina
Allievi M
  1. BORMOLINI Roberto
  2. SALVAGNI Simone
  3. TOGNINI Kevin
  4. COTTARELLI Simone
  5. TUIA Denis
Juniores M
  1. GIANOLA Davide
  2. CICOLARI Stefano
  3. TAVASCI Luca
  4. BARRI Dario
Dopo le gara, tutti gli alunni hanno potuto godersi al meglio la giornata, chi sfruttando le piste del comprensorio raggiungendo anche lo ski-lift di Colle Pasò (2300 mt.) e chi invece rissandosi al sole o presso le strutture di ristorazione, le quali in collaborazione con la scuola, hanno proposto un menù a prezzo fisso per gli studenti.Francesco Lietti (2D ITIS)

lunedì 23 gennaio 2012

FABIO SANTUS CONQUISTA LA DOLOMITENLAUF…ED È LA TERZA VOLTA!

Il tris consecutivo di Fabio Santus alla DolomitenLauf di Lienz in Austria è una impresa storica, e dopo il successo di ieri nella gara austriaca conquista anche la leadership della classifica della FIS Marathon Cup.
Così domenica prossima dalla piana di Moena il capitano della Nazionale Lunghe Distanze partirà con il pettorale rosso alla conquista di altri punti alla Marcialonga.

«E con questa fanno tre». Con la mano indica il numero tre, e se fosse tifoso interista ci affiancherebbe l’espressione “triplete”, ma Fabio Santus è bergamasco fino in fondo, e non tradirebbe mai l’Atalanta, neppure di fronte alla terza vittoria di fila nella DolomitenLauf, la seconda prova della FIS Marathon Cup 2012.
Ma questa volta, a differenza delle edizioni 2010 e 2011, non è stata facile per il capitano della Nazionale Lunghe Distanze: «La gara la si gioca sempre nell’ultimo chilometro, quando il tracciato ti porta nella spianata e lì devi andare a tutta – commenta a caldo il carabiniere di Gromo – e così ho fatto: sono passato in testa e non mi sono mai girato per vedere chi avessi sulle code, solo a pochi metri dall’arrivo mi sono accorto che sulla mia destra rinveniva Ivanou e ce la siamo giocata allo sprint. Evidentemente la mia spaccata è stata più efficace della sua».
Ma sarebbe riduttivo concentrare 42 chilometri di gara in un resoconto di uno sprint, perché la gara ha vissuto momenti esaltanti in particolare a metà tracciato con la fuga dello svizzero Toni Livers, che confermando il significato inglese del suo cognome ha proprio avuto fegato per cercare la vittoria con una partenza da lontano.
«Quando ho visto Livers allungare mi sono messo davanti per ricucire lo strappo e in quella occasione abbiamo allungato il gruppo facendo un po’ di selezione» ha aggiunto Santus, come a dire che il padrone della corsa oggi era lui, nonostante al mattino non fosse ottimista sull’esito della gara: «Quando vedi vecchie volpi di atleti da Coppa del Mondo trasferirsi nelle granfondo, non c’è mai da stare tranquilli».
La conferma del protagonismo azzurro alla DolomitenLauf arriva anche da Aliaksei Ivanou: «Nell’ultimo chilometro ero circondato da italiani, erano ovunque e mi sembrava di essere in una gara sprint con tantissimi contatti – ha commentato il bielorusso e ho resistito perché ci tenevo a salire sul podio: lo scorso anno mi era sfuggito per solo due secondi». Terzo posto per il tedesco Tim Tscharnke.
Buona la prestazione degli altri azzurri: Sergio Bonaldi all’ottavo posto e subito dietro Simone Paredi, a cinque secondi dal capitano. Bene anche Florian Kostner al dodicesimo posto.
Tra le donne Antonella Confortola ha chiuso al sesto posto davanti a Stephanie Santer, nella gara che ha visto la vittoria dell’ucraina Valentina Shevchenko sulla rossocrociata Seraina Boner e sull’altra svizzera Selina Gasparin.
Con la vittoria di oggi Fabio Santus è il nuovo leader della FIS Marathon Cup 2012, mentre tra le donne la norvegese Sara Svendsen e Valentian Shevchenko dovranno condividere il pettorale rosso nella prossima gara: la Marcialonga di Fiemme e Fassa di domenica 29 gennaio
DolomitenLauf
Austria - 42 km FT
Classifica maschile1   Santus Fabio              1976     ITA       1:43:10,08
2   Ivanou Aliaksei         1980     BLR       1:43:10,09
3   Tscharnke Tim           1989     GER      1:43:10,77
8   Bonaldi Sergio           1978     ITA        1:43:15,88
9   Paredi Simone           1982     ITA        1:43:16,83
12 Kostner Florian          1979     ITA        1:43:19,15
23 Cattaneo Marco    1974     ITA        1:45:58,93
33 Zorzi Cristian              1972     ITA        1:48:44,96
Classifica femminile1 Shevchenko Valentina        1975     UKR      1:50:27,48
2 Boner Seraina                         1982      SUI       1:51:41,42
3 Gasparin Selina                      1984     SUI        1:52:53,18
6 Confortola-W. Antonella     1975     ITA       1:54:58,17
7 Santer Stephanie                   1981     ITA       1:55:18,19
15 Valbusa Sabina                     1972    ITA        2:06:08,55

PIU` DI 500 ATLETI AL 42° CROSS DI MALNATE VITTORIE CON GIANLUCA NESOSSI E MATTEO MASOLINI

Il sole e una giornata quasi primaverile ha accolto più di 500 atleti nel 42° Cross di Malnate, gara organizzata in modo impeccabile dalla società Atletica Malnate con il patrocino del Comune, la collaborazione del Gruppo Alpini , la sezione Cai e l’aiuto della protezione civile e Gruppo Sos.Cross veloce e suggestivo, con passaggi all’ interno di una cascina, quasi a ricordare la famosa Cinque Mulini, che si svolgerà il prossimo 17 e 18 Marzo, hanno visto trionfare i giovani atleti soprattutto nella parte finale del percorso.
Trasferta vincente per il G.P. Valchiavenna che ha portato a casa due vittorie grazie a Gianluca Nesossi negli esordienti A e Matteo Masolini nei ragazzi 1999. Gioisce anche il G.P. Santi Nuova Olonio con il 2° posto di Elena Ambrosini nelle cadette 1998.
Pianeggiante e veloce il percorso con un suggestivo passaggio all’interno di una fattoria e arrivo nel campo sportivo di Malnate (VA). A livello di società, terzo posto per il G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino nella classifica femminile dietro al CUS Pro Patria Milano e al P.B.M. Bovisio Masciago, 9° il G.P. Valchiavenna e 35° il G.P. Santi Nuova Olonio; nella classifica maschile medaglia d’argento per i diavoli rossi alle spalle dell’imprendibile CUS Pro Patria Milano, 6° il team di Eugenio Panatti e 21° i ragazzi di Adriano Santi.
                                                          CLASSIFICHE

LA LOMBARDIA FESTEGGIA LA STAGIONE 2011 dell'ATLETICA LEGGERA

In una sala davvero gremita, sabato 21 gennaio u.s., al Crowne Plaza Hotel di San Donato Milanese, si è svolta l’annuale festa per la premiazione dell’attività agonistica 2011 dell’atletica lombarda. In apertura lo speaker Gianni Mauri,  la cui voce appassionata ha accompagnato la cerimonia,  ha voluto ricordare la prematura scomparsa del giovanissimo allievo Marco Gallo, promettente ostacolista dell’Atletica Monza, che ha segnato un grande vuoto, e del presidente della società Atl. Bolgare, nonché consigliere regionale, Pietro Guarneri mancato dopo una brevissima malattia.  Onori di casa fatti poi dal presidente della Fidal Lombardia Enzo Campi che si è soffermato sulle diverse problematiche che l’atletica, attualmente, sta vivendo. Campi ha ricordato, in merito alla decisione poco felice del CONI di voler chiudere i Comitati Provinciali, che la Lombardia ha numeri importanti nel movimento atletico: 14.000 tesserati presenti nel solo Comitato provinciale di Milano per fare solo un esempio. Numeri che in Italia può vantare la quinta regione! Il vero problema poi è rappresentato dalla carenza di infrastrutture con campi fatiscenti e difficoltà persino nel poter semplicemente lanciare un attrezzo. Infine, il Presidente, ha ricordato che il CRL distribuirà per l’anno corrente 138.000 euro sul territorio, notizia che ha suscitato uno scrosciante applauso tra i presenti. La parola è poi passata al presidente della Fidal Franco Arese il quale, ricordando che la Lombardia è il fiore all’occhiello dell’atletica, ha espresso l’appoggio di FIDAL nazionale nel non voler chiudere i Comitati Provinciali e ha altresì ricordato che è diventato difficile anche il reclutamento nella scuola ma che, nel momento di difficoltà, nonostante i tagli, bisogna fare squadra e andare avanti con le risorse a disposizione. In risposta a Franco Arese anche il Presidente del Coni Lombardia, l’ex cestista azzurro,  Pierluigi Marzorati che ha ribadito la gravità della situazione degli impianti nella nostra Regione ma ha sottolineato ancora che lo sport non deve fermarsi.  Si è inoltre complimentato per la coraggiosa risposta data economicamente dal CRL al territorio e la preziosa presenza, per il Coni Lombardia e l’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia della Fondazione Cariplo che sta attuando provvedimenti in favore del potenziamento dell’alfabetizzazione motoria nelle scuole primarie lombarde. Tra le tante autorità presenti Umberto Colli e Vittorio Pellegatta del gruppo Credito Valtellinese che da diversi anni offre il suo prezioso supporto all’attività regionale,  i tre consiglieri nazionali Pierluigi Migliorini, Franco Angelotti e Alessandro Castelli, Leo Siegel per l’assessorato allo sport Regione Lombardia e Lucia Fedegari dell’Ufficio Scolastico di Milano che ha premiato i vincitori delle fasi regionali dei Giochi Sportivi Studenteschi.
Nel festival delle premiazioni sono stati poi chiamati sul palco e applauditi oltre 100 atleti di tutte le categorie dai ragazzi ai master e poi i tecnici, in particolare con un premio speciale a Fernanda Morandi dell’OSA Saronno e Renato Cortinovis dell’US Scanzorosciate, i giudici, i dirigenti e le società che si sono particolarmente distinte per l’attività svolta ed i risultati conseguiti nel corso del 2011.   Clou della cerimonia la premiazione delle matricole azzurre da parte di Pierluigi Marzorati e degli atleti facenti parte del Progetto Talento Lombardia capitanata dal fiduciario tecnico, Grazia Vanni, la quale ha ringraziato sia Colli che Pellegatta del Credito Valtellinese,  che consegnavano i riconoscimenti ai giovani talenti, sia tutti i tecnici che da anni collaborano attivamente con il Comitato Regionale. Ospite non premiato ma applaudito con vigore Marco Vistalli, quattrocentista cresciuto nell’Atletica Bergamo 59 Creberg sotto le cure di Alberto Barbera. Un lombardo che guarda da vicino i Giochi di Londra 2012, un valido esempio per tutti i nostri giovani!

venerdì 20 gennaio 2012

FIS MARATHON CUP 2012:GLI AZZURRI DA SCHILPARIO PARTONO ALL’ATTACCO DI LIENZ

Risultati incoraggianti vengono dai Campionati Italiani Staffetta svoltisi ieri mattina a Schilpario (Bergamo) dove parte dei fondisti della nazionale di Lunghe Distanze sono stati impegnati con i rispettivi gruppi sportivi nella competizione riservata alle società. Buona la prestazione di Florian Kostner che conquista l’argento con i Carabinieri e stessa posizione per Antonella Confortola e Sabina Valbusa della Forestale.
Ora l’attenzione si sposta in Austria dove domenica si disputa la Dolomitenlauf, la prima prova in tecnica libera della FIS Marathon Cup in cui gli azzurri potranno dimostrare in luce le proprie qualità di scivolatori.
Tornano i Campionati Italiani di Sci di Fondo in alta Val Seriana, dove sono in corso di svolgimento i tricolori sulle nevi della pista Abeti di Schilpario. Apertura questa mattina con la prova a staffetta dove cinque atleti della Nazionale di Lunghe Distanze sono stati impegnati con i colori della società sportiva di appartenenza.
Ottima la prestazione del gardenese Florian Kostner che al lancio ha fatto segnare il miglior tempo nella squadra dei Carabinieri che hanno concluso al secondo posto, battuti solo dalla Fiamme Gialle composte dal quartetto Fulvio Scola, Giovanni Gullo, Roland Clara, Thomas Moriggl; terzo posto per il CS Forestale. In evidenza anche la seconda formazione dei Carabinieri che schieravano nel quartetto i “maratoneti” bergamaschi Bruno Carrara e Fabio Santus: per loro chiusura al quinto posto.
Sono salite sul podio anche due delle tre fondiste della Nazio nale Lunghe Distanze: le forestali Sabina Valbusa e Antonella Confortola hanno chiuso al secondo posto, battute solo dalla squadra dell’Esercito, e terzo gradino del podio per le Fiamme Gialle.
Classifiche complete all’indirizzo www.sciclubschilpario.it/assoluti_2012.html ; gli Assoluti di Schilpario proseguiranno sabato 21 gennaio con l’individuale a cronometro tecnica classica di 5 e 10 chilometri, e si concluderà domenica 22 gennaio 2012 con la prova ad inseguimento a tecnica libera di 10 e 15 chilometri, rispettivamente per donne e uomini.
Dalle nevi bergamasche emergono quindi ottimi segnali in vista del prosieguo della “coppa del mondo delle granfondo” previsto a Lienz la prossima domenica. La Dolomitenlauf, infatti, è pronta a ospitare la seconda gara della FIS Marathon Cup e gli azzurri in queste due settimane di pausa hanno approfittato per rifinire la preparazione per l’impegno austriaco che si presenta con una novità.
Infatti a causa dell’assenza di neve nel fondo valle di Lienz, la competizione è stata spostata a Obertilliach, paradiso dello sci di fondo: loc alità situata a 1.400 metri di quota, il tracciato ha le condizioni perfette per ospitare la Dolomitenlauf, ancorchè sul tracciato ridotto a 42 chilometri. Un anno fa lo spostamento a Obertilliach portò fortuna ai colori azzurri: Fabio Santus salì sul gradino più alto, seguito da Simone Paredi, e tra le donne Sabina Valbusa portò a casa il terzo posto.
Alla linea di partenza il team della Nazionale Lunghe Distanze sarà al completo: Fabio Santus, Marco Cattaneo, Bruno Carrara, Sergio Bonaldi, Simone Paredi, Cristian Zorzi e Florian Kostner tra gli uomini, Antonella Confortola, Stephanie Santer e Sabina Valbusa per le donne, affronteranno meno avversari rispetto a quelli di due settimane fa alla Jizerská  Padesatka. Alcuni atleti hanno infatti annunciato di volersi concentrare sulle gare in tecnica classica come il norvegese Joergen Auklan attualmente terzo nella classifica generale della FIS Marathon Cup con 60 punti dietro a Stanislav Rezac della Repubblica Ceca con 100 punti e lo svedese Jimmie Johnsson (80 punti), mentre per le donne l’estone Tatiana Mannima seconda alla Jizerská  Padesatka cercherà di guadagnare punti visto che la vincitrice della gara ceca, la norvegese Sara Svendsen non sarà presente al via.

mercoledì 18 gennaio 2012

DUE CAMPIONI DEL MONDO PER DYNAFIT

DYNAFIT, fornitore leader nel settore dello scialpinismo, rafforza il proprio team di atleti internazionali per la prossima stagione invernale. Nel 2012, oltre a Mireia Miró, un altro atleta di spicco, il 22enne spagnolo Marc Pinsach, entra a far parte del team. Pinsach è il favorito nelle competizioni internazionali di scialpinismo maschili, mentre la 22enne spagnola Mireia Miró è al momento la donna più veloce del mondo nelle categorie Ski Running e Alpine Running. Con questa collaborazione DYNAFIT sostiene non solo due atleti superlativi, ma anche due sportivi simpatici e motivati.
DYNAFIT, il fornitore leader nel settore dello scialpinismo, guadagna con Marc Pinsach un giovane atleta che comincia la nuova stagione sotto i migliori auspici: laureato in scienze motorie, vive in Francia, a Font Romeu, si allena sui Pirenei e nel 2011 ha vinto il suo primo titolo mondiale. La motivazione certo non gli manca: «Siamo attualmente a metà della stagione di preparazione e tra ottobre e novembre avevamo già all'attivo 50.000 metri di altitudine». L’atleta spagnolo si è prefisso alti traguardi e con l’attrezzatura DYNAFIT si sente ben equipaggiato; i suoi consigli per un buon allenamento «Metodo, intelligenza, costanza, duro lavoro e selezione attenta dei materiali».


Non è da meno Mireia Miró. La giovane atleta catalana ha infatti chiuso la passata stagione con un’impareggiabile serie di successi, sempre ai primi posti nelle competizioni di scialpinismo, è considerata un talento eccezionale nello sci come nell’arrampicata. Dopo aver vinto ben sette medaglie nel 2011, all’esordio nei campionati mondiali di scialpinismo, nell’ultima stagione Miró ha conquistato la vittoria finale nella Coppa del Mondo, con un impressionante balzo in avanti, utilizzando per la seconda stagione consecutiva l’attrezzatura DYNAFIT.
                                                       CONTINUA A LEGGERE QUI 

DRAMMA NEL MONDO ALPINISTICO E’ MORTO MARIO MERELLI

Mario Merelli, celebre alpinista bergamasco, è morto questa mattina intorno alle 8, dopo essere precipitato dal Redorta, sopra Valbondione.
Ancora incerta la dinamica della tragedia. Pare che al momento dell’incidente Merelli stesse scalando con l’ex presidente del Cai di Bergamo Paolo Valoti, col quale a fine anno aveva effettuato un concatenamento sulle Orobie.
Il suo corpo è stato già recuperato, con l’aiuto di un elicottero del 118.
Merelli, 49 anni, ha effettuato numerose ascensioni sulle principali montagne italiane ed europee, con importanti spedizioni extraeuropee e molti Ottomila conquistati tra cui l’Everest (2 volte), Makalu, Kangchenjunga, Gasherbrum I, Shisha Pangma, Annapurna, Broad Peak, Lhotse, Dhaulagiri.
Nato a Vertova il 2 luglio 1962, risiedeva a Lizzola, con la moglie sposata due anni fa.
Pubblichiamo una delle prime testimonianze uscite sulla rete, quella di Marco Confortola:

“Oggi, ho appreso la notizia dal mio caro amico Gnaro, della prematura scomparsa di Mario Merelli, forte alpinista Bergamasco di Lizzola. Di lui ho il ricordo della mia prima spedizione nel 2004 Everest/ K2 e successivamente nel 2005 al C.B. Dello Shisha Pagma, insieme ancora nel 2006 al C.B. Del Lhotse ed al colle Sud nel 2008, lui per la conquista del Lhotse e noi ( Gnaro , Miky Enzio ) per montare la stazione meteorologica CNR Colle Sud. Ci mancherai molto, per il tuo entusiasmo, per la tua bontà d’animo e per la passione che mettevi nella tua immensa voglia di scalare. Ti abbraccio forte Mario, con sincera amicizia Marco”.

martedì 17 gennaio 2012

18° Cross della Valcamonica Cross Corto Femminile

        

18° Cross della Valcamonica Cross Corto

         
                                                                       TUTTE LE FOTO QUI     

18° Cross della Valcamonica Cross Lungo Maschile

         
                                                                 FOTO CROSS LUNGO QUI

IL FRIESIAN TEAM BRILLA AI TRICOLORI DI WINTER TRIATHLON

Valgrisenche (AO) 17.01.2012 - Si è disputato domenica a Valgrisenche, dopo due anni di assenza, il Campionato Italiano di Winter Triathlon 2012. La gara - che prevedeva 5 chilometri di corsa a piedi, 8 chilometri in mountain bike e 7,5 chilometri di sci di fondo – si è svolta con partenza e arrivo da località Mondanges di Valgrisenche.
Le tre discipline sono state svolte rigorosamente sulla neve come da regolamento del winter triathlon, e questo è avvenuto grazie alle condizioni di neve ideali.
Ottime le prestazioni degli atleti del Friesian Team che hanno piazzato Alberto Comazzi al secondo posto seguito da Claudio Consagra, nella gara vinta dal pluricampione italiano Daniel Antonioli del CS Esercito. Un’altra medaglia d’argento è giunta nella gara femminile dove Federica Ferrari
si è arresa solo a Enrica Perico.La gara di domenica è stata valida anche come Campionato Italiano a Squadre: la somma dei tempi dei tre migliori atleti di ogni società sportiva iscritta (e affiliata alla FITRI) ha costituito la classifica del campionato. Secondo posto per il Friesian Team battuto solo dalla società organizzatrice Trisport Team.

Dopo la gara di domenica a Valgrisenche il calendario di Winter Triathlon prosegue raggiungendo il clou con i Campionati Europei di specialità, che il Friesian Team organizzerà il 3-4 marzo a Carcoforo in Val Sesia.
Classifica Campionati Italiani Assoluti
UOMINI
01 ANTONIOLI Daniel           C.S.ESERCITO                        57'30
02 COMAZZI Alberto              FRIESIANITEAM                     59'53
03 CONSAGRA Claudio       FRIESIANITEAM                  1:01'37
04 POLLA Walter                   TRIALTOADIGE                   1:01'44
05 GABARDO Davide           G.P.TRIATHLON                  1:02'16
06 CARETTA Gabriele          CUSTRENTOCTT                1:02'45
07 TANARA Francesco         FUMANETRIATHLON         1:03'02
08 JEANNEROD Yvan          TRISPORTSTEAM               1:03'17
09 LAMASTRA Giuseppe     TRISPORTSTEAM              1:04'32
10 ALLADIO Luca                 TRISPORTSTEAM               1:05'35

DONNE

01   PERICO Enrica                 TRISPORTSTEAM                     1:18'24
02   FERRARI Federica           FRIESIANITEAM                        1:24'18
03   LAMASTRA Giuliana       TRISPORTSTEAM                      1:28'54
04   VALSECCHI Stefania      TRITEAMBRIANZA                     1:28'59
05   REBECCHI Francesca    TRIATHLONCREMONAST        1:32'58
06   BETHAZ Stephanie         TRISPORTSTEAM                      1:34'35
07   VERGURA Carmela        TRISPORTSTEAM                      1:34'46
08   STAVLA Virna                  PADOVATRIATHLON                1:35'33
09   FERRUA Livia                  VALLEGESSOSPORT              1:37'29
10   GIBSON Beverly              ALBATRI                                       1:38'12
Per informazioni e iscrizioni: www.friesianteam.com

Losine - Campionato Regionale di Corsa Campestre - Juniores M-Cross lungo Femminile

      
     

lunedì 16 gennaio 2012

Losine Campionati Regionali di Corsa campestre ALLIEVI-ALLIEVE

        
                                                          FOTO ALLIEVI-ALLIEVE  QUI

CAMPIONATO REGIONALE INDIVIDUALE DI CORSA CAMPESTRE IN VALCAMONICA

              ARGENTO PER LHANSOUR, APPENA GIU’ DAL PODIO TROTTI, ZECCA, RUFFONI

Giornata importante, domenica 15 gennaio u.s., per l’atletica lombarda con il 18° Cross della Vallecamonica, prova valida per l’assegnazione dei titoli di campione regionale di corsa campestre 2012 categorie assolute (allievi, junior, promesse, senior).

Sull’impegnativo tracciato camuno si sono sfidati i migliori della regione e buone prove sono venute anche dagli atleti della provincia di Sondrio. Nel cross lungo femminile di 6 km vinto dall’atleta di casa Ilaria Bianchi, bravissima Maura Trotti (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) che ha conquistato il 4° posto. Stesso piazzamento per il morbegnese Alessandro Ruffoni (CUS Pro Patria Milano) nel cross lungo maschile di 10 km, seguito in 5ª posizione dal sondalino Massimiliano Zanaboni (Atletica Valli Bergamasche Leffe), 12° l’ardennese Francesco Della Torre (G.S. Orobie), 14° Stefano Sansi (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino), 22° Luca Sanna (ADM Melavì Ponte), 52° Giampaolo Ruffoni (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino). Nel cross corto maschile di 4 km bravo Marco Leoni (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) che ha conquistato il 6° posto assoluto (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino) a soli 6” dal podio e secondo nella sua categoria, 8° il talamonese Mattia Sottocornola (Atletica Lecco Colombo Costruzioni), 17° il compagno di squadra Andrea Denti, 28° Dario Tirinzoni (G.P. Valchiavenna), 39° il compagno di squadra Christian Nesossi, 67° l’altro bianco-blu Paolo Donà, 76° il presidente del G.P. Valchiavenna Eugenio Panatti. Nella gara juniores da citare il 26° posto di Nicolò Silvani, mentre nella gara in rosa bravissima Sara Lhansour (G.S. Valgerola Ciapparelli) a conquistare la medaglia d’argento., nella stessa gara 11ª la talamonese  Angelica Perlini. Nelle allieve, sui 3 km, Alessia Zecca (G.S. Valgerola Ciapparelli) non è riuscita, per un soffio, a salire sul gradino più basso del podio, 8ª Valentina Duca (G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino), 12ª Alessia Gini (G.P. Valchiavenna), 21ª e 35ª  le compagne di squadra Elisa Nesossi e Camilla Sani. Negli allievi 9° posto per Gabriele Masolini (G.P. Valchiavenna), seguito dai compagni di squadra Andrea Zoanni (13°), Raffaele Silvani (35°), Giacomo Geronimi (39°), Raffaele Sciucchetti (43°) e Ivan Scandolera (68°).

Nella classifica di società del Gran Premio Lombardia di corsa campestre uomini, dopo questa prima prova, il G.P. Valchiavenna è 10°, 21° il G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati Autotorino, 38° l’ADM Melavì Ponte. Nella classifica femminile 9° il G.S. Valgerola Ciapparelli, 13° il G.S. CSI Morbegno IVC Rovagnati, 15° il G.P. Valchiavenna.

domenica 15 gennaio 2012

18° CROSS DELLA VALCAMONICA Losine BS

           CAMPIONATI REGIONALI INDIVIDUALI ASSOLUTI DI CORSA CAMPESTRE
Tutti i Campioni Regionali di oggi e a breve 1000 foto di tutte le gare.

Oltre 20.000 spettatori al Parco Sempione di Milano per la Race in the City

Nella prima giornata della tappa milanese di Coppa del Mondo di sci nordico vincono due atleti scandinavi. Ma a trionfare è soprattutto il capoluogo lombardo, che ha risposto alla grande alla proposta degli organizzatori con il pubblico delle grandi occasioni. Domani giornata conclusiva con la gara a squadre e una sfida tra atleti disabili

Hanno vinto la svedese Ida Ingemarsdotter in campo femminile e il norvegese Eirk Brandsdal tra i maschi, ma il vero trionfatore della prima giornata della Race in The City, la tappa di Coppa del Mondo di sci nordico in corso di svolgimento al Parco Sempione, è stato il pubblico di Milano.
Più di 20.000 persone, secondo i dati forniti della Prefettura, che hanno gremito in ogni ordine di posto il bordo pista, facendo un tifo appassionato e rumoroso (non sono mancati i classici campanacci da montagna) per tutti gli atleti in gara. Cospicua la presenza di supporter provenienti dalle località montane di tutto l’arco alpino (dalla Val d’Aosta alle valli bergamasche, fino a quelli scesi dalle Dolomiti), ma numerosi anche i tifosi giunti a Milano anche dall’estero (scandinavi, svizzeri, sloveni) e soprattutto i milanesi, incuriositi dalla possibilità di vedere la neve… e soprattutto i campioni dello sci di fondo, fronteggiarsi in un contesto unico come il Castello Sforzesco e il Parco Sempione.
Dal punto di vista sportivo, ad avere la meglio in campo femminile è stata Ida Ingemarsdotter, atleta svedese, capace di spuntarla nello sprint finale nei confronti della statunitense Randall e della norvegese Falla. “Per me è stata una giornata particolare e non sempre fortunata. In semifinale, infatti, sono arrivata solo quarta e ho potuto partecipare alla finale solo grazie ai ripescaggi. Nella gara decisiva però, la sorte è girata dalla mia parte e sono riuscita ad esprimermi ai miei livelli abituali, vincendo una gara unica, in un’atmosfera incredibile. Mi è piaciuta tantissimo questa gara, mi è piaciuta la gente di Milano che ci ha sostenuto in modo caloroso… Sono felicissima di aver raccolto questa vittoria in questa atmosfera” ha commentato la svedese. Male le ragazze italiane nella gara sprint femminile, con Gaia Vuerich (quindicesima) ed Elisa Brocard (ventitreesima) eliminate già nei quarti di finale.
I portacolori azzurri hanno fatto meglio, non riuscendo comunque a raggiungere la finalissima, in campo maschile. La gara è stata vinta a sorpresa dal norvegese Eirik Brandsdal, capace di bruciare sul rettilineo d’arrivo il tedesco Josef Wenzl e lo svedese Teodor Peterson. “E’ la mia prima vittoria stagionale – ha spiegato Brandsdal -, io stesso mi sono stupito di questo risultato. Ma è il frutto di un duro periodo di allenamento e di sacrifici che mi hanno finalmente portato a raggiungere quei risultati che finora mi erano sfuggiti”. Il migliore degli italiani è stato Fulvio Scola, ottavo ed escluso in semifinale solo a causa della rottura di un bastoncino in partenza che gli ha fatto perdere secondi preziosi. Nei primi dieci anche Federico Pellegrino e Renato Pasini, che domani correranno in coppia la gara a squadre. “Ho commesso un piccolo errore prima del finale e l’ho pagata cara, ma sono certo di poter fare una grande gara domani insieme ai miei compagni di squadra – ha dichiarato Pellegrino -. Mi spiace soprattutto per il bellissimo pubblico di Milano che ci ha dato una carica incredibile e che avrebbe meritato da noi almeno una finale. Qualcuno dice che queste gare andrebbero disputate solo in montagna… ma quando mai avremmo visto così tanta gente ad esempio nella mia Valle d’Aosta…”.
Soddisfatto il presidente del Comitato Organizzatore della Race in The City Maurizio Dallocchio che ha dichiarato: “Nemmeno nelle nostre più rosee aspettative ci saremmo aspettati di vedere tanta gente al Parco Sempione. Milano ha fame di questo sport e, a giudicare dai primi commenti degli sciatori e della Federazione Internazionale, anche il circo bianco è innamorato di Milano. Fino a questo momento l’organizzazione è stata impeccabile, speriamo di mantenere questi livelli fino in fondo… E anche negli anni a venire”.
Nel pomeriggio, nell’ambito delle manifestazioni collaterale della Race in The City, si è tenuto anche il convegno “Lombardia, una destinazione sciistica accessibile”. Il simposio, organizzato in collaborazione con Inail SuperAbile e l’assessorato alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale della Regione Lombardia, con Enel e Amplifon, ha illustrato quanto le attività sportive possano aiutare le persone diversamente abili nella socializzazione. Nel corso del convengo è stata, tra l’altro presentata una ricerca sulla Lombardia e le sue montagne, dotate di strutture attrezzate a consentire lo sci alle persone con disabilità. Sono intervenuti tra gli altri, Gian Paolo Sassi, commissario straordinario Inail, Pierangelo Santelli, presidente del Comitato Paralimpico Regionale Lombardo e Giorgio Bolco, presidente del Csi Lombardia.
 

venerdì 13 gennaio 2012

DOLOMITI NORDICSKI:LE GRANFONDO RADDOPPIANO

Gran parte delle maratone nordiche offrono un doppio programma nel weekend con due gare per le due tecniche e su diverse distanze: una soluzione per accontentare una clientela sempre più ampia, da chi occupa le prime posizioni nella classifica delle gare a chi si vuole avvicinare al mondo dell’agonismo amatoriale.
Un tempo era solo la domenica la giornata deputata alle gare, oggi tutte le maratone nordiche offrono un’altra possibilità di gareggiare con la prova del sabato.
Il prossimo weekend parte sulle nevi del comprensorio Dolomiti Nordicski la Pustertaler Ski-Marathon, la storica granfondo di sci nordico che negli ultimi anni si è sdoppiata. Nella giornata di sabato 14 gennaio si terrà la competizione sul tracciato di 28 chilometri in tecnica libera, con partenza da Dobbiaco e arrivo a Braies, mentre domenica 15 la gara percorre lo splendido e ampiamente collaudato percorso di 42 km da Dobbiaco a Sesto Pusteria, ma questa volta in tecnica classica (www.ski-marathon.com). Al via oltre mille fondisti provenienti da tutta Europa e tra loro anche le medaglie olimpiche Cristian Zorzi e Sabina Valbusa, oggi protagonisti della Nazionale Italiana Lunghe Distanze.
Il calendario gare proseguirà poi con la Dolomitenlauf, la marathon di Lienz che rappresenta l’Austria nel circuito mondiale delle granfondo, la Worldloppet. Prima tappa, di sola esibizione, venerdì 20 gennaio con la kermesse Dolomitensprint per poi passare il giorno successivo a Obertilliach dove si disputa la Dolomitenlauf Classic Race di 42 e 20 chilometri, ma il clou del weekend sarà domenica 22 gennaio con la 38° Dolomitenlauf a Lienz di 60 e 25 chilometri in tecnica libera (www.dolomitenlauf.at).

Il mese di febbraio 2012 si apre con la 35° edizione della granfondo Dobbiaco-Cortina con la gara di sabato 4 in tecnica classica da Fiames alla Nordic Arena di Dobbiaco pari a 30 chilometri, e quella del giorno successivo, la marathon di 42 chilometri da Dobbiaco al cuore di Cortina d’Ampezzo in tecnica libera (www.dobbiacocortina.org).

Da non perdere infine la Granfondo Val Casies che nel weekend del 18/19 febbraio offre una doppia competizione di 42 e 30 chilometri nelle due tecniche (www.valcasies.com).

Infine, anche se non raddoppia rappresenta sicuramente una forte manifestazione attrattiva la Moonlight Classic Marathon dell’Alpe di Siusi: una granfondo di sci di fondo al chiaro di luna. Infatti martedì 7 febbraio 2012 la luna piena accompagnerà 300 fondisti che scieranno (dotati di luce frontale) in una competizione unica nel suo genere con partenza alle ore 8, naturalmente della sera! (www.moonlightmarathon.info).

E per chi non vuole indossare il pettorale di gara? Beh, per loro Dolomiti Nordicski offre decine e decine di chilometri di piste preparate per le due tecniche, la classica nei binari e quella più libera a skating. In questo caso il punto di riferimento è il sito web ufficiale del comprensorio transnazionale dedicato allo sci di fondo: tutte le indicazioni della apertura piste sono disponibili in tempo reale sul sito del Dolomiti NordicSki all’indirizzo www.dolomitinordicski.com cliccando alla voce “piste” del menù.

Per maggiori informazioni: www.dolomitinordicski.com

mercoledì 11 gennaio 2012

LA NAZIONALE LUNGHE DISTANZE, IN ATTESA DELLA SFIDA DI LIENZ

Dopo la prova di apertura della FIS Marathon Cup 2012 con la Jizerská Padesátka di 50 chilometri a tecnica classica sulle nevi di Liberec della scorsa domenica, gli azzurri della Nazionale Italiana Lunghe Distanze stanno già pensando al prossimo appuntamento del calendario che li vedrà gareggiare domenica 22 gennaio a Lienz nella Dolomitenlauf. La gara si svolge a tecnica libera e per questa ragione gli italiani sono tra i favoriti tanto da essere chiamati a confermare il risultato di un anno fa che vide Fabio Santus primeggiare su Simone Paredi.

Intanto però i fondisti azzurri pensano al prossimo weekend come momento di rifinitura della preparazione in vista della gara austriaca, mantenendo alto i giri del motore partecipando ad altre manifestazioni nazionali.
Sabato 14 gennaio Cristian ZORZI con Sabina VALBUSA, Stephanie SANTER e probabilmente anche Antonella CONFORTOLA saranno al via della Pustertaler Ski Marathon di Dobbiaco, 28 chilometri a tecnica libera che vide vincitore il fassano delle Fiamme Gialle, Cristian Zorzi.
I due portacolori del CS Esercito Simone PAREDI e Sergio BONALDI, invece, misureranno lo stato di forma alla Monterosalauf di Gressoney, prova in linea di 30 chilometri a skating, mentre  Marco CATTANEO, Florian KOSTNER e i due carabinieri bergamaschi Bruno CARRARA e Fabio SANTUS faranno un breve periodo di scarico attivo, anche perché quest’ultimo sarà impegnato nella staffetta dei campionati italiani in programma a Schilpario venerdì 19 gennaio.
www.worldloppet.com