mercoledì 29 agosto 2012

28th World Mountain Running Championship Vallecamonica – Italia

Valentina Belotti
Un campionato del mondo da record, sul tracciato più bello mai disegnato per una rassegna iridata dedicata alla corsa in montagna. E’ questo il biglietto da visita della 28esima edizione del "World Mountain Running Championship", che si disputerà domenica 2 settembre in Alta Vallecamonica e che questo pomeriggio è stata presentata ufficialmente a Breno.

Nella sede della Comunità Montana di Vallecamonica sull’evento iridato è stato ufficialmente tolto il velo, in un primo atto tenuto a battesimo dalla stessa Comunità Montana attraverso le parole del suo presidente, Corrado Tomasi, dalla Regione Lombardia rappresentata dall’Assessore al Commercio ed al Turismo, la bresciana Margherita Peroni e dalla Provincia di Brescia, che ha inviato a Breno, l’assessore alla Sicurezza il camuno Mario Maisetti.

"Siamo orgogliosi di poter ospitare un evento così importante e che crediamo sia il giusto coronamento ad un impegno costante che la nostra valle ha sempre rivolto a questa disciplina – ha affermato nell’introdurre la conferenza il presidente della Comunità Montana, Corrado Tomasi e nel passare la parola al sindaco di Temù, Roberto Menici.     >>>CONTINUA A LEGGERE<<<

                                              ELENCO ISCRITTI

martedì 28 agosto 2012

Giro dei Laghi di Cancano 2012 La combinata e la Cancano Sprint

Podio Combinata di Stralivigno e Giro dei Laghi
La settima edizione del Giro dei Laghi di Cancano ha confermato la piccola prova sportiva riservata ai bambini ed ai ragazzi; ma soprattutto ha completato la ideale staffetta con la Stralivigno nella speciale "maratona divisa in due". Mezza maratona quella disputata a fine luglio sulle strade e sui sentieri di Livigno; "quasi" mezza maratona quella attorno ai Laghi di Cancano (accorciata per i problemi sul percorso). Un centinaio gli appassionati che hanno corso entrambe le prove e tra di loro alcuni dei protagonisti assoluti.
Come Ivana Iozzia, che si è imposta nel Piccolo Tibet centrando la quarta vittoria nella Stralivigno e che ha dominato la prova femminile anche a Cancano. A Livigno ha fermato il cronometro sul tempo di 1.28'55 mentre ha chiuso la prova di Cancano in 1.11'40. Secondo gradino del podio femminile per Giovanna Confortola, portacolori del Marathon Club Livigno. Sulle strade e sui sentieri di casa Giovanna ha sempre centrato il terzo gradino del podio, prestazioni che valgono la seconda posizione assoluta nella combinata con 1.42'30'' a Livigno e 1.21'19'' a Cancano. Al terzo posto nella combinata c'è Ilaria Zen, settima a Livigno e sesta nella prova di fine agosto a Cancano. Completano la classifica femminile Lorena Brusamento, Luisella Pedretti, Emanuela Zini, Maria Fabiola Scala, Paola Morich, Paola Lucchinetti, Gloria Passeri e Marilena Anna Campagnano.
Nella prova maschile, assente a Cancano il vincitore della Stralivigno Eshak Abrahm, ad aggiudicarsi la combinata è stato Said Boudalia, secondo nella gara livignasca in 1.19'27'' e per la terza volta primo al Giro dei Laghi con il tempo di 1.04'11''. Secondo posto nella "maratona divisa in due dell'Alta Valtellina" per Gianluigi Gigio Martinelli. Il portacolori del Marathon Club Livigno aveva chiuso in quarta posizione (1.22'58'') la prova sulle strade di casa ed a Cancano si è classificato in settima posizione (1.09'47''). Sul terzo gradino del podio sale il bormino dell'Adm Ponte Luca Sanna; quinto a Cancano con 1.09'17''aveva chiuso in 12^ posizione a Livigno con il tempo di 1.26'33''. Nella top 10 figurano nell'ordine Luca Gosatti, Alan Martinelli, Paolo Proserpio, Stefano Pini, Gianluca Grassi, Cristian Re e Raffaele Spechenhauser.

Un breve accenno anche alla manifestazione promozionale per i più piccoli. Non particolarmente numerosa la partecipazione (ma sono gli ultimi giorni di vacanza e molti bambini sono al mare prima dell'inizio delle scuole). In compenso cresce la qualità con ai nastri di partenza anche alcuni figli d'arte come Hisham Boudalia o noemi Righini (figlia di Ana Nanu) oltre ai giovanissimi di diverse società sportive giunte in Alta Valtellina per la manifestazione e decise a ritornare, magari per uno stage di preparazione allungato e per tutta la squadra.
Segnaliamo i vincitori delle varie categorie. Maura Osmetti e Jacopo Pusterla nella super baby; Ilaria Baruffaldi e Luca Adami nella baby; Noemi Gurini e Filippo Cusini nella cuccioli; Vittoria Cogilli e Lorenzo Baruffaldi nella esordienti; Laura Saligari e Belay Jacomelli tra i ragazzi; Stefano Carcano Tra i cadetti.

                                                                         CLASSIFICA COMBINATA
Armando Trabucchi
Ufficio Stampa US Bormiese - Direttore Bormio Sport

lunedì 27 agosto 2012

LA CORSA DEI PROMESSI SPOSI domenica 2 settembre

La manifestazione non competitiva a passo libero aperta a tutti denominata "La Corsa dei Promessi Sposi" si svolgerà a Olate (Lecco) domenica 2 settembre 2012 (con qualsiasi condizione meteorologica). Sono previsti due percorsi: “La passeggiata di Lucia” (di 4 km) e “La corsa di Renzo” (di 12 km). Il percorso di 4 km si svolge quasi interamente su asfalto per le vie dei rioni di Olate, Bonacina ed Acquate transitando per alcuni luoghi manzoniani (Casa di Lucia, Chiesa di Don Abbondio, Castello di Don Rodrigo e Salita dei Bravi). Il percorso di 12 km (con circa 700 m di dislivello in salita) si svolge su asfalto, terra battuta e sentieri (con tratti anche ripidi) nella zona boschiva sopra gli abitati di Olate, S. Giovanni, Bonacina e Acquate e transiterà per Montalbano, Monte Melma (914 m) e Ballabio.
L’iscrizione di € 5,00 (per entrambi i percorsi) comprende un buono pasto (piatto di lasagne + acqua) per la Lasagnata di Olate in Festa e un gadget offerto dagli sponsor. Il ritrovo è fissato presso l'Oratorio di Olate in via Bainsizza alle ore 14.30. C’è possibilità di parcheggio per le auto presso l’ampio piazzale di via Ugo Foscolo, nelle vicinanze del Cimitero di Castello.
La partenza della Corsa di Renzo è presso la Casa di Lucia ed è prevista per le ore 16.15 mentre quella della Passeggiata di Lucia è prevista per le ore 16.30.
Le preiscrizioni dei singoli e dei gruppi si effettueranno presso l’Oratorio a partire dal giorno lunedì 27 agosto, dalle ore 20.00 alle ore 23.00, durante “Olate in Festa”. E’ anche possibile fare la preiscrizione inviando un’e-mail agli indirizzi marco_tenderini@tin.it oppure riccardo.ghislanzoni@gmail.com con indicati nome, cognome, anno di nascita, scelta del percorso (4 o 12 km) ed eventuale nome del gruppo.
Ogni iscritto alla Passeggiata di Lucia riceverà un cartellino di partecipazione mentre ogni iscritto alla Corsa di Renzo riceverà un pettorale. I cartellini e i pettorali verranno consegnati domenica 2 settembre presso l'Oratorio, a partire dalle ore 14.30.
Le ultime iscrizioni potranno essere effettuate dalle ore 14.30 alle ore 15.45 di domenica 2 settembre presso l'Oratorio.
Sono previsti dei punti di ristoro lungo i due percorsi. E’ previsto inoltre un servizio di primo soccorso all’arrivo.
 La chiusura della manifestazione è prevista alle ore 19.15.
Sarà possibile usufruire dei servizi igienici e degli spogliatoi con doccia dell'Oratorio di Olate. E’ inoltre prevista una zona di deposito borse.
 Essendo la manifestazione non competitiva non sarà accettato nessun reclamo. Le premiazioni si svolgeranno in Oratorio dopo la cena (indicativamente alle ore 20.30).
Il responsabile della manifestazione è il sig. Marco Tenderini.
Per informazioni contattare Marco Tenderini (marco_tenderini@tin.it, cell. 347 7868772) o Riccardo Ghislanzoni (riccardo.ghislanzoni@gmail.com, cell. 333 1231792 ).
PERCORSI
Passeggiata di Lucia (4 km): PARTENZA Casa di Lucia – Chiesa di Olate – via Caldone – via Cernaia – via allo Zucco – via Luera – Chiesa di Bonacina – via Piloni fino al ponte degli Alpini – via Movedo – grotta di Lourdes – scalinata – via Conte Attilio – piazza Vittoria – Chiesa di Acquate – discesa dei Bravi – via Foscolo – via Fiume – via Bainsizza - Oratorio ARRIVO.
Corsa di Renzo (12 km): PARTENZA Casa di Lucia – Chiesa di Olate – via Caldone – via Cernaia – via allo Zucco – via Luera – via Gramsci – via Ca’ dei Gatti – sentiero – strada sterrata per Montalbano – sentiero n° 41 che sale al Monte Melma – Ballabio (zona industriale) – strada sterrata per il Passo del Lupo – Sant’Egidio – Prato Rubino – via Movedo – grotta di Lourdes – scalinata – via Conte Attilio – piazza Vittoria – Chiesa di Acquate – discesa dei Bravi – via Foscolo – via Fiume – via Bainsizza - Oratorio ARRIVO.
RICONOSCIMENTI Verranno premiati con premi in natura il 1°, 2° e 3° della categoria maschile e la 1^, 2^ e 3^ della categoria femminile della Corsa di Renzo (12 km). Alla famiglia più numerosa della Passeggiata di Lucia (4 km) verrà assegnata la prestigiosa "Raggera di Lucia" (che verrà consegnata durante la cena di venerdì 7 settembre). Per tutti i partecipanti alla manifestazione che saranno presenti alle premiazioni ci saranno numerosi premi a estrazione offerti dagli sponsor. RESPONSABILITA’ La volontaria iscrizione e partecipazione alla manifestazione è considerata tacita dichiarazione di autocertificazione di

domenica 26 agosto 2012

Giro dei Laghi di Cancano 2012

Giro dei Laghi di Cancano 2012 nel segno di Ivana Iozzia e Said Boudalia 400 i partecipanti alla manifestazione Ivana Iozzia e Said Boudalia mettono il loro sigillo sull'edizione 2012 del Giro dei Laghi di Cancano, la mezza maratona in quota che percorre le strade ed i sentieri attorno ai bacini idroelettrici A2A della vallata di Fraele. Per Ivana il bis nella corsa organizzata dakll'US Bormiese dopo la vittoria nel 2009; per Said è invece il terzo successo consecutivo in una gara che mostra di apprezzare in modo particolare.
L'edizione 2012 della mezza maratona di Cancano ricordava il compianto presidente di A2A. Al Marathon Club Alta Quota di Livigno è andato il Memorial a lui intitolato e assegnato alla società presente con il maggior numero di atleti.

Il maltempo ci ha messo lo zampino due volte nella manifestazione che chiude l'estate podistica dell'Alta Valtellina. Sicuramente ha frenato la partecipazione soprattutto per le manifestazioni di contorno. E poi ha costretto gli organizzatori a modificare il tracciato. Nel corso della notte precedente la gara, infatti, un violento temporale ha compromesso la praticabilità di un tratto del percorso disegnato "a 8" attorno ai bacini idroelettrici. L'organizzazione, poche ore prima del via della gara, ha preferito modificare il percorso riproponendo quello effettuato nella prima edizione, più corto di circa 1.500 metri rispetto alla distanza classica della mezza maratona.
Una decisione che non ha tolto nulla alla competizione al via della quale si è fatto vedere anche il sole che ha illuminato per intero la vallata ed ha accompagnato tutti i concorrenti sui vari percorsi. Complessivamente 400 i protagonisti della mezza maratona, della non competitiva, della camminata e del "mini Giro dei Laghi" riservato alle categorie giovanissimi. Presenza importante considerata anche la concomitanza di altre manifestazioni che hanno evidentemente frenato la partecipazione. Più che positiva la valutazione finale degli organizzatori.

Veniamo alla gara
La partenza è stata posizionata a ridosso della palazzina A2A di Cancano e da qui i concorrenti si sono avviati verso il lago delle Scale (la sua peculiarità è di non avere ne immissario, nè emissario) superato il quale hanno fatto ritorno verso il primo degli sbarramenti idroelettrici, quello di Cancano (che stavolta non è stato attraversato). Said Boudalia ha impresso sin dalle prime battute un ritmo molto deciso a cui hanno reistito nel primo tratto di gara Domenico Ricatti (Areonautica), Daniel Antonioli (Esercito), Mauro Marseletti (Asa Ascoli) e Michele Belluschi (Carate Brianza). Già all'altezza della prima diga il portacolori della Biotekna Marcon aveva accumulato mezzo minuto di vantaggio sui più immediati inseguitori. Vantaggio che era aumentato all'attraversamento della diga di San Giacomo dove il plotone dei 250 concorrenti iscritti alla prova Fidal erano ormai tutti sgranati. Il marocchino che parla veneto ha mantenuto il vantaggio (evitado la beffa della Stralivigno dove pure era andato via subito in solitaria per poi essere raggiunto e superato) ed ha tagliato il traguardo dopo 1.04'11''. Per il secondo gradino del podio anche quest'anno l'ha spuntata Domenico Ricatti che ha chiuso in 1.05'16'' mentre per il triatleta dell'Esercito originario della Valfurva, Daniel Antonioli, all'esordio al Giro dei Laghi, c'è il terzo posto a poco meno di 2' dal vincitore. Quarta posizione per Migidio Bourifa; il portacolori dell'atletica Alta Valbrembana ha recuperato nel finale una partenza non bruciante. Al suo fianco (ma fuori gara e impegnato in una sgambada di allenamento) ha corso anche il pluricampione del nmondo di corsa in montagna Marco De Gasperi. Quinta posizione assoluta per il portacolori dell'Adm Ponte Valtellina, il bormino Luca Sanna (primo dei valtellinesi); ha preceduto nell'ordine Michele Belluschi, Gianluigi Martinelli (Marathon Livigno), Massimiliano Strappato (Esercito Sport & Giovani), Mauro Marseletti e Luca Gosatti (Adm Ponte Valtellina).
Nella prova femminile netto (e riconosciuto dalle avversarie) il dominio di Ivana Iozzia. La portacolori della Corradini Rubiera (prima su queste strade nel 2009 quando venne per la prima volta messo a punto il percorso di mezza maratona) ha portato a termine la sua prova in nona posizione assoluta con il tempo di tutto rispetto di 1.11'40''. Per il secondo posto corsa solitaria di Ana Nanu, la dominatrice della Re Stelvio nelle ultime edizioni; per la rumena che corre per il GS Gabbi la piazza d'onore femminile vale la 37^ posizione assoluta a poco più di 7' dalla Iozzia. Il terzo Gradino del podio, confermando una gran bella stagione nelle gare di spicco dello Stelvio, di Livigno e di Cancano, è per Giovanna Confortola, la numero uno del Marathon Club Livigno. Quarto posto per la faentina Noemi Gizzi che ha preceduto Isabella Labonia dell'Atletica Presezzo. Nella prova non competitiva da segnalare le prestazioni di Luca Nascimbeni (1.13'47''), di Matteo Bradanini (1.21'17'') e di Manuel Mottini (1.24'20'').
Nelle classifiche di categoria si sono imposti Michele Belluschi (promesse), Michela Compagnoni e Domenico Ricatti (senior), Ivana Iozzia (mf35), Luisella Pedretti (mf40), Cinzia Maffeis (mf45), Carmen Belatroni (mf50), Eliana Del Maffeo (mf55), Stefano Pini (mm35), Said Boudalia (mm40), Venanzio Compagnoni (mm45), Gianluca Grassi (mm50), Camillo Selvetti (mm55), Mario Coter (mm60).
Numerosi anche i giovanissimi che hanno dato vita alla manifestazione a loro dedicata ed i cui risultati verranno proposti sul sito ufficiale accanto alla completa galleria di immagini

Hanno detto...
Ivana Iozzia - "E' uno spettacolo questa gara. Una cornice ambientale splendida ed un percorso che mi piace. C'ero stata quattro anni fa e son tornata per fare bene. Dopo alcune settimane di lavoro in quota mi sono trovata molto bene".
Ana Nanu - "A me piace correre, faccio tante gare anche in montagna, ma questo percorso è davvero affascinante e spettacolare. Oggi non avevo possibilità di competere con una Iozzia così in forma, ma sono comunque soddisfatta della mia prestazione che completa una serie di buoni risultati".
Giovanna Confortola - "Questo podio è davvero un grande risultato dopo quelli conquistati bnel corso della stagione. Mi piace il percorso e mi piace il clima che fa da contorno a questa gara".
Said Boudalia - "Ho corso sempre davanti ed ho cercato di fare il mio ritmo su un percorso che ho imparato a conoscere. Sono contento per aver centrato la terza vittoria in questa manifestazione e spero di poter continuare. Il percorso e lo scenario sono davvero molto belli per correre".
Domenico Ricatti - "Secondo anche quest'anno... Sono contento della mia prova, ma voglio tornare per provare a vincere questa mezza maratona. Una gran bella gara soprattutto per la situazione ambientale in cui è inserita".
Daniel Antonioli - "Non l'avevo mai fatto il giro dei laghi. Sono passato per una specie di visita parenti in questa valle dove ho le radici ed ho deciso di iscrivermi. Sono contento di un terzo posto che, all'esordio, è sicuramente un bel risultato. Spero di poter tornare, magari per fare il giro completo".
Alberto Rampa (presidente Fidal Sondrio) ha fatto la camminata: "complimenti all'organizzazione per un'altra bella prova dopo quelle già fornite con altre gare inserite nel calendario federale; mi auguro che il Giro dei Laghi possa crescere ulteriormente e che in valle si riesca a proporre un calendario senza più sovrapposizioni".
Pierluigi Spechenhauser (presidente Us Bormiese) - "Un grazie a tutti coloro che sono arrivati o tornati per partecipare a questa manifestazione. E' un'altra delle offerte sportive che la nostra associazione propone nell'arco di tutto l'anno il cui successo dipende non solo dalla fondamentale partecipazione degli atleti, ma anche da decisivo apporto delle decine di volontari che operano per la migliore organizzazione".

Un grazie da parte dell'organizzazione ad A2A, al Parco Nazionale dello Stelvio ed al Comune di Valdidentro (principali partner dell'US Bormiese nell'evento) ed alla serie di collaboratori e sostenitori per la preziosa collaborazione.

Armando Trabucchi                          CLASSIFICHE

sabato 25 agosto 2012

Corri di Notte, il 31 agosto a Sondrio


Partenza edizione 2011
Manca una  settimana all'appuntamento della 3^ edizione di CORRI DI NOTTE che vuole essere anche un momento di solidarietà a favore della onlus A.V.O.
 
Venerdi 31 Agosto con la collaborazione del 2002 Marathon Club e del suo Presidente Giorgio Gemmi, in concomitanza con la cena del palio delle contrade, prende il via alle ore 21.00 la terza edizione di Corri di notte. Corsa non competitiva di 6 km che si sviluppa nelle vie di Sondrio Vecchia in zona Z.T.L. su un anello di 1 km da ripetere 6 volte con partenza e arrivo in piazza Garibaldi. Il ricavato andrà a sostenere le attività della onlus A.V.O. di Sondrio.
Iscrizioni preferibilmente entro 27 agosto:
SPORTSIDE (Cino & Sabina) Via Tonale SONDRIO
THE END (Alberto) Via Cavallotti SONDRIO
ARREDOBAGNO GIANOLI (Diego) Via Colombaro SONDRIO
oppure tramite fax: 0342 050863 Info: 0039 3926000802 contributo: €. 5,00/persona
 

 

TROFEO SCACCABAROZZI 2012 - PASTURO (LC)“Sulle Grigne si assegnano i tricolori 2012 di SkyMarathon”


La Valsassina e le Grigne torneranno a vestire il tricolore, domenica 16 settembre, in occasione della 12ª edizione del Trofeo Scaccabarozzi. La spettacolare kermesse lecchese, che con una lunga cavalcata di 43km tra Grignetta e Grigna va a toccare i numerosi rifugi della zona, anche quest’anno sarà infatti chiamata a decretare i campioni nazionali Fisky (Federazione Italiana Skyrunning) nella specialità marathon.

Ennesima vetrina di prestigio per Paolo Bellavite e lo staff del Cai di Missaglia che in questi anni è riuscito a coinvolgere qualcosa come 25 associazioni della zona: «I volontari e un percorso di rara bellezza, che a suo tempo ci fu consigliato da esperti del calibro di Adriano Greco e Nico Invernizzi, sono da sempre la nostra forza – ha esordito il direttore gara Luigi Brambilla -. In questi anni questa gara, nata e voluta a ricordo dell’amico Giacomo Scaccabarozzi, è cresciuta nei numeri e nel livello. E se l’introduzione della mezza maratona ha dato la possibilità di mettersi in gioco sia ad atleti più giovani o a concorrenti provenienti da specialità affini come la corsa in montagna e l’orienteering, sul nostro tracciato principe (43km e 6400m di dislivello complessivo con i passaggi in Grignetta e Grignone) si sono via via confrontati campionissimi della specialità provenienti da tutte le parti del mondo». 

E se i big di caratura internazionale non mancheranno anche quest’anno, ai nastri di partenza sono attesi molti, moltissimi amatori: «Negli ultimi anni la specialità è molto cambiata portando alla ribalta una nuova generazione di concorrenti – ha continuato Brambilla -. Eccellenti corridori che però hanno difficoltà a muoversi sui terreni tecnici, quelli da vero skyrunning in stile Kima e Scaccabarozzi. La nostra fortuna è di avere due itinerari che assecondano le esigenze di tutti. Un primo da 21km molto corribile e ideale anche per neofiti, unito a quello mozzafiato che porta i veri corridori del cielo a godersi lo spettacolo unico che solo Grigna e Grignetta sanno regalare».   

E proprio in riferimento a quest’ultimo concetto, il Cai Missaglia ha in serbo una bella novità: «Nelle mission della nostra associazione vi è il portare la gente in montagna e visto che uno Scaccabarozzi senza vette non è degno di essere chiamato tale, si è pensato di omaggiare 5 euro di iscrizione ai concorrenti 2011 della lunga che, causa maltempo, si sono persi la visuale da cartolina delle nostre creste».

Da segnalare, anche un altro graditissimo ritorno: «Lo scorso anno la pioggia battente ha stravolto i nostri piani costringendo il comitato organizzatore alla cancellazione della prova giovani – ha concluso Luigi Brambilla -. Domenica 16, come nel 2010, tornerà quindi anche la staffetta dedicata ai talenti in erba della corsa in montagna; staffetta promossa in collaborazione con il CS Cortenova».
Ricordando che le iscrizioni all’edizione 2012 sono aperte, per ulteriori info sulle manifestazioni Skymarathon e Mezza Maratona è possibile visitare il sito www.caimissaglia.it

GIRO DEI LAGHI DI CANCANO - ISCRIZIONI PROSSIME A 500 " Elenco Iscritti"

Tutto è pronto, e le adesioni continuano, per l'edizione 2012 del Giro dei Laghi di Cancano, la mezza maratona in quota che domenica 26 agosto 2012 ricorderà con un premio speciale alla società più numerosa il compianto presidente A2A Giuliano Zuccoli.
Complessivamente, ma le iscrizioni stanno continuando ad arrivare, soprattutto per quanto riguarda i nomi di spicco, il Giro dei Laghi di Cancano 2012 si prepara a superare quota 500. Dalla start list provvisoria mancano i bambini ed i ragazzi che daranno vita alla prova corta nel circuito disegnato a ridosso dell'area di partenza; ma mancano ancora i molti appassionati che aspettano di conoscere le condizioni climatiche per poi decidere la partecipazione.
Nella zona di partenza ed arrivo della manifestazione è stato messo a punto lo spazio di accoglienza e di ristoro per tutti gli atleti e per coloro che li accompagneranno in una delle mezze maratone in quota di maggior fascino. Tutta disegnata attorno ai tre bacini (uno naturale e due artificiali) della vallata di Fraele, la mezza maratona del Giro dei Laghi si offre in uno scenario davvero unico nel Parco Nazionale dello Stelvio.
Al via della competizione saranno 72 atleti che hanno già preso parte alla Stralivigno, manifestazione a cui il Giro dei Laghi è abbinato; fanno parte del gruppo di 250 iscritti ad oggi che partiranno dall'area antistante la palazzina A2A per compiere la mezza maratona dei laghi. A loro si aggiunge il centinaio di iscritti alla mezza maratona non competitiva ed alla camminata non competitiva di 12 km disegnata attorno al bacino di Cancano (mentre la mezza maratona corre attorno anche al lago di San Giacomo).
Dicevamo dei nomi di spicco che si presentano al via della kermesse 2012. A cominciare da Said Boudalia e Domenico Ricatti (primo e secondo nella gara del 2012) proseguendo con Luca Sanna e Gianluigi Martinelli (in lotta per la combinata), Luca Cosatti e Michele Belluschi, Hicham El Barouki, Tyar Abdelhadi, Massimiliano Stroppato ed Alan Martinelli (portacolori della pattuglia di fondisti e biathleti che non disdegna la corsa). In campo femminile attese Ana Nanu (dominatrice dello Stelvio e prima lo scorso anno) e Ivana Iozzia (vincitrice nel 2009) con Giovanna Confortola e Ilaria Zen a caccia di una posizione di prestigio.

L'albo d'oro della manifestazione, il programma dettagliato, le indicazioni su come meglio raggiungere il teatro di gara, commenti e immagini si possono consultare sul sito ufficiale della società organizzatrice:
www.usbormiese.com            ISCRITTI AL 24 Agosto

Armando Trabucchi - Ufficio Stampa

giovedì 23 agosto 2012

N TRENTINO RIFLETTORI SULLA MARCIALONGA TRA DIECI GIORNI TOCCA ALLA “RUNNING”

La Marcialonga Running festeggia le 10 edizioni domenica 2 settembre Podisti da 18 nazioni in arrivo nelle valli di Fiemme e Fassa (TN) Premio speciale per uno dei 50 senatori, 10 kg di pasta Felicetti Sabato 1 settembre cambia la quota d’iscrizione.

Per la Marcialonga Running delle valli di Fiemme e Fassa, in Trentino, il conto alla rovescia segna meno dieci giorni al via della 10.a edizione, in programma domenica 2 settembre.

Una ricorrenza importante per la gara podistica, nata nel 2003 ed apprezzata per il suo affascinante percorso di 25,5 km che interessa le due vallate trentine, da Moena in Val di Fassa fino a Cavalese in Val di Fiemme, con traguardo in quel viale Mendini che fa da cornice agli arrivi della famosa Marcialonga invernale di sci di fondo.

Ad oggi sono 1.300 gli iscritti alla 10.a Marcialonga Running. I podisti arriveranno in Trentino da ben 18 nazioni, oltre agli italiani infatti saranno al via atleti provenienti da Austria, Bolivia, Brasile, Danimarca, Germania, Lettonia, Norvegia, Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica di San Marino, Russia, Slovenia, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Ucraina e Venezuela.

L’internazionalità è una costante delle gare Marcialonga, che si tratti di sci stretti, bici oppure di podismo, e la Marcialonga Running avrà un tocco cosmopolita in più dato che sarà, per l’ottava volta, valida come prova unica del Campionato del Mondo di corsa lunga distanza per laureati in medicina e odontoiatria, e tra i partecipanti si annovera anche la vincitrice degli ultimi due titoli iridati Bianca Maria Bombagi.

Oltre a medici ed odontoiatri in lizza per il titolo, la gara trentina richiamerà sportivi di ogni genere, in particolare i fondisti e i protagonisti degli sport invernali che, fuori stagione, trovano nella bici e nella corsa le attività predilette d’allenamento.

Qualche settimana fa il bellunese Fulvio Scola era stato in Val di Fassa per una ricognizione delle piste dei prossimi Campionati del Mondo di sci nordico, e domenica 2 settembre sarà al via della Marcialonga Running, ripercorrendo una parte dei tracciati della celebre Marcialonga invernale che, nel 2010, lo vide vincitore nella versione Light di 45 km.

Insieme a Scola saranno ai nastri di partenza anche i fondisti Veronica De Martin Pinter, Ivan Debertolis e il ceco Tomas Jakoubek, oltre al vincitore dell’edizione 2009 Massimo Leonardi e ai due protagonisti della Combinata Punto3 Craft, la somma dei tempi della Marcialonga Skiing, Cycling Craft e Running, ovvero i due trentini Bruno Debertolis ed Arianna Mazzel. 

La Combinata Punto3 Craft oltre alla graduatoria individuale ne prevede anche una per squadre, dove al comando siede il terzetto composto da Moreno Giacomelli, Jarno Varesco e Renzo Corradini, i quali dopo le prime due prove disputate, ovvero la Marcialonga di sci di fondo a gennaio e la Marcialonga Cycling Craft a maggio, guidano la classifica con il tempo parziale di 5h28’41’’.

Oltre ai tanti attesi protagonisti la Marcialonga Running festeggerà anche i suoi 50 senatori, cioè i runners che hanno corso tutte le nove edizioni fino ad oggi disputate. La festa sarà particolarmente…golosa per il 10° senatore che transiterà al 10° km del percorso (ovvero a Predazzo), al quale uno degli sponsor storici della manifestazione, Pasta Felicetti, offrirà 10 kg di pasta. La buona tavola trentina sarà protagonista anche al pasta party finale, dove il Caseificio Sociale Cavalese offrirà l’apprezzato Formae de Fiemme, il formaggio dei Campionati del Mondo 2013 noto per le qualità nutritive adatte agli sportivi.

I prodotti tipici del Trentino saranno parte integrante del pacco gara, e alla pasta Felicetti si aggiungeranno anche barretta energetica e borraccia Enervit, telo mare in microfibra, labello ITAS Assicurazioni, salviette detergenti One Day Sport, crema labbra Blistex e prodotti Plakkontrol.

Tutto “made in Fiemme” anche il trofeo della Marcialonga Running, realizzato con il legno dei famosi abeti di risonanza delle foreste fiemmesi, utilizzato dai liutai. Tra i premi per i vincitori spiccano anche quelli più…materiali, quest’anno il comitato organizzatore presieduto da Alfredo Weiss ha scelto di aumentare il montepremi complessivo, e in tutto sono previsti oltre 4.000 Euro di riconoscimenti in denaro per i primi dieci classificati.

Quella di domenica 2 settembre sarà una grande festa per tutti, anche per i più piccini che potranno divertirsi alla Minirunning, l’appuntamento per podisti in erba tra i 6 e i 12 anni, su un breve tracciato di 600 metri in zona arrivo, a Cavalese.

Fino al giorno di vigilia proseguono le iscrizioni, la quota da versare è di 28 Euro fino a venerdì 31, mentre soltanto sabato 1° settembre ammonterà a 35 Euro.

mercoledì 22 agosto 2012

GIRO DEI LAGHI DI CANCANO 2012

Mezza maratona in quota a Cancano: il fascino dei 21 km attorno ai laghi.

Domenica 26 agosto l’appuntamento per gli appassionati podisti è di quelli da segnare sul calendario. E’ la settima edizione del GIRO DEI LAGHI DI CANCANO, prova di mezza maratona in quota, ai 1900 metri dei laghi artificiali di Cancano, in Alta Valtellina a Valdidentro (SO).
Organizzata dall’Unione Sportiva Bormiese, sodalizio sportivo che negli ultimi anni ha dato prova di grande capacità organizzativa (vedi nel 2012 il coordinamento organizzativo dell’arrivo del Giro d’Italia allo Stelvio, la Mapei Day con salita ciclistica, podistica e con ski roll sempre allo Stelvio, il ritiro del Genoa Calcio con il settore della Bormiese Calcio), grazie all’importante sostegno e supporto di A2A, Comune di Valdidentro e Parco Nazionale dello Stelvio, la prova rappresenta davvero un’opportunità unica per vivere una giornata di sport immersi in una natura spettacolare e con paesaggi mozzafiato.

La peculiarità del percorso – tutto su sterrato - è anche quella di non presentare grandi difficoltà altimetriche.

Ne sono dimostrazione i tempi fatti registrare dai vincitori delle passate edizioni vicini all’ora e dieci minuti.

Gli organizzatori hanno previsto oltre alla mezza maratona FIDAL anche una mezza maratona non competitiva, aperta anche agli over 65 e una camminata non competitiva di circa 11 chilometri (quest’ultima con percorso che gira attorno al bacino artificiale di Cancano).

Per i concorrenti vi è la possibilità di ritirare i pettorali anche nella giornata di sabato 25 agosto, dalle ore 14 alle ore 17 presso gli uffici dell’Unione Sportiva Bormiese a Bormio.

Oltre ovviamente la mattina della gara, con ritrovo dalle ore 7,00 al Ristoro Monte Scale da Guido su direttamente alla partenza.

Negli ultimi giorni sono aumentate anche le richieste di partecipazione alla gara: ad oggi sono circa 200 i concorrenti che hanno dato la loro adesione.

Molti di questi sono gli iscritti alla combinata LA MARATONA DIVISA IN 2, che hanno da subito aderito alla proposta di partecipare sia alla Stralivigno sia al Giro dei Laghi: per loro la possibilità di uno sconto sui costi di iscrizione e anche l’opportunità di provarsi sui due tracciati spettacolari di Livigno (nella prova già effettuata domenica 29 luglio) e di Cancano.

La partenza della mezza maratona FIDAL è fissata alle ore 10,00: a seguire subito dopo prenderanno il via i concorrenti alla prova non competitiva di 21 chilometri.

E prima della partenza della camminata non competitiva – prevista alle ore 10,45 – verrà riproposta anche la manifestazione CANCANO SPRINT, con prove differenziate per le categorie dei bambini e ragazzi.

Al termine delle gare previste, i concorrenti, gli accompagnatori e gli spettatori potranno ritemprarsi e rifocillarsi sotto il grande tendone montato per l’occasione, gustando le tipiche specialità locali, nel polenta party predisposto dai cuochi volontari.

A seguire l’interessante e ricca premiazione.

Nell’edizione 2012 l’organizzazione ha previsto anche un premio speciale per la società più numerosa presente a Cancano (escludendo la società di casa dell’Us Bormiese Atletica): il premio alla memoria di Giuliano Zuccoli, l’ingegnere morbegnese che era stato per anni presidente di AEM prima e di A2A dopo, scomparso a febbraio 2012.

lunedì 20 agosto 2012

2^ Maratona delle Alpi San Bernardo Valle del Drogo

Ieri 19 Agosto è andata in scena la 2^ ediz. Della Maratona delle Alpi. La gara , promossa dal consorzio della frazione di San Bernardo in collaborazione con il Mera Athletic Club, si sviluppava su un circuito ad anello con partenza ed arrivo presso il piazzale della chiesa di San Bernardo, comune di San Filippo a 1099 metri di quota. Il percorso ha portato gli atleti ad attraversare San Rocco, l’Alpe Drogo, fino al bacino artificiale del Truzzo a 2114 di altitudine dove era situato il GPM.  Da questo punto è iniziata la discesa, passando per l’Alpe Laguzzolo, la frazione Martino ed arrivare nuovamente a San Bernardo.
Il caldo ha fatto da padrona ed ha accompagnato i circa 90 atleti, lungo tutti i 21.45 chilometri del percorso per un dislivello positivo di 1311 metri.
Nessuna sorpresa nella gara maschile, dominata dal forte atleta bergamasco GOTTI PAOLO atleta del GS Altitude che subito dopo lo sparo dello starter ha messo la freccia e ha portato a termine la gara in solitario con il tempo di 2h 14’ 04” davanti all’altro atleta bergamasco CARRARA LUCA (GS Cral Banca Pop.BG) che ha chiuso la sua fatica in 2h 17’55”, terzo posto a completare il podio il sempreverde COMPAGNONI VENANZIO (Atl.Alta Valtellina) in 2h 17’ 57”.
Più combattuta, nella parte iniziale la prova femminile, dove la vincitrice COMBI LORENZA (Runners Colico) dopo aver scollinato al GPM a un minuto da MARTINUCCI IVONNE, costruiva la sua vittoria nella parte in discesa ed arrivava al traguardo a braccia alzate in 2h 51’ 44”, davanti alla rappresentante dei Bocia di Verano Brianza, FUMAGALLI CHIARA che chiudeva con il tempo di 3h 01’ 00” e al terzo gradino del podio Acquistapace Monia del GP Santi Nuova Olonio con il tempo di 3h 02’06”.     
CLASSIFICHE            FOTO              VIDEO

domenica 19 agosto 2012

2^ Edizione " Maratona delle Alpi" San Bernardo Valle del Drogo

Gotti Paolo Vincitore della prova maschile


Podio Maschile al fresco
Arrivo Combi Lorenza
Podio Femminile
A breve online FOTO - VIDEO e Resoconto gara.





giovedì 16 agosto 2012

BENO, Enrico Benedetti racconta le sue " 4 gare in 5 giorni"

Sono un po' di anni che cerco di concentrare le gare in pochi periodi durante l'anno, e questo perché preferisco andare a camminare in montagna la domenica che dovermi confrontare su un tracciato agonistico. Sono 18 anni che faccio competizioni e sono un po' saturo.
La settimana di Ferragosto mi permette di avere 4 gare molto ravvicinate, tutte brevi e precedute da un periodo in cui ho la fortuna di potermi allenare bene in altura presso il rifugio ADM a Campo, a m 1744 sopra Ponte in Valtellina. Con queste corse riesco a pagar dazio e lì concentrare la mia stagione agonistica, che comunque mi sento in dovere di affrontare.
Quest'anno, a causa di una tendinite al bicipite femorale che mi si è cronicizzata a febbraio, non sono riuscito ad allenanarmi bene fino a giugno. Poi, all'attenuarsi del fastidio, ho deciso di sottopormi a 3
settimane di allenamento intensivo finalizzate al correre al meglio le 4 gare della settimana di Ferragosto.
ALLENAMENTI

Ho fatto 10 allenamenti a settimana (9 ore complessivamente), mediamente 6 sedute di lento sui 10-15 km e 4 carichi (ripetute, medi o fartleck). Le ho svolte principalmente su percorso ondulato, senza mai fare grandi salite o discese impegnative. Nelle pause diurne tagliavo legna o andavo per funghi. Purtroppo quest'anno il capitano Zugnoni non aveva ferie e così ho dovuto correre sempre da solo, al limite accompagnato da qualche cervo o da un gallo forcello che la sera mi aspettava sul sentiero!
Qualche volta siamo scesi da Campo per altri impegni e in una di queste giornate (3 agosto) sono andato al rifugio Marinelli di corsa salendovi in 55' dal parcheggio sotto la diga di Campo Moro. Non ero mai stato così veloce e ho capito che la forma stava arrivando.
Martedì 7 ho finito la mia preparazione, finalizzandola mercoledì con una scalata di 15 ore sul gruppo del Coca
(http://www.clickalps.com/galleria/admin/forum/viewtopic.php?f=32&t=1614)
che mi ha disintossicato dalla dedizione alla corsa e dal prendere l'attività troppo sul serio: mica sono un professionista!
A riprova di ciò è stata la dieta seguita, basata fondamentalmente sui cibi che mi piacciono: polenta, luganeghe, formaggi; il tutto accompagnato da vino e birra.
Vi assicuro che mangiare pasta in bianco o pollo lesso per me è talmente fonte di depressione che mi farebbe peggiorare tutte le prestazioni.
LE GARE


Qualche giorno di scarico e ho iniziato le gare il 12 a Chiareggio con la "Camminata dei 3 ponti", bella corsa di 6 km su percorso ondulato, dove ho realizzato, nonostante le gambe ancora imballate, il mio personale (21' 49'').
Al pomeriggio passeggiata al lago Pirola, poi il giorno seguente sono risalito a Campo passando i 2 giorni successivi a lavorare al computer e riposare (alla sera solo 30' di lento).
Il 15 mattina corro la "Lanzada-Ponte", gara tutta in salita molto muscolare. Questo tracciato è il più adatto alle mie caratteristiche.
Pure lì realizzo il mio personale (23'35''), abbassando di quasi 40 secondi il record della gara. Secondo è la giovane promessa del CSI Morbegno Marco Leoni (pure lui chiude sotto il vecchio record), terzo l'inossidabile Enzo Vanotti.
Con Marco ci diamo  appuntamento al pomeriggio: seconda manche a Mellarolo (val Gerola), dove si svolge la tradizionale "Camminata del Dos de sant'Antuni", corsa su e giù  per i sentieri del paese. Salita di 16 minuti e discesa tutta da spingere.
Anche qui la spunto e, nonostante le gambe iniziano ad essere pesanti e il tracciato è stato allungato rispetto a quando l'avevo fatto 2 anni fa, chiudo con il mio personale (22' 49'').
Punto tutta la gara sulla salita, dove scollino con un margine tale da potermi gestire e non prendere troppi rischi in discesa. Cammino addirittura le scalinate. Forse Marco, accollato a Graziano Zugnoni, è partito troppo forte nei primi minuti, tanto che un tracotante Alessandro Gusmeroli per poco non gli soffia l'argento.
E il 16 siamo all'ultima gara: la Cursa sui munt di Caspoggio. Mi sveglio al mattino che mi sento un rottame: il tendine fa male; ma è l'ultima e stringo i denti.
Nella lista di partenza ci sono anche Davide Sertore e Alessandro Gusmeroli, due ragazzi che quest'anno sono molto in forma. Anche loro hanno corso ieri arrivando quarto e terzo, uno a Lanzada e uno a Mellarolo, ma si sono evitati la doppia gara e so che se non darò il massimo mi arriveranno davanti.
Oggi affronteremo un tracciato più lungo, di circa 34 minuti, dove c'è una discesa tecnica, in buona parte su prato e, dannazione, piove!
Stessa tecnica: provo a prendere vantaggio in salita per poi gestire.
Anche oggi ci riesco, anzi ho ben più margine del previsto anche se le gambe sono meno brillanti e faccio fatica nei cambi di ritmo.
In discesa pecco di ingenuità e, non volendo prendere rischi, scendo con attenzione; solo  il mio vantaggio si è assottigliato a una ventina di secondi, inizio a spingere.
Ma una, due, e tre volte sbaglio strada.
Così, all'ultimo errore a 400 metri dal traguardo, vengo passato e butto via una vittoria che praticamente avevo già in tasca (nulla da togliere con ciò al bravissimo  Gusmeroli, autore di una discesa da incorniciare).
Un po' scornato eccomi al traguardo, in bilico tra l'amarezza di aver gettato al vento l'ultima gara e la contentezza che con ottimi risultati ho archiviato la mia stagione agonistica, almeno fino alle gradi classiche autunnali.
E ora, finalmente, darò libero sfogo ai miei progetti sulle cime con gli amici!
 
BENO
sito web www.lemontagnedivertenti.com
fotografie http://www.clickalps.com/beno/

CORSA SUI MUNT - Caspoggio, 16 agosto

Organizzata dall'associazione Sportiva Dilettantistica di Caspoggio è andata in scena nella mattinata di oggi, la seconda edizione della "CORSA SUI MUNT" gara di corsa in montagna che si sviluppava lungo le pendici che sovrastano  la località Caspoggio. Ottanta i concorrenti al via che alle 10 in punto, scanditi dai rintocchi del campanile, sono partiti dal Centro Sportivo per attraversare  le vie di Caspoggio per poi iniziare la salita verso la località Motta, cima della gara  e dopo una lunga discesa giungere all'arrivo del Centro Sportivo. Buono il cast dei partecipanti con in testa il mitico ENRICO BENEDETTI che con la gara di oggi voleva fare il tris di vittorie in due giorni dopo quelle di ieri, nella mattinata a Lanzada e nel pomeriggio in Valgerola. Beno ha passato il punto più alto della manifestazione al comando e tutti si aspettavano un suo arrivo in solitaria ma putroppo nel finale, un errore di percorso lo costringeva a percorrere ulteriori metri, dando via libera a GUSMEROLI ALESSANDRO che nella parte in discesa aveva recuperato parte del gap perso in salita e lo portava a vincere questa seconda edizione a braccia alzate.
La gara al femminile è stata dominata dal duo ASPARINI SARA e CIAPONI MARA che sportivamente arrivavano al traguardo in contemporanea  a braccia alzate.   
Classifica Maschile      1° Gusmeroli Alessandro     34' 09" 98
                                      2° Benedetti Enrico              34' 21" 51
                                      3° Serore Davide                  34' 26" 32
                                      4° Schenatti Luca                 36' 08" 15
                                      5° Zugnoni Graziani             37' 17" 70

Classifica Femminile    1° Asparini Sara                    46' 53" 54
                                      2° Ciaponi Mara                    46' 53" 54
                                      3° De Bei Francesca              55' 38" 97
        


mercoledì 15 agosto 2012

SCARPONATA Lanzada Ponte

Da Lanzada alla loc. Ponte è andata in scena in questa giornata di ferragosto la gara di corsa in salita (500mt di dislivello in salita in 3,2 Km di sviluppo).
90 i concorrenti che si sono cimentati in questo impegnativo percorso.
Alla quarta vittoria con il record della gara per ENRICO BENEDETTI su MARCO LEONI ed ENZO VANOTTI.  Al femminile vittoria di ELEONORA BAZZONI su CHIARA ROSSI e MILENA BARDEA.
CLASSIFICHE          FOTO

UNA MONTAGNA DI SUONI

Nella giornata di martedi, con lo sfondo dei laghetti di Campagneda e della cima del PizzoScalino, è andato in scena il concerto del "Quintetto di Ottoni" 

domenica 12 agosto 2012

RinCorrendo le stelle cadenti

Un grande successo di partecipanti e di pubblico quello della prima edizione di RinCorrendo le stelle cadenti.
Ben centoventi gli atleti ai nastri di partenza, provenienti anche da fuori provincia.
I "top runner" si sono dati battaglia in un sali-scendi davvero muscolare, fra i vicoli e le corti di Fusine.
Da subito Mirko Pedroli (Pedro) del Castelraider ha dato filo da torcere a tutti, chiudendo in un tempo di 17'59" e lasciando il secondo posto all'atleta di casa Mario Maffezzini (18'41"). Medaglia di bronzo maschile al giovanissimo Francesco Leoni, della PolAlbosaggia che ha tagliato il traguardo in 18'43".
Medaglia d'oro miglior tempo a Cinzia Cucchi (21'42") che ha distaccato Sara Asparini (CSI Morbegno) di soli 23".
Completa il podio femminile Giulia Murada (PolAlbosaggia) con il tempo di 23'22".
Ma il vero protagonista di questa serata non era certamente il cronometro!
Tantissimi gli atleti che sono giunti semplicemente per divertirsi e godersi il suggestivo percorso nel caratteristico centro storico del paese, camminando o correndo, ognuno secondo le proprie possibilità (e la propria volontà).
Parte del ricavato della corsa/camminata è stato devoluto all'associazione A.S.D. in ricordo di Matteo Aili, ragazzino di soli 12 anni prematuramente scomparso a causa di una grave malattia.
L'associazione sta cercando di concretizzare un importante progetto a favore di bambini malati e ci è sembrato doveroso contribuire per sostenere questa nobile causa.
Grazie al Vostro contributo siamo riusciti a donare 327 euro... non saranno tanti... ma ricordiamoci che...tante piccole gocce... formano il mare!
Questa è la dimostrazione di come lo sport può unire e creare delle sinergie positive.
Continuiamo tutti su questa strada!
Graziano.                                    CLASSIFICA

martedì 7 agosto 2012

RinCorrendo le stelle cadenti a Fusine.

Il Gruppo Sportivo Fusine in collaborazione con " LE FUCINE" organizza per sabato 11 Agosto una corsa (5KM) e camminata (2,5Km) non competitiva tra i ciottolati e le corti del paese. La corsa è aperta a tutti i camminatori ed agonisti. Costo iscrizione adulti euro 8 e bambini fino a 14 anni, euro 5.
Parte della quota verrà devoluta all'associazione " in ricordo di MATTEO AILI " a sostegno dei bambini ammalati.
Per ulteriori info visitate il sito www.grupposportivofusine.it

lunedì 6 agosto 2012

LONDRA 2012: Petrucci esclude un atleta per doping

Doping, l'escluso è Alex Schwazer
Il Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Giovanni Petrucci, sentito il capo delegazione, Raffaele Pagnozzi, ha disposto l'esclusione immediata dalla squadra olimpica di un atleta che non è ancora giunto a Londra.
Per tale atleta infatti il CONI ha ricevuto nel primo pomeriggio di oggi una notifica di esito avverso per un controllo antidoping disposto precedentemente dalla WADA. Il Capo Gruppo della disciplina interessata è stato prontamente informato dal CONI per gli adempimenti di conseguenza.

38° Edizione della RAMPEGADA di Pagnona buona partecipazione.

Finalmente un tempo amico con temperatura fresca durante la gara e sprazzi di caldo sole nella festa che ha poi seguito sono stati l’ideale contorno per questa 38° Edizione della RAMPEGADA di Pagnona.
La concomitanza con altri eventi sportivi non ha comunque frenato i 180 concorrenti che si sono dati battaglia sulla storica mulattiera di guerra che da Pagnona giunge all’Alpe di Campo.
Nelle due ruote, abbiamo assistito l’abbattimento del record, con una prestazione senza precedenti di Davide Trincavelli (Falchi Lecco). L’atleta mandellese, già autore di una prestazione di rilievo alla recente Introbio-Biandino, con 45’34” si porta a casa la Medaglia d’Oro riservata ai recordmen, stabilendo così il nuovo primato della gara riservata alle Mountain-bike, abbassando di oltre un minuto il precedente tempo di Davide Vecchio e distanziando di quasi 4 minuti Andrea Artusi e di 6 minuti Luca Benvenuti (Triangolo Lariano).

Ricalcando anche qua la leadership di Introbio, è il fondista bellunese Luca Bortot a concludere vittorioso la gara podistica con il tempo di 49’04”.
Luca, che ha condotto praticamente dall’inizio una gara solitaria, paga il fatto di non avere sostanzialmente avuto avversari in grado di impegnarlo nella caccia al record, che rimane ancora di Franco Zanotti esattamente ad un minuto in meno. Fattore questo di stimolo per successive edizioni…
A seguire il forte e sempre presente premanese Fausto Lizzoli (CA Lizzoli) in 53’20” e Tiziano Bertoldini (AS Premana) a completare il podio.
Il podio femminile invece è composto dall’inossidabile Daniela Gilardi (SEV Valmadrera) (26° in 1.01’56”), Debora Benedetti (GS Altitude) (30° in 1.02’15”) e la nostra Federica Tagliaferri (36° in 1.03’05”).
Primo atleta Pol.Pagnona è Gianni Muttoni (9° in 56’36”) che precede Pietro Riva (10° in 57°20).

Archiviata con successo e soddisfazione anche questa edizione, l’Organizzazione ringrazia tutti quanti hanno contribuito alla buona riuscita della Rampegada, in primis gli atleti che col loro impegno sempre tengono vivo e ad alti livelli questo annuale evento, gli sponsor, l’Associazione Alpini che ha ben tenuto vivo il dopo gara con polenta, grigliate etc.. e ci scusiamo se qualche eventuale disagio può essersi creata durante lo svolgimento della manifestazione.
                                               Le classifiche   qui

IL SIGILLO DI TADEI PIVK SULL’OROBIE SKYRAID

Il friulano Tadei Pivk domina la sesta edizione della gara bergamasca di skyrunning ai danni del trentino Daniele Cappelletti, entrambi testimonial del Team Scott. Al terzo posto il basco Jokin Lizeaga Mitxelena che lascia ai piedi del podio il russo Mikhail Mamleev. Tra le donne successo di Debora Cardone su Cristina Sonzogni e terzo posto per Carolina Tiraboschi.
Dal profondo nord-est per vincere l’Orobie Skyraid. Obiettivo raggiunto per il friulano Tadei Pivk, che ha conquistato la sesta edizione della gara bergamasca di skyrunning sulla lunghezza di 22 chilometri. Pivk ha costruito la vittoria nella seconda parte di gara. Infatti dopo il via dalla località Donico, a pochi metri dal Passo della Presolana, a dettare il ritmo di gara è stato il russo Mikhail Mamleev che ha tenuto la testa della competizione fino a Cappella Savina a circa 7 chilometri dal via, per poi essere raggiunto da Pivk. Da qui è iniziata la corsa appaiata del russo (portacolori del Valetudo Team) e del friulano - tesserato con la storica US Aldo Moro di Paluzza - fino al Rifugio Olmo, ovvero un terzo di gara. A questo punto Tadei Pivk accelera e dimostra tutta la sua potenza ed esperienza, forte di un palmares che lo ha visto terzo ai Mondiali del 2008 e più volte tricolore di specialità: il friulano saluta la compagnia di Mamleev e si invola con una galoppata solitaria, verso il traguardo di Donico, fermando il tempo a 2:14’46”.
«Sono molto contento del successo odierno perché conosco il prestigio della gara e la qualità dell’organizzazione – commenta all’arrivo Tadei Pivk, tra i testimonial del Team Scott – e questa prestazione mi conforta per il proseguo della stagione».

Mentre Tadei Pivk si involava tutto solo verso il traguardo, alle sue spalle si scatenava la bagarre per il secondo posto che ha visto il trentino Daniele Cappelletti (anch’egli del Team Scott) superare in discesa dapprima Mamleev e poi Jokin Lizeaga Mitxelena, lo skyrunner basco che già assaporava la piazza d’onore all’Orobie Skyraid e che finisce al terzo posto (mentre la moglie Ainhoa Jauregi Zubeldia chiude al quinto posto della classifica femminile). Cappelletti taglia il traguardo con 4’13” di svantaggio dal vincitore, mentre ai piedi del podio si colloca il russo Mamleev.
Tra le donne successo incontrastato di Debora Cardone del Valetudo Team con il tempo di 2:54’08” mentre al secondo posto conclude una raggiante Cristina Sonzogni del GS Altitude che anticipa per poco più di un minuto la sempreverde Carolina Tiraboschi della Fly-Up Sport.

«Soddisfatto, sono molto soddisfatto». Questo il commento di Mario Poletti, deus ex machina di tutta l’organizzazione che al termine della manifestazione dimostra un certo appagamento: «Tutto è filato liscio, e dai concorrenti ho avuto molti apprezzamenti, segno che la formula dell’Orobie Skyraid è vincente, così come quella della versione del chilometro vertical». Infatti la Fly-Up Sport di Mario Poletti organizza anche la Orobie Vertical che lo scorso 2 giugno ha visto 250 concorrenti scalare i 1.000 metri di dislivello da Valbondione a Rifugio Coca.
La classifica incrociata delle due manifestazioni ha così prodotto la Garmin Orobie SkyComb, ovvero la combinata per somma di tempi delle due competizioni. In vetta alla graduatoria finale gli stessi nomi di oggi: Tadei Pivk su Daniele Cappelletti (terzo Paolo Rinaldi del GAV Vertova) e tra le donne Debora Cardone su Carolina Tiraboschi e Silvia Cuminetti. Ad ognuno dei 6 atleti sul podio un GPS da polso della famiglia Forerunner messo in palio da Garmin Italia, partner di Orobie Skyraid.
                                                                 CLASSIFICHE

domenica 5 agosto 2012

RED ROCK 2012 – VEZZA D’OGLIO (BS) Saltano i record alla finalissima del circuito La Sportiva Gore

Saltano i record sulla 43km della Red Rock. Con prestazioni magistrali Ionut Zinca e Silvia Serafini hanno letteralmente polverizzato i precedenti primati cronometrici di Fabio Bonfanti ed Emanuela Brizio.

Tempo di finale per il neonato circuito La Sportiva Goretex Cup che, sulle vette camune, ha richiamato qualcosa 280 concorrenti. Ad imporsi, al termine di una cavalcata di ben 5 gare, le più belle d'Italia, l'hanno spuntata l'infermiera volante della Valetudo Skyrunning Italia Emanuela Brizio e il dominatore degli ultimi SkyGames Luis Alberto Hernando Alzaga.  Numeri importanti quelli registrati dalla kermesse voluta e promossa da Paolo Gregorini e Renzo Zampatti vista la concomitanza con altre ben 5 competizioni in programma per questa prima domenica di agosto.

Come da copione, due le gare previste, quella principe da 43km e la sky da 27 si sono svolte senza il minimo intoppo. Dopo il diluvio notturno, il sole è tornato a splendere sul cielo di Vezza, permettendo al comitato organizzatore di rispettare il ruolino di marcia. 

La cronaca di gara ha visto in entrambe le prove i super favoriti dei pronostici dettare i tempi sin dalle prime battute tagliando in solitaria il traguardo della fantastica Piazza 4 Luglio....
SKYMARATHON:

Partiti regolarmente alle 7.30  da Piazza 4 Luglio, gli atleti della prova lunga hanno risalito con un buon ritmo gli 8 km verso il Pianaccio. Al primo ceck point, il primo a transitare è stato il rumeno Ionut Zinca con 1'50" sul campione del mondo in carica Luis Alberto Hernando.  Terzo, con un ritardo di circa 4', l'altro spagnolo Miguel Caballero Ortega davanti al primierotto Michele Tavernaro. Nella gara in rosa la giovane Silvia Serafini ha provato a forzare il passo testando le forze alle dirette avversarie. Per lei 1' di vantaggio su Emanuela Brizio. Alle loro spalle seguivano leggermente più staccate Lara Mustat, Cecilia Mora e Sara Recenti. 

Dopo 15km il bronzo europeo 2012 della corsa in montagna Ionut Zinca ha provato a innestare il turbo provando la fuga, per lui  parziale di 2'30" su Luis Alberto Hernando, 2'50 su Miguel Caballero e oltre 6' sul binomio italiano composto da Michele Tavernaro e Riccardo Faverio. Al femminile una Silvia Serafini sempre più convinta dei propri mezzi vantava un vantaggio di ben 5'38 su Emanuela Brizio. Seguivano nell'ordine Cecilia Mora e Lara Mustat.

Sulla salita più dura di tutta la gara, i circa 300m quasi in verticale che, all'altezza del 35° km, portano all'ultimo scollinamento di Cima Rovaia Ionut Zinca ha mantenuto la leadership della gara con poco più di 2' di margine su Luis Alberto Hernando. Distacchi più importanti per la momentanea terza posizione occupata dal rimontante Riccardo Faverio - 5'31"-. Seguivano nell'ordine Michele Tavernaro a oltre 8' e Miguel Caballero a 11'e36".

Apoteosi in piazza 4 Luglio  con l'arrivo di uno scatenato Zinca che ha chiuso con il nuovo record della gara 4h20'50". Sul podio con lui Luis Alberto Hernando - 4h26'28"- il vincitore 2011 di questa gara Riccardo Faverio - 4h27'54"-. Al femminile ennesimo primato con una stratosferica Serafini - 5h13'14"- andata a vincere sulle intramontabili Emanuela Brizio - 5h27'01"- e Cecilia Mora -5h49'49"-.
SKYRACE:

Come da pronostico il talento rumeno della Valetudo Skyrunning Italia ha fatto la differenza in salita . Giorgi " Szabi" Szabolcs ha subito staccato i vari Franco Bani e Fabrizio Scalvinoni. Nella gara in rosa Anna Moraschetti ha invece staccato in salita le direte avversarie per passare in solitaria sul GPM di Monte Pagano su Grazia Pé e Margherita Bassi. Al maschile le posizioni non sono cambiate nella lunga picchiata verso il traguardo di Vezza.

Nella suggestiva cornice di Piazza 4 Luglio il giovane talento della Valetudo Skyrunning Italia ha trionfato a braccia alzate con crono di 2h19'54". Per lui un finish time decisamente superiore al record 2011 fatto segnare da Daniele Cappelletti, anche per un fondo scivoloso in seguito alle abbondanti piogge notturne. Argento di giornata per un felicissimo Franco Bani - 2h23'18" - e bronzo sulle spalle di un incredulo Fabrizio Scalvinoni - 2h27'24"-.

Nella prova femminile, a soli sette giorni dalla deludente tappa tricolore di corsa in montagna ad Adrara San Martino Anna Moraschetti si è rifatta con gli interessi fermando il crono sul tempo di 2h58'51". Sul podio con lei anche Graziana Pé - 3h15'50"- e Ida Paresi - 3h23'15"-.
CIRCUITO LA SPORTIVA GORE-TEX CUP:

Un bilancio più che positivo per il neonato challenge di corse podistiche d'alta quota che ha messo insieme le 5 più belle sky d'Italia: Valmalenco - Valposchiavo, Stava SkyRace, Dolomites SkyRace, Giir di Mont e Red Rock Skymarathon. Alla luce dei risultati ottenuti a vincere sono stati Luis Alberto Hernando ed Emanuela Brizio. Sul podio con il fenomeno aragonese sono  saliti Ionut Zinca 2° e Miguel Caballero Ortega 3°. Seguono nell'ordine Michele Tavernaro 4° e David Lopez Castan 5°, Fabio Bazzana 6°, Daniele Zerboni 7°, Francesco Baldessari 8°, Paolo Grossi 9°, Domenico Franzi 10°, Angelo Paoli 11° . Al femminile argento per Nuria Dominguez e bronzo per Chiara Gianola. Seguono Lucia Moraschinelli 4ª e Serena Piganzoli 5ª.  

DICHIARAZIONI POST RACE:

Ionut Zinca: "Sono felice. Ero determinato e motivato dopo lo smacco di Premana. Domenica scorsa ci tenevo a ben figurare al Giir di Mont. Poi invece una mal gestione della gara mi ha precluso ogni sogno di gloria. Oggi mi sono gestito molto meglio. Ho corso con la testa e capito che posso essere competitivo anche su queste distanze"

Silvia Serafini: "Sapevo di stare bene, ma sinceramente non pensavo di vincere. Manuela è una grande campionessa. Anche se a Canazei e Premana le ero arrivata davanti, su simili distanze non si possono mai azzardare pronostici. Ho corso senza osare più del dovuto, alimentandomi ad ogni ristoro... Così non sono saltata e mi sono gestita molto bene. Sono felice per il successo e per il record"

Giorgi " Szabi" Szabolcs: "Sono davvero felice. A sette giorni dalla gara di Premana ho saputo recuperare e correre con margine. Il tracciato? L'avevo provato, davvero bello.... Mi sono divertito. L'anno prossimo, magari, tornerò percorrere la gara lunga"

Anna Moraschetti: "Domenica scorsa ero delusissima dalla mia prova ai tricolori di corsa in montagna. Devo ringraziare mio fratello che, credendo in me, mi ha spronato ad iscrivermi e a correre qui a Vezza. Sono Felice. Gara bellissima e ottimamente organizzata. Ringrazio i volontari per gli ottimi ristori e tutti quelli che mi hanno tifata".

Paolo Gregorini (Responsabile comitato organizzatore): "Non poteva andare meglio. Ancora una volta il meteo è stato dalla nostra regalando uno scenario mozzafiato ai 280 concorrenti dell'edizione 2012. Dopo sette edizioni la Red Rock è cresciuta moltissimo nel livello, ora bisogna puntare su i numeri.  Per quanto riguarda invece il circuito la Sportiva Gore-Tex Cup è esordito nel migliore dei modi. Per il futuro ci sarà da lavorare per migliorarlo ulteriormente, ma siamo sulla strada giusta".